Pagina principaleGruppiConversazioniEsploraStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Il mondo nuovo (1932)

di Aldous Huxley

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
47,43667520 (3.95)1259
Huxley's classic prophetic novel describes the socialized horrors of a futuristic utopia devoid of individual freedom.
  1. 774
    1984 di George Orwell (chrisharpe, zasmine, MinaKelly, li33ieg, haraldo, Ludi_Ling, Waldstein)
    zasmine: For Orwell was inspired by it. And Orwell's 1984 is as much of a prize as it.
    li33ieg: 1984, Brave New World and Fahrenheit 451: 3 essential titles that remind us of the need to keep our individual souls pure.
    Ludi_Ling: Really, the one cannot be mentioned without the other. Actually, apart from the dystopian subject matter, they are very different stories, but serve as a great counterpoint to one another.
    Waldstein: It's essential to read Huxley's and Orwell's books together. Both present the ultimate version of the totalitarian state, but there the similarities end. While Orwell argues in favour of hate and fear, Huxley suggests that pleasure and drugs would be far more effective as controlling forces. Who was the more prescient prophet? That's what every reader should decide for him- or herself.… (altro)
  2. 511
    Fahrenheit 451 di Ray Bradbury (phoenix7g, meggyweg, Babou_wk, haraldo)
    Babou_wk: Contre-utopie, société future où l'unique but de la vie est le bonheur. Toute pratique requérant de la réflexion est bannie.
  3. 282
    Arancia meccanica di Anthony Burgess (MinaKelly)
  4. 180
    Il racconto dell'ancella di Margaret Atwood (mcenroeucsb)
    mcenroeucsb: Both are benchmarks for dystopian literature.
  5. 173
    Noi di Yevgeny Zamyatin (hippietrail, tehran)
    hippietrail: The original dystopian novel from which both Huxley and Orwell drew inspiration.
    tehran: Brave New World was largely inspired by Zamyatin's We.
  6. 151
    Il donatore di Lois Lowry (afyfe)
  7. 130
    Il Mondo Nuovo/Ritorno Al Mondo Nuovo (Italian Edition) di Aldous Huxley (pyrocow)
  8. 60
    La fattoria degli animali di George Orwell (sturlington)
  9. 71
    Non lasciarmi di Kazuo Ishiguro (sanddancer)
  10. 60
    La tempesta di William Shakespeare (Sylak)
    Sylak: Caliban in The Tempest has many parallels with John the Savage in Brave New World.
  11. 50
    Ma gli androidi sognano pecore elettriche? di Philip K. Dick (mcenroeucsb)
  12. 50
    The Machine Stops di E. M. Forster (artturnerjr, KayCliff)
    artturnerjr: If you read only one other dystopian SF story, make it this one (well, you should read 1984, too, but you knew that already, didn't you?).
  13. 40
    This Perfect Day di Ira Levin (KayCliff)
  14. 129
    Comma 22 di Joseph Heller (fundevogel)
  15. 30
    Gli eredi della terra di Kate Wilhelm (rat_in_a_cage)
    rat_in_a_cage: Hinweis auf Rückentext bei »Hier sangen früher Vögel«.
  16. 30
    Daedalus; or, Science and the Future di J. B. S. Haldane (leigonj)
    leigonj: Haldane's ideas of eugenics and ectogenesis, which are laid out alongside others including world government and psychoactive drugs, strongly influenced Huxley's novel.
  17. 30
    Piano meccanico di Kurt Vonnegut (Utente anonimo)
  18. 86
    Straniero in terra straniera (Edizione integrale) di Robert A. Heinlein (meggyweg)
  19. 21
    Uomini come dei di H. G. Wells (Sylak)
    Sylak: Basically a parody of Wells' own book published seven years earlier.
  20. 10
    City of Endless Night di Milo Hastings (fannyprice)
    fannyprice: Both books play with the implications of eugenics and social classes.

(vedi tutti i 40 consigli)

Midwest (12)
Read (4)
1930s (2)
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 1259 citazioni

Inglese (615)  Spagnolo (22)  Francese (8)  Tedesco (6)  Portoghese (Brasile) (5)  Olandese (5)  Catalano (4)  Svedese (2)  Finlandese (2)  Portoghese (1)  Slovacco (1)  Danese (1)  Tutte le lingue (672)
1-5 di 672 (prossimo | mostra tutto)
If more people read this book, it would be less likely to come true. ( )
  et.carole | Jan 21, 2022 |
H1.1.4
  David.llib.cat | Jan 21, 2022 |
mmm, i dont really know what to say about this book, i feel anything i could say has already been said, so it would make little sense, in a way it shows how the feeling of belonging, feeling accepted by your group, its the most fundamental reason why people revel against authority, when a character is being rejected its reactionary, when its accepted just goes with the flow, this happens to all characters on a way or another.

This world is probably one of the best worlds that could ever exist, a world where everyone is given the same treatment, smart people are created with the same care and love as the lowest of people. Everyone is given a place to belong, everyone is pushed to give their best and rewarded accordingly.

I sincerily fail to see whats wrong with this universe, it sounds to me like a working reality. Those who want to revel are given a place to explore their habilities, those who just want to slip into oblivion are given their opportunities, no one is "forced" to do something they dont want to do, even if, yes, everyone is conditioned to love doing particular things, no one thinks their thing to do is low or boring or feels wasted or overworked. The state cares for everyone and everyone is happy.

( )
  GridCube | Jan 17, 2022 |
Ford, this was a good book!

Huxley's Brave New World (often mentioned in the same breath as Orwell's 1984) is set in a dystopian London as an exaggerated version of the mass-producing and materialistic world back in the early decades of the 1900s (around the time of Henry Ford). Despite that, it is in fact easily applicable to our modern times - maybe even more so than the 1900s. The world-building was something I found enjoyable and all the small details thrown here and there to construct this world were absolutely worth it.

BNW is, in fact, a prophetic warning of the dangers of our lifestyles and societies should we blindly embrace consumerism and inadvertently demolish the individuality and characters of humans. It is quite surprising that Huxley managed to pack this book with so many ideas and themes in less than 300 pages. Somehow, it is rich enough to lend itself to multiple interpretations and to present numerous questions worth pondering on. It is a critical piece on how science, technology, politicians, and the media (though not explicitly mentioned in BNW - but the parallels are obvious) could intervene more than necessary in our social order. BNW also has a unique mixture of sociology, morality, philosophy, and religion all blended seamlessly together into an intriguing dystopian whole.

What I did not like about BNW, however, was the writing style which was not to my taste, as well as the plot itself (one could argue that it's not meant to be plot-driven - which I would agree with, but I felt the plot could've been much better).

Recommended. And dare I say that I could relate to this book a lot more than 1984.
4-4.5/5

( )
  nonames | Jan 14, 2022 |
L'audiolibro narrato da Michael York rende perfettamente i momenti di indottrinamento, di confusione e conflitto interno dei personaggi (less stitches, more riches mi rimbomberà in testa a lungo).

Il mondo descritto dall'autore è spaventosamente piatto, con un sistema a caste dove gli embrioni vengono cresciuti con solo lo scopo lavorativo in vista, e una volta lattanti, sottoposti a sistemi di condizionamento che impediranno ogni slancio ad eccezione di quelli capitalistici: persino il rammendo è scoraggiato in favore dell'acquisto del nuovo.

I pochi che subiscono questo condizionamento in modo imperfetto sono ostracizzati, in quanto "strani", ma le poche isole che sfuggono a questi sistemi vengono mantenute nel degrado e nella sporcizia, una sorta di "riserve indiane" che ricordano le bidonville nel terzo mondo, dove i turisti possono rabbrividire e credere che quella fosse la situazione di tutto il globo prima dell'avvento del nuovo sistema di governo.

Il quadro è deprimente, i personaggi estremamente superficiali (d'altronde è anche normale, visto il contesto), ma sebbene sia un libro datato sotto molti aspetti, si difende ancora bene sotto molti altri. ( )
  JaqJaq | Jan 7, 2022 |

» Aggiungi altri autori (57 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Huxley, Aldousautore primariotutte le edizioniconfermato
Atwood, MargaretIntroduzioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Binger, CharlesImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Bradshaw, DavidIntroduzioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Brochmann, GeorgTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Herlitschka, Herberth E.Übersetzerautore secondarioalcune edizioniconfermato
Hernández, RamónTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Heuvelmans, TonPostfazioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
McAfee, MaraIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Mok, MauritsTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Montagu, AshleyIntroduzioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Moody, PaulineTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Orras, I. H.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Rosoman, LeonardIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Salemme, AttilioImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Snow, GeorgeImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Southwick, RobertA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Szentmihályi Szabó, PéterTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
York, MichaelNarratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato

È contenuto in

Ha l'adattamento

È riassunto in

Riceve una risposta in

Ha come supplemento

Ha come guida per lo studente

Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Luoghi significativi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Eventi significativi
Film correlati
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Les utopies apparaissent bien plus réalisables qu'on ne le croyait autrefois. Et nous nous trouvons actuellement devant une question bien autrement angoissante : comment éviter leur réalisation définitive ?… Les utopies sont réalisables. La vie marche vers les utopies. Et peut-être un siècle nouveau commence-t-il, un siècle où les intellectuels et la classe cultivée rêveront aux moyens d'éviter les utopies et de retourner à une société non utopique moins 'parfaite' et plus libre.
(—Nicholas Berdiaeff)
Dedica
Incipit
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
A squat grey building of only thirty-four stories.
Citazioni
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Unorthodoxy threatens more than the life of a mere individual; it strikes at Society itself.
..."What fun it would be," he thought, "if one didn't have to think about happiness!"
"I don't want comfort. I want God, I want poetry, I want real danger, I want freedom, I want goodness. I want sin ... I'm claiming the right to be unhappy". "Not to mention the right to grow old and ugly and impotent; the right to have syphilis and cancer; the right to have too little to eat; the right to be lousy; the right to live in constant apprehension of what may happen tomorrow; the right to catch typhoid; the right to be tortured by unspeakable pains of every kind." ... "I claim them all".
"All conditioning aims at that: making people like their unescapable social destiny."
"No civilisation without social stability. No social stability without individual stability."
Ultime parole
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Brave New World is by Aldous Huxley. If you have H.G. Wells as the author of Brave New World, please correct your data. Thank you.
Redattore editoriale
Elogi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Lingua originale
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
DDC/MDS Canonico
LCC canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese

Nessuno

Huxley's classic prophetic novel describes the socialized horrors of a futuristic utopia devoid of individual freedom.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Biblioteca di un personaggio famoso: Aldous Huxley

Aldous Huxley ha una Legacy Library. Legacy libraries sono le biblioteche personali di famosi lettori, aggiunte dai membri di LibraryThing che appartengono al gruppo Legacy Libraries.

Vedi il profilo legale di Aldous Huxley.

Vedi la pagina dell'autore di Aldous Huxley.

Link rapidi

Voto

Media: (3.95)
0.5 11
1 175
1.5 42
2 615
2.5 132
3 2602
3.5 576
4 4871
4.5 530
5 4003

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 166,069,698 libri! | Barra superiore: Sempre visibile