Pagina principaleGruppiConversazioniAltroStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Il giovane Holden (1951)

di J. D. Salinger

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiConversazioni / Citazioni
69,764108314 (3.78)3 / 1124
Il protagonista del romanzo ©· Holden Caulfield, un sedicenne statunitense proveniente da una famiglia benestante che scrive dall'ospedale in cui ©· ricoverato per tubercolosi. Il romanzo si apre con la sua figura solitaria che, su una collinetta, assiste ad una partita di football della squadra delle superiori, sebbene la sua mente sia completamente altrove. Quella che sta vedendo sar© la sua ultima partita in quella scuola, giacch©♭ ©· stato espulso per non esser riuscito a superare abbastanza esami. Prima di tornare in camera decide di passare a trovare il suo ormai ex professore di storia Spencer, uomo che nonostante la sua et© avanzata ha suscitato in lui un sentimento di simpatia. Ma non appena mette piede in casa del professore capisce che la sua non ©· stata una buona mossa e sente subito un forte odore di ramanzina, che naturalmente non si fa attendere. Il professore per©ø ©· seriamente preoccupato dell'atteggiamento di Holden, ma non si rende conto che umiliandolo e con altri atteggiamenti, odiati da Holden, non fa altro che accrescere la rabbia del ragazzo, che perde ogni simpatia che prima nutriva verso il proprio insegnante...… (altro)
  1. 197
    Into the wild di Jon Krakauer (Graphirus)
  2. 2413
    Comma 22 di Joseph Heller (rosylibrarian)
  3. 90
    La campana di vetro di Sylvia Plath (emydid)
  4. 50
    La versione di Barney di Mordecai Richler (UrliMancati)
    UrliMancati: It has been said that Barney is Holden at the end of his life. While the twos do not have so much in common, the reader will definitively love both characters.
  5. 72
    Ragazzo da parete di Stephen Chbosky (Drijntje)
  6. 73
    Le mille luci di New York di Jay McInerney (InvisiblerMan)
  7. 40
    Opinioni di un clown di Heinrich Böll (DefinitelyUnlikely)
  8. 1713
    Arancia meccanica di Anthony Burgess (Sylak, SqueakyChu)
  9. 74
    Norvegian Wood di Haruki Murakami (hippietrail)
  10. 30
    Una banda di idioti di John Kennedy Toole (mcenroeucsb)
    mcenroeucsb: Books with Delusional/Enlightened Outcast protagonists
  11. 30
    Collected Stories of John O'Hara: Selected and With an Introduction by Frank MacShane di John O'Hara (Jesse_wiedinmyer)
  12. 85
    Qualcuno volò sul nido del cuculo di Ken Kesey (mcenroeucsb)
    mcenroeucsb: Books with Delusional/Enlightened Outcast protagonists
  13. 20
    King Dork di Frank Portman (Brian242)
  14. 42
    Come vivo ora di Meg Rosoff (_Zoe_)
  15. 20
    Back Roads di Tawni O'Dell (krizia_lazaro)
  16. 20
    Indignazione di Philip Roth (sushidog)
    sushidog: Early 50s boys growing up.
  17. 20
    Fruit di Brian Francis (ShelfMonkey)
  18. 10
    Little Big Man di Thomas Berger (mcenroeucsb)
    mcenroeucsb: Books with Delusional/Enlightened Outcast protagonists
  19. 10
    Quell'anno a scuola di Tobias Wolff (Tuccis1)
  20. 10
    The Punk and the Professor di Billy Lawrence (Utente anonimo)

(vedi tutti i 41 consigli)

1950s (6)
Read (25)
AP Lit (47)
Cooper (71)
scav (26)
100 (34)
Teens (3)
Read (3)
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

» Vedi le 1124 citazioni

Inglese (1,006)  Spagnolo (22)  Italiano (12)  Francese (11)  Olandese (5)  Danese (3)  Ungherese (2)  Catalano (2)  Tedesco (2)  Norvegese (2)  Slovacco (1)  Svedese (1)  Greco (1)  Islandese (1)  Ebraico (1)  Finlandese (1)  Portoghese (Portogallo) (1)  Croato (1)  Portoghese (1)  Tutte le lingue (1,076)
1-5 di 12 (prossimo | mostra tutto)
Da qualche settimana, da quando ho finito il giaguaro delle neve, mi ritrovo a pensare al ritorno. Questo lungo monologo proprio in questo momento si è sovrapposto a questi pensieri e ne è venuto fuori un mix strano di ritorno all’adolescenza. E poi quelle foto di me da studente universitario vestito quasi come sono vestito adesso, soltanto con una djellaba. Ritorno. Ma sono davvero mai partito?
  claudio.marchisio | Aug 2, 2023 |
Sono passati più di sessant'anni da quando è stato scritto, ma continuiamo a vederlo, Holden Caufield, con quell'aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo, lui e tutto quello che gli è cascato addosso dal giorno in cui lasciò l'Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli. Ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso, ad andare in scena. Perché è arrabbiato Holden? Poiché non lo si sa con precisione, ciascuno vi ha letto la propria rabbia, ha assunto il protagonista a "exemplum vitae", e ciò ne ha decretato l'immenso successo che dura tuttora. Torna, in una nuova traduzione di Matteo Colombo, il libro che ha sconvolto il corso della letteratura contemporanea influenzando l'immaginario collettivo e stilistico del Novecento.
  kikka62 | Feb 4, 2020 |
Ragazzo di 16anni, che viene espulso da scuola, (nuovamente) che decide di lasciare all'istante la scuola. Vaga per New York, non sa nemmeno lui bene dove andare, chiama diversi amici, conoscenti, perche passino insieme a lui la serata...Depresso vaga, da un appuntamento all'altro, rivanga il passato, odia il mondo e le persone che lo circondano, si sbronza..Fin quando inizia ad avere nostalgia della sua sorellina, Phoebe..
Il dialogo che ne esce con questa ragazzina è stupendo.....Il finale ripaga della
trama quasi inesistenza del libro... ( )
  Sally68 | May 20, 2018 |
Da restarci secco

Tenero Holden!!! Ma alla fine dove vanno le anitre di Central Park, d'inverno, quando quel dannato laghetto è gelato ?? ( )
  barocco | Jun 17, 2017 |
Credo siano pochi i libri in cui il protagonista è così invadente, così iconico da travalicare la storia concepita dall’autore e dare il via a una vita propria. In questo senso, il titolo italiano mi sembra quasi più adatto dell’originale – il centro nevralgico di tutto è Holden, ed è impossibile abbozzare un qualunque commento senza riconoscere questo dato di fatto.
Holden è giovane, come dice il nostro titolo, e come tale si comporta; anzi, sembra incarnare alcuni dei difetti più irritanti dell’adolescenza. Spaccone, finge di non curarsi dell’opinione altrui, inventa storie per non doversi giustificare con nessuno, talvolta è vigliacco, spesso non fa quel che vorrebbe, e fa quel che non vuole; il punto, però, è che lui stesso se ne rende conto. Holden è il primo a riconoscersi tutti i difetti di questo mondo, ad attribuirseli e a dolersene, anche se in una maniera un po’ sbruffona, come se tentasse così di allontanarli; e nasconde allo stesso modo la malinconia che permea la sua anima, una sensazione con radici profonde che nel corso del romanzo si affaccia sempre più spesso nelle riflessioni del nostro protagonista.
E’ una caratterizzazione che reputo valida ed emotivamente vicina anche ai giovani di oggi – tant’è che mi sono intravista in alcuni tratti (e in molti altri ho visto difetti e convinzioni che spero di aver lasciato indietro, insieme ai miei 16 anni). Ci sono alcuni commenti di Holden che sono evidentemente figli degli anni ‘40-‘50, ma ad eccezione di queste credo che si possa vedere in lui una figura di giovane che trascende il suo determinato tempo storico.

A dirla tutta, però, penso che se lo conoscessi nella vita reale finirei per litigarci; penso anche che berrei volentieri due dita di whiskey con lui, ci parlerei e proverei ad ascoltarlo. Nessuno, in questo libro, sembra davvero ascoltare Holden, in parte perché lui stesso non sa ancora bene come esprimere il turbamento che lo smuove, in parte perché nessuno si prende davvero la briga di farlo: abbandonano quello che a loro sembra un guazzabuglio, quando basterebbe dargli un poco di vera attenzione per aiutarlo a mettere in ordine il suo subbuglio interiore.
Il libro, così, sembra andare avanti di episodio in episodio (tant’è che è quasi impossibile riassumerne la trama – ne è esempio il mio misero tentativo). Ci sono solo brevi incontri, in cui Holden cerca di comunicare e l’interlocutore lo rigetta, consapevolmente o inconsapevolmente. Suscita pena e una sorta di desiderio di aiutarlo, almeno finché non ci si rende conto che rigetterebbe tutto questo con qualche parola sborona. Holden cerca qualcuno che lo comprenda e che lo accolga, senza compassione.

L’unica persona che sembra riuscire a dargli questo è Phoebe, la sua sorellina minore. La vecchia Phoebe, come direbbe lui, è un personaggio che non appare molto ma che viene spesso richiamata attraverso i ricordi di Holden, così come i suoi due fratelli, D. B. e Allie. C’è un forte senso di vicinanza, di sostegno reciproco, quando Holden parla di loro: anche chi non c’è più sembra essere in qualche modo presente.
Phoebe risulta senza dubbio la più tenera e la più vicina, a livello affettivo, al nostro protagonista. Credo che Salinger sia riuscito a descrivere bene anche il suo atteggiamento: non è facile rendere realistico il comportamento di una bambina di dieci anni. Mi è piaciuta particolarmente una scena in cui tiene il muso a Holden – perché è un momento vero del rapporto tra fratello e sorella.
Mi sarebbe piaciuto poter vedere anche Allie, in azione: purtroppo, ci si deve accontentare delle reminiscenze di Holden. Il suo guantone da baseball è un oggetto dai forti connotati simbolici, che mi ha colpita per l’aura di serenità che sembra portare con sé.

Volendo tirare le somme, credo di aver capito perché a tanta gente non piace questo libro: è tutta una questione di simpatia o meno nei confronti di Holden. Proprio per la sua centralità così pervasiva, l’empatia nei suoi confronti diventa fondamentale per apprezzare il libro: se manca, diventa impossibile.
Prima di leggerlo pensavo fosse il linguaggio l’ostacolo più grande, dato che tutti parlano della tendenza del protagonista a esprimersi con determinati modi di dire e con un ritmo narrativo particolare, ma in realtà credo che sia una particolarità a cui ci si abitua in poche decine di pagine; personalmente, una volta entrata nel meccanismo, mi ha reso molto più facile l’empatia con Holden e mi ha permesso di vivere questa lettura come se fosse un’effettiva conversazione con lui. A tal proposito, la traduttrice Adriana Motti si merita solo applausi e complimenti, perché la resa in italiano dev’essere stata davvero ostica, tra i vattelapesca, i colloquialismi e il gergo americano. E ovviamente merita i giusti complimenti anche il primo creatore di questa parlata, ovvero Salinger: all’epoca la sua fu una scelta particolare e d’impatto, che si riverbera senza alcun dubbio su parte della narrativa odierna.

La conclusione lascia una forte malinconia e, allo stesso tempo, l’impressione di essere sull’orlo di un momento più felice, di un cambiamento dettato finalmente dal confronto. Eppure non voglio chiudere il mio commento con una nota triste, perché Holden è riuscito a farmi sorridere; quindi, permettetemi di sdrammatizzare con un suggerimento e un’affermazione.
Il suggerimento è quello di vedere i video di John Green su questo libro (qui e qui): dato che in America questo libro è un classico riconosciuto, la sua analisi è molto più approfondita della mia e si rifà a letture e analisi di livello universitario – oltre a essere davvero piacevole e simpatica da ascoltare, come tutte le lezioni del canale Crash Course e, in generale, i video di John e di Hank Green.
L’affermazione è questa: Holden, rivaluta Addio alle armi. So che hai scritto che non ti è piaciuto, ma secondo me gli devi un’altra chance. ( )
  Dasly | Feb 18, 2014 |

» Aggiungi altri autori (77 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Salinger, J. D.autore primariotutte le edizioniconfermato
Avati, JamesImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Östergren, KlasTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Böll, HeinrichMitwirkenderautore secondarioalcune edizioniconfermato
Fonalleras, Josep MariaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Judit, GyepesTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Mitchell, MichaelProgetto della copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Riera, ErnestTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Saarikoski, PenttiTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Schönfeld, EikeÜbersetzerautore secondarioalcune edizioniconfermato
Schroderus, ArtoTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Schuchart, MaxTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Zhongxu, SunTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato

Appartiene alle Collane Editoriali

È contenuto in

Ha un sequel (non seriale)

Ha uno studio

Ha come commento al testo

Ha come guida per lo studente

Ha come guida per l'insegnante

Premi e riconoscimenti

Menzioni

Elenchi di rilievo

Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Luoghi significativi
Eventi significativi
Film correlati
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
Dedica
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
To my mother
Incipit
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
"If you really want to hear about it, the first thing you'll probably want to know is where I was born, and what my lousy childhood was like, and how my parents were occupied and all before they had me, and all that David Copperfield kind of crap, but I don't feel like going into it, if you want the truth."
Citazioni
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
I'm quite illiterate but I read a lot.
You don’t have to think too hard when you talk to teachers.
I do not even like ... cars... I’d rather have a goddamn horse. A horse is at least human, for God’s sake.”
I always pick a gorgeous time to fall over a suitcase or something.
The best thing, though, in that museum was that everything always stayed right where it was. Nobody'd move.... Nobody'd be different. The only thing that would be different would be you.
Ultime parole
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Lingua originale
DDC/MDS Canonico
LCC canonico
Il protagonista del romanzo ©· Holden Caulfield, un sedicenne statunitense proveniente da una famiglia benestante che scrive dall'ospedale in cui ©· ricoverato per tubercolosi. Il romanzo si apre con la sua figura solitaria che, su una collinetta, assiste ad una partita di football della squadra delle superiori, sebbene la sua mente sia completamente altrove. Quella che sta vedendo sar© la sua ultima partita in quella scuola, giacch©♭ ©· stato espulso per non esser riuscito a superare abbastanza esami. Prima di tornare in camera decide di passare a trovare il suo ormai ex professore di storia Spencer, uomo che nonostante la sua et© avanzata ha suscitato in lui un sentimento di simpatia. Ma non appena mette piede in casa del professore capisce che la sua non ©· stata una buona mossa e sente subito un forte odore di ramanzina, che naturalmente non si fa attendere. Il professore per©ø ©· seriamente preoccupato dell'atteggiamento di Holden, ma non si rende conto che umiliandolo e con altri atteggiamenti, odiati da Holden, non fa altro che accrescere la rabbia del ragazzo, che perde ogni simpatia che prima nutriva verso il proprio insegnante...

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Sono passati cinquant'anni da quando è stato scritto - quaranta dall'uscita in Italia -ma quell'ansia, cosí magistralmente colta da Salinger dialogando con i piú giovani, ci è ancora vicinissima. Continuiamo a vederlo, Holden Caulfield, con la sua aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo, lui e la sua «infanzia schifa» e le «cose da matti che gli sono capitate verso Natale», dal giorno in cui lasciò l'Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli. Ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso ad andare in scena. Perché è arrabbiato Holden? Siccome non lo sappiamo con precisione, ciascuno vi ha letto la propria rabbia, ha assunto il protagonista a «exemplum vitae», e ciò ne ha decretato l'immenso successo che dura tuttora. È fuor di dubbio, infatti, che Salinger abbia sconvolto il corso della letteratura contemporanea influenzando l'immaginario collettivo e stilistico del Novecento, diventando un autore imprescindibile per la comprensione del nostro tempo.
In Italia, parte della sua fortuna il romanzo la deve alla traduzione di Adriana Motti. Holden come lo conosciamo noi non potrebbe scrollarsi di dosso i suoi «e tutto quanto», «e compagnia bella», «e quel che segue» per tradurre sempre e soltanto l'espressione «and all». Né chi lo ha letto potrebbe pensarlo denudato del suo slang fatto di «una cosa da lasciarti secco» o «la vecchia Phoebe». A distanza di quarant'anni dall'edizione italiana, Einaudi ripropone Il giovane Holden, a celebrare uno dei grandi libri del Novecento che tanto ha ancora da dire negli anni Duemila.
(piopas)
Riassunto haiku

Discussioni correnti

Nessuno

Copertine popolari

Link rapidi

Voto

Media: (3.78)
0.5 89
1 845
1.5 89
2 1672
2.5 232
3 3878
3.5 699
4 5946
4.5 594
5 6276

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 205,967,506 libri! | Barra superiore: Sempre visibile