Immagine dell'autore.

Haruki Murakami

Autore di Kafka sulla spiaggia

373+ opere 150,808 membri 3,914 recensioni 1,294 preferito
C'è 1 discussione aperta su questo autore. Vedila ora.

Sull'Autore

Haruki Murakami was born on January 12, 1949 in Kyoto, Japan and studied at Tokyo's Waseda University. He opened a coffeehouse/jazz bar in the capital called Peter Cat with his wife. He became a full-time author following the publication of his first novel, Hear the Wind Sing, in 1979. He writes mostra altro both fiction and non-fiction works. His fiction works include Norwegian Wood, Colorless Tsukuru Tazaki and His Years of Pilgrimage, The Strange Library, and Men Without Women. Several of his stories have been adapted for the stage and as films. His nonfiction works include What I Talk About When I Talk About Running. He has received numerous literary awards including the Franz Kafka Prize for Kafka on the Shore, the Yomiuri Prize for The Wind-Up Bird Chronicle, and the Jerusalem Prize. He has translated into Japanese literature written by F. Scott Fitzgerald, Raymond Carver, Truman Capote, John Irving, and Paul Theroux. (Bowker Author Biography) mostra meno
Fonte dell'immagine: Elena Seibert

Serie

Opere di Haruki Murakami

Kafka sulla spiaggia (2002) 18,040 copie
Norvegian Wood (1987) 16,272 copie
1Q84 (2009) 8,922 copie
Sotto il segno della pecora (1989) 7,756 copie
After Dark (2004) 6,933 copie
La ragazza dello Sputnik (1999) 6,798 copie
Dance dance dance (1988) 5,975 copie
L'arte di correre (2007) 5,020 copie
Tutti i figli di Dio danzano (2000) 4,092 copie
Underground (1997) 2,581 copie
La strana biblioteca (1982) 2,136 copie
Uomini senza donne (2014) 2,086 copie
Killing Commendatore (2017) 1,851 copie
Wind / Pinball: Two Novels (1979) 1,415 copie
1Q84 Book 1 (2009) 1,155 copie
1Q84 Book 2 (2009) 745 copie
Hear the Wind Sing (1979) 668 copie
Pinball, 1973 (1980) 491 copie
Birthday Stories (2002) — A cura di; Collaboratore — 455 copie
Novelist as a Vocation (2022) 363 copie
Sonno (1990) 335 copie
Von Beruf Schriftsteller (2013) 230 copie
Vintage Murakami (2004) 224 copie
Norwegian Wood, Part 1 (1987) 181 copie
Birthday Girl (2002) 175 copie
Desire (2017) 142 copie
Norwegian Wood, Part 2 (1987) 122 copie
Super-Frog Saves Tokyo (2006) 57 copie
Abbandonare un gatto (2019) 52 copie
Murakami Diary 2009 (2008) 39 copie
Portraits in Jazz (1997) 28 copie
Kangoeroecorrespondentie (2012) 22 copie
Dance Dance Dance, Book 1 (1988) 20 copie
TV People [short story] (1990) 19 copie
A Slow Boat to China (1986) 18 copie
Town of Cats 18 copie
Dance Dance Dance, Book 2 (1988) 17 copie
Dead Heat on the Carousel (1985) 17 copie
De broodjesroofverhalen (2012) 16 copie
Honey Pie (2023) 16 copie
Yesterday (2014) 16 copie
The Sheepman's Christmas (1985) 15 copie
İmkansızın Şarkısı (2016) 14 copie
Tōkyō Kitanshū (2005) 13 copie
The Ghosts of Lexington (1996) 13 copie
Asalto a las panaderías (2015) 10 copie
Drive My Car (2022) 8 copie
With the Beatles (2020) 8 copie
Kino (2015) 8 copie
Dabchick (2000) 5 copie
The WInd Cave 4 copie
村上さんのところ (2015) 4 copie
2003 4 copie
Música, Só Música (2022) 4 copie
Prima persona singolare (2022) 4 copie
ふわふわ (2001) 4 copie
A Menina Dos Anos (2020) 4 copie
Fuwa Fuwa 4 copie
Family Affair 3 copie
1Q84 Sampler (2011) 3 copie
Yrke forfatter (2022) 3 copie
ריקוד האדמה (2008) 3 copie
Komtuuri tapmine (2021) 3 copie
Sadece Müzik (2021) 3 copie
A Window 3 copie
身為職業小說家 (2016) 3 copie
村上春樹 雑文集 (2011) 3 copie
The Little Green Monster — Autore — 3 copie
Samsa in Love (2013) 3 copie
Cream 3 copie
Birinci Tekil Sahis (2021) 3 copie
Persoana Intai Singular (2022) 2 copie
Norvezhskiy les (2017) 2 copie
Uten enten (2008) 2 copie
村上ラヂオ (2001) 2 copie
TV-люди 2 copie
Ainsuse esimene isik (2023) 2 copie
Storie 50 (2003) 2 copie
Agenda 2010 1 copia
聽風的歌 1 copia
海邊的卡夫卡 (2003) 1 copia
Yu yan wu pian (1995) 1 copia
羊男的聖誕節 (2001) 1 copia
聽風的歌 (1995) 1 copia
邊境.近境 (1999) 1 copia
먼 북소리 1 copia
少年カフカ (2003) 1 copia
Nuowei de sen lin (1991) 1 copia
圖書館奇譚 (2014) 1 copia
図書館奇譚 (2014) 1 copia
村上收音機 (2002) 1 copia
În noapte 1 copia
Princeton 1 copia
Tany Takitany 1 copia
遠い太鼓 1 copia
Chinmoku 1 copia
神的孩子都在舞 (2000) 1 copia
Le sous-sol 1 copia
KAFKA NE BREG 1 copia
Ice man 1 copia
שינה (2011) 1 copia
Octobre-Décembre: 3 (2021) 1 copia
Estoig Murakami 1Q84 (2012) 1 copia
Dakunu mayime (2011) 1 copia

Opere correlate

Il grande Gatsby (1925) — Traduttore, alcune edizioni72,109 copie
Rashomon and Seventeen Other Stories (2006) — Introduzione, alcune edizioni1,109 copie
The Weird: A Compendium of Strange and Dark Stories (2011) — Collaboratore — 823 copie
The Best American Nonrequired Reading 2006 (2006) — Collaboratore — 757 copie
Sanshiro (1908) — Introduzione, alcune edizioni525 copie
The Penguin Book of Japanese Short Stories (2018) — Introduzione; Collaboratore — 356 copie
Monkey Brain Sushi: New Tastes in Japanese Fiction (1991) — Collaboratore — 235 copie
The Oxford Book of Japanese Short Stories (1997) — Collaboratore — 229 copie
The Year's Best Fantasy and Horror: Sixth Annual Collection (1993) — Collaboratore — 210 copie
McSweeney's Issue 4: Trying, Trying, Trying, Trying, Trying (2000) — Collaboratore — 163 copie
This Is My Best: Great Writers Share Their Favorite Work (2004) — Collaboratore — 160 copie
The Year's Best Fantasy and Horror: Fourth Annual Collection (1991) — Collaboratore — 154 copie
Granta 61: The Sea (1998) — Collaboratore — 148 copie
Granta 74: Confessions of a Middle-Aged Ecstasy Eater (2001) — Collaboratore — 140 copie
The Big New Yorker Book of Cats (2013) — Collaboratore — 132 copie
Granta 42: Krauts! (1992) — Collaboratore — 130 copie
Bedtime Stories (Everyman's Pocket Classics) (2011) — Collaboratore — 123 copie
The Big Book of Modern Fantasy (2020) — Collaboratore — 108 copie
Granta 124: Travel (2013) — Collaboratore — 92 copie
Granta 148: Summer Fiction (2019) — Collaboratore — 60 copie
Stories To Get You Through The Night (2010) — Collaboratore — 32 copie
Norwegian Wood [2010 film] (2011) — Original book — 19 copie
Burning [2018 film] (2018) — Original Work — 18 copie
Monkey Business: New Writing from Japan, Volume 01 (2011) — Collaboratore — 12 copie
The Playboy Book of Short Stories (1995) — Collaboratore — 11 copie
Monkey Business: New Writing from Japan, Volume 05 (2015) — Collaboratore — 10 copie
Monkey Business: New Writing from Japan, Volume 07 (2017) — Collaboratore — 8 copie
Short Stories: The Thoroughly Modern Collection (2008) — Collaboratore — 5 copie
Monkey Business: New Writing from Japan, Volume 02 (2018) — Collaboratore — 5 copie

Etichette

Americano (820) Amore (745) Anni 1920 (888) Antologia (615) classici (2,041) Classico (2,171) contemporaneo (517) da leggere (9,582) EBook (690) Età del jazz (577) Fantascienza (606) Fantasy (1,471) favoriti (580) Giappone (7,268) Giapponese (3,649) Goodreads (595) Haruki Murakami (663) Letteratura (2,639) Letteratura americana (1,371) Letteratura giapponese (3,512) letto (2,578) Murakami (1,009) Narrativa (18,872) narrativa giapponese (895) narrativa letteraria (534) non letto (756) Novecento (1,282) posseduto (658) posseduto (510) racconti (2,407) Realismo magico (2,787) Roman (795) Romanzo (702) Romanzo (3,127) Saggistica (884) surreale (608) Surrealismo (650) Tokyo (552) tradotto (528) Traduzione (1,027)

Informazioni generali

Utenti

Discussioni

Murakami anyone? in Book talk (Settembre 2023)
Printing issues in Norwegian Wood in Folio Society Devotees (Dicembre 2022)
Murakami in Folio Society Devotees (Settembre 2022)
Science Fiction in Name that Book (Gennaio 2018)
Group Read: Wind-Up Bird Chronicle in 75 Books Challenge for 2017 (Dicembre 2017)
[Kafka on the Shore] by Haruki Murakami in 75 Books Challenge for 2017 (Novembre 2017)
Colorless Tsukuru Tazaki Group Read in 75 Books Challenge for 2014 (Novembre 2014)
December 2013: Haruki Murakami in Monthly Author Reads (Marzo 2014)
1001 Group Read - April, 2013: 1Q84 in 1001 Books to read before you die (Mag 2013)
1Q84 Group Read in Author Theme Reads (Gennaio 2013)
1Q84 Group Read in 75 Books Challenge for 2012 (Novembre 2012)
The Wind-Up Bird Chronicle Group Read: Non-Spoiler Thread in 75 Books Challenge for 2011 (Agosto 2011)
The Wind-Up Bird Chronicle: Week 1 (Spoiler) in 75 Books Challenge for 2011 (Agosto 2011)
Haruki Murakami in Japanese Culture (Giugno 2011)
Norwegian Wood Group Read: General Thread in 75 Books Challenge for 2010 (Agosto 2010)
Norwegian Wood Group Read: Week Two ( Chapters 6-7 ) in 75 Books Challenge for 2010 (Mag 2010)
Norwegian Wood Group Read: Week 3 ( Chapters 8-11 ) in 75 Books Challenge for 2010 (Mag 2010)
Norwegian Wood Group Read: Week One ( Chapters 1-5 ) in 75 Books Challenge for 2010 (Mag 2010)
Group Read: The Wind-Up Bird Chronicle by Haruki Murakami in 1001 Books to read before you die (Aprile 2010)

Recensioni

Beata gioventù verrebbe da dire dopo le prime pagine di questo “Norwegian Wood” di Haruki Murakami pubblicato in Giappone nel 1987 ed in Italia nel 1993 da Feltrinelli con il titolo di Tokyo Blues (Einaudi ha poi curato una nuova edizione, con un'introduzione di Giorgio Amitrano, pubblicata con il titolo originale nella sua traduzione inglese. Alcune edizioni riportano entrambi i titoli).

Beata gioventù dunque, se non fosse che, nel procedere con la lettura, quell’immagine sognante, romantica, sfumata ad acquerello su morbida carta di seta, è dilaniata dal ritratto di una generazione, poco più che adolescente, in cui sesso e rock’n’roll sembrano farla da padroni, aspirando a pieni polmoni dall’aria dei dormitori universitari impregnata di ferormoni e sudore. Una cortina che fatica però a nascondere un profondo disagio ed una certa fragilità generazionale, evidenti nella scia di depressioni e di suicidi che non lasciano indifferenti. Essi, infatti, ci fanno riflettere su come, nel passaggio dall’adolescenza alla vita adulta, a qualsiasi latitudine o longitudine ci si trovi, gli opposti si toccano e può essere tanto più difficile coglierne i confini, quanto spostarsi da una parte all’altra. E tutto ciò non si comprenderebbe così bene se, tra le parole di questo libro, non emergessero, così come invece accade, i sentimenti veri e profondi dei personaggi di Murakami, le loro insicurezze, le aspirazioni e quella spasmodica ricerca d’amore, forse non ancora maturo al punto d’esser colto, ma certamente così vasto e profondo da potercisi perdere. Si percepisce, sovente, lo smarrimento giovanile, la difficoltà di decifrare e quindi d’esprimere la propria interiorità: “non posso mai dire quello che voglio dire” e “tutto quello che ottengo sono le parole sbagliate”.

Per Haruki Murakami, che qui scrive in prima persona, questo è il quinto libro. La sua voce narrante è quella di Toru Watanabe, ma non quella del trentasettenne che su un volo aereo rievoca con il pensiero il suo passato sulle note di “Norwegian Wood” dei Beatles, ma di quel Toru che giace tra i ricordi, del ragazzo, dello studente universitario (diremmo oggi fuori sede) nella grande Tokyo. Siamo in un Giappone tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio del decennio successivo, nel pieno della sessantotto del Sol Levante e della contestazione universitaria (poco raccontata in occidente). Tutto incomincia con un grande amore, quasi impossibile, per via che la delicata e fragile Naoko è la fidanzata del suo migliore, forse unico vero amico Kizuki (e anche questo in fondo è un amore) che, morto suicida, lascia un vuoto profondo, ma sarebbe meglio dire una sospensione apneica.

“I once had a girl. Or should I say she once had me” recita la prima strofa di Norwegian Wood dei quattro “scarafaggi” di Liverpool e in fondo quel “Una volta avevo una ragazza. O dovrei dire, lei una volta aveva me" è la sintesi perfetta di questo romanzo che, nella scrittura a tratti onirica, a volte cruda, a sprazzi soffusamente erotica di questo scrittore, in effetti scalda il cuore. Non è però una tisana zuccherina il cui gusto subito ci conquista. Ad ogni sorso si percepiscono sfumature differenti, note più amare, altre più aspre, esplosioni di dolcezza. Serve un minimo di tempo per cogliere il retrogusto che ci appaga. Perché qui parliamo della vita e pure della morte e tra le due c’è un complesso pentagramma di note esistenziali che producono melodie fantastiche, ma talvolta dissonanti.

Nel raccontare l’esperienza giovanile di Toru Watanabe, di Naoko e Kizuki, ma anche di un’altra anima femminile, Midori, che s’insinua nella mente e nel cuore del giovane universitario, Murakami ci affascina con una narrazione tutta orientale nel rapporto tra anima e stagioni del tempo e della vita, ma travalicandone i confini culturali e mostrandoci un Giappone in cui a girare sono i dischi jazz di Bill Evans e Miles Davis, dove tra le letture di culto spiccano i libri di Thomas Mann e dei contemporanei americani, dove si suona la chitarra ricreando atmosfere da figli dei fiori e canticchiando i Beatles e i Doors, dove pare d’essere in un grande immenso Starbuck con l’odore del caffè che si mescola a quello dei mozziconi di sigaretta, lattine di birra ed alcol.

Ed è forse per questo motivo che il libro è piaciuto ad entrambi gli estremi della rosa dei venti, non solo in quella che è considerata la “superba” traduzione di Jay Rubin (prima edizione inglese autorizzata per la pubblicazione fuori dell'arcipelago nipponico), ma anche in quella più rara di Alfred Birnbaum, a suo tempo data alle stampe per gli studenti giapponesi di inglese. Ma a noi, poco importa in fondo, visto che lo leggiamo nella bella traduzione in italiano di Giorgio Amitrano, professore di Letteratura giapponese presso l'Università di Napoli “Orientale”. Ha tradotto numerosi autori giapponesi tra cui Kawabata Yasunari, Mishima Yukio, Inoue Yasushi, Yoshimoto Banana (va detto per dovere di cronaca che altri libri di Murakami sono tradotti in italiano da Antonietta Pastore).

C’è nel ricordo giovanile di un Watanabe ormai adulto una sorta di nostalgia di quegli anni di giovinezza che oggi paiono lontani anni luce e rappresentano la libertà perduta con la maturità, ma c’è anche l’ostinata volontà di preservare, in quel ricordo che pare tutt’altro che sbiadito dal tempo, un dolore, quello della perdita, che qui è intimamente abbracciato ad un sentimento forte come l’amore che il racconto rinnova con disperata ostinazione. Trovo un po’ retrò la metafora, a più riprese fatta da altri recensori, dell’inverno come simbolo della morte, quella che aleggia intorno a Watanabe e Naoko che passeggiano, uno accanto all’altro, come fantasmi del passato, tra i boschi innevati. "La morte non è l'opposto della vita, ma una parte di essa" è scritto nel libro. Credo quindi che nel fluire delle stagioni, della natura, così come della vita, di cui Murakami ci fa partecipi, luce e buio, vita e morte si scambino di ruolo in un processo ineluttabile e che, proprio per questo, la vita stessa vada assaporata, vissuta. Quella stessa esistenza che a Toru Watanabe offre la possibilità, nella sospensione surreale del suo rapporto quasi platonico con la morte (Naoko/Kizuki), di scegliere di esistere in una vita reale che gli offre l'amore della irrefrenabile Midori Kobayashi. Arrivati all’ultima pagina di Norwegian Wood potremo però solo supporre la strada scelta dal giovane Watanabi, se l'amore o la continuazione nel dolore, quello che invece è certo è il messaggio contenuto tra le pagine: “i morti saranno sempre morti, ma noi dobbiamo continuare a vivere”.

E’ un libro che emoziona? Certamente sì. E lo fa con una serenità che sorprende. Lo fa con una trama che all’apparenza è di una semplicità disarmante, ma che nasconde una complessità emotiva non comune. Non ci sono colpi di scena improvvisi e imprevedibili, non ci sono buoni o cattivi, nemmeno antipatici e tantomeno eroi. Ma c’è la vita che scorre e i giorni che passano, c’è l’attesa, ci sono le pause, il lavoro, il sesso, lo studio. C’è tanta, tantissima anima in un romanzo che qualcuno vuole etichettare “di formazione”, ma che io preferisco definire un prezioso richiamo al valore della vita.
… (altro)
 
Segnalato
Sagitta61 | 355 altre recensioni | Mar 1, 2024 |
Fare largo uso dei simboli è una pratica rischiosa. Per loro natura, i simboli permettono di giocare con molteplici significati allo stesso tempo e scrivere quindi romanzi che lǝ lettorǝ può divertirsi a decifrare in vari modi, discutendo con lз suoз simili su qual sia l’interpretazione più convincente. Per non parlare poi dellз criticз di professione che possono scrivere fiumi di spiegazioni su queste opere così labirintiche.

Tuttavia, i simboli sono insidiosi perché, pur veicolando significati immediatamente riconoscibili grazie alla loro diffusione e familiarità, potrebbero comunicarne alcuni non più condivisibili. È uno dei motivi per cui ci piacciono tanto lз autorз che maneggiano vecchi simboli stantii e li rinfrescano dando loro un significato e un’interpretazione che li rendono nuovamente parte integrante delle storie che ci circondano ed entrano a far parte di noi.

Rimuginando a lungo su cosa mi era piaciuto e cosa no de L’assassinio del Commendatore, sono arrivata alla conclusione che Murakami usa i simboli in maniera classica, cioè senza stravolgerne il significato – una cosa che non ho apprezzato particolarmente – ma in un contesto innovativo – cosa che, invece, ho gradito. Penso che questo sia il motivo per cui Murakami viene così spesso accusato di sessismo – a meno che non abbia rilasciato delle interviste inequivacaboli, ma, non seguendolo, non ne ho la più pallida idea. I simboli che ruotano intorno alla figura femminile in questo romanzo sono quasi tutti abbastanza terrificanti e, anche se alcuni posso inquadrarli in un’ottica nipponica, non ho potuto fare a meno di rabbrividire.

Scritto questo, non posso affermare che L’assassinio del Commendatore non mi sia piaciuto. Nonostante non sia la mia tazza di tè, do atto a Murakami di avermi intrattenuto in sua compagnia abbastanza piacevolemente. Non diventerà il mio autore preferito, ma ho tutta l’intenzione di leggere altro di suo – eh sì, Kafka sulla spiaggia, sto pensando proprio a te.
… (altro)
 
Segnalato
lasiepedimore | 20 altre recensioni | Jan 17, 2024 |
Per certi versi, Norwegian Wood è il solito romanzo di formazione: abbiamo un protagonista, Tōru, sull’orlo dell’età adulta senza sapere bene cosa farà da grande (che, anzi, si fa trascinare dalla vita, più subendola che vivendola) e una manciata di altri personaggi abbastanza tipici del genere, dalla ragazza smaliziata e “alternativa” all’amico che, beato lui, ha già una strada da seguire.

La particolarità di Norwegian Wood sta nella malinconia e nella tristezza della constatazione che l’adolescenza sia un’età alla quale non tuttə sopravvivono, e spesso non ne sappiamo neanche il perché. Mi è piaciuto molto l’equilibrio con il quale Murakami ha affrontato l’argomento: è vero che chi è arriva all’età adulta ha avuto più forza, più coraggio e anche più fortuna, ma non c’è condanna o disprezzo per chi invece si è arresə.

Solo tristezza, per la vita sprecata, per i legami recisi, per chi rimane e deve andare avanti con più solitudine da portarsi dentro. È un ambito dove è facile scivolare nei sentimentalismi, ma Murakami se ne tiene ben lontano, limitandosi a raccontare una storia di crescita, con tutti quei momenti nei quali la vita sembra così spaventosa da lasciare senza fiato e desiderosə di fermarsi, di avere una pausa, una tregua.

Se avete intenzione di leggerlo, tenete presente che è un classico romanzo di formazione e che, anche se magari non è il capolavoro esaltato da moltə, si legge volentieri e con interesse. In definitiva, sono molto contenta che sia stato il libro di novembre di LiberTiAmo, altrimenti chissà quando mi sarei decisa a leggerlo!
… (altro)
 
Segnalato
lasiepedimore | 355 altre recensioni | Jan 11, 2024 |
Primo avvicinamento, per quanto mi riguarda, a Murakami e, in generale, alla letteratura nipponica, se escludo la fallimentare esperienza con Kenzaburo Oe, abbandonato molto presto in quanto risultatomi ostico, assai complicato da leggere (opinione non definitiva basata solo su un primo tentativo di lettura).
Con Murakami, invece, le pagine si susseguono molto velocemente grazie a una lettura coinvolgente, che mi ha proiettato in un mondo che potrebbe tingersi delle accezioni del fantastico e del surreale, ma che tutto sommato, procedendo con la lettura, mi sono accorto essere molto simile al mondo reale nel momento in cui ho tradotto il simbolismo metaforico permeato nella storia. Con ciò non voglio dire che vi sia una chiave di lettura atta a spiegare le vicende narrate, ma è proprio qui il punto di forza di questo racconto: il lettore è libero di trovare la propria direzione dei sensi, può percorrere la strada immaginaria e immaginifica che più sente propria. Una libera e personale interpretazione. Questa abilità nel creare un mondo onirico, dove non risulta strano interloquire con un uomo-pecora o con una ragazza trasparente, mi ha ricordato quanto i giapponesi abbiano nel sangue questo particolare modo di utilizzare la fantasia; vedasi Hayao Miyazaki. Abilità veicolata dagli ottimi disegni di LRNZ, che non mi aspettavo di trovare qui; una gradita sorpresa! Meno gradito, invece, è stato pagare 15 euro per 73 pagine scritte a caratteri cubitali su carta patinata e copertina rigida. Sinceramente avrei preferito che questa storia venisse trattata come un racconto, quale è, preferendo l'uso di carta, copertina e font normali piuttosto che camuffarne le sembianze e piazzarlo in mezzo ai romanzi per venderlo al prezzo di questi ultimi. Rimane il fatto che vorrò approfondire Murakami!… (altro)
½
 
Segnalato
Wiccio | 132 altre recensioni | Jan 25, 2023 |

Liste

AP Lit (1)
2020 (1)
hopes (1)
Romans (1)
2023 (1)
1980s (3)
Reiny (4)
1990s (1)
Asia (2)

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

Philip Gabriel Translator
Ted Goossen Translator
Jay Rubin Translator
Alfred Birnbaum Translator
Angela Praesent Contributor
Russell Banks Contributor
Paul Theroux Contributor
Raymond Carver Contributor
Lynda Sexson Contributor
Andrea Lee Contributor
Daniel Lyons Contributor
William Trevor Contributor
Denis Johnson Contributor
Ethan Canin Contributor
Lewis Robinson Contributor
Claire Keegan Contributor
Lourdes Porta Translator
Rupert Degas Narrator
Ursula Gräfe Übersetzer, Translator
Ursula Gräfe Translator
Giorgio Amitrano Translator
Giovanni Bandini Translator, Übersetzer
Ditte Bandini Translator, Übersetzer
John Chancer Narrator
Albert Nolla Translator
Suzanne Dean Designer, Cover designer
Chip Kidd Cover designer, Designer, Cover artist
Adam Sims Narrator
Elbrich Fennema Translator
Kat Menschik Illustrator
Elbrich Fennema Translator
Noma Bar Cover artist
Jürgen Stalph Translator
John Gall Cover designer
Maxim de Winter Translator
Annelie Ortmanns Translator
Mette Holm Translator
Leena Tamminen Translator
Jürgen Stalph Translator
Alex Gross Cover artist
Junichi Matsuura Translator
Ilkka Malinen Translator
Sabine Mangold Translator
Ray Porter Narrator
Hester Schaap Illustrator
Tim Flavin Narrator
Mark Heenehan Narrator
Jeff Peterson Narrator
Walter Lewis Narrator
Jordi Mas Translator
Ted Goosen Translator
Aleksi Milonoff Translator
Ika Kaminka Translator
Luk Van Haute Translator
Lica Hashimoto Translator
Nora Bierich Translator
Dana Ivey Narrator
Adrian Tomine Illustrator

Statistiche

Opere
373
Opere correlate
39
Utenti
150,808
Popolarità
#40
Voto
3.9
Recensioni
3,914
ISBN
2,410
Lingue
48
Preferito da
1,294

Grafici & Tabelle