Immagine dell'autore.

Suzanne Collins (1) (1962–)

Autore di Hunger games

Per altri autori con il nome Suzanne Collins, vedi la pagina di disambiguazione.

50+ opere 187,254 membri 7,755 recensioni 75 preferito

Sull'Autore

Suzanne Collins was born on August 10, 1962. She was born in Hartford, Connecticut and graduated from Indiana University with a double major in Drama and Telecommunications. Collins went on to receive an M.F.A. from New York University in dramatic writing. Since 1991, she has been a writer for mostra altro children's television shows. She has worked on the staffs of several shows including Clarissa Explains it All, The Mystery Files of Shelby Woo, Little Bear and Oswald. She also co-wrote the Rankin/Bass Christmas special, Santa, Baby! and was the head writer for Scholastic Entertainment's Clifford's Puppy Days. Her books include When Charlie McButton Lost Power, The Underland Chronicles, and the Hunger Games Trilogy. Book one of this trilogy, The Hunger Games, became a major motion picture in 2012 with Oscar-winning actress Jennifer Lawrence portraying the main character of Katniss Everdeen. Catching Fire, book 2 of the trilogy, became a major motion picture in 2013. Mockingjay - Part One was released as a film in 2014 and Part Two in 2015. (Bowker Author Biography) mostra meno

Serie

Opere di Suzanne Collins

Hunger games (2008) 64,448 copie
La ragazza di fuoco (2008) 49,095 copie
Il ‰canto della rivolta (2010) 45,153 copie
Gregor: ˆla ‰prima profezia (2003) 5,492 copie
The Hunger Games Trilogy (2010) 5,384 copie
La profezia del flagello (2004) 2,750 copie
La profezia del tempo (2007) 1,932 copie
The Hunger Games [2012 film] (2012) — Screenwriter — 1,093 copie
Year of the Jungle (2013) 176 copie
12 (2009) 4 copie
Fire Proof (1999) 3 copie
Ticket Out [2012 Film] (2012) — Writer — 2 copie
Hunger Games Journal (2011) 2 copie
Catching Fire, Part 1 (2012) 1 copia

Opere correlate

The Hunger Games: Mockingjay: Part 1 [2014 film] (2014) — Autore — 670 copie
Clifford's Puppy Days: Halloween Howl (2003) — Collaboratore — 471 copie
The Hunger Games: Complete 4 Film Collection (2012) — Screenwriter — 121 copie

Etichette

2010 (476) 2011 (584) 2012 (758) 2012-letti (620) adolescenti (800) Amicizia (562) Amore (605) Audiolibro (437) Avventura (2,431) Azione (720) da leggere (2,423) Distopia (5,887) distopico (3,042) EBook (1,028) Famiglia (430) Fantascienza (7,288) Fantasy (4,809) favoriti (685) futuristico (574) Futuro (870) Goodreads (504) Guerra (751) Hunger Games (1,917) kindle (972) letto (1,704) letto nel 2011 (453) Morte (652) Narrativa (7,922) posseduto (626) post-apocalittico (1,324) Reality show (481) Rivolta (640) Romanzo (690) Romanzo (1,168) romanzo young adult (781) Serie (2,338) Sopravvivenza (2,649) Suzanne Collins (457) YA (6,348) YA (3,990)

Informazioni generali

Utenti

Discussioni

Life in the Capitol in The Hunger Games (Settembre 2017)
Group Read: The Hunger Games in Read YA Lit (Febbraio 2014)
Mockingjay discussion -- includes *SPOILERS* in Hogwarts Express (Febbraio 2012)

Recensioni

E alla fine, nel volume conclusivo della trilogia, tutti i nodi vengono al pettine. Tutto ciò che mi aveva lasciata perplessa nei primi due volumi emerge con prepotenza ne Il canto della rivolta.

Katniss non è neanche più un'eroina. Passa l'80% del libro in stato catatonico, in ospedale o a vagare senza meta qua e là. Continua a farsi milioni di domande, a non capire quello che succede e a farsi manovrare dagli altri. Decisamente l'opposto di quello che sarebbe stato lecito aspettarsi da lei.

Continuo a ritenere Gale un personaggio irrilevante. Non sono mai riuscita a vederlo come protagonista maschile e ho trovato ridicole e fondate sul nulla le sue idee integraliste e guerrafondaie. Alla Collins serviva soltanto un personaggio dal grilletto facile ed eccolo lì.

Su Peeta non so che cosa dire. L'evoluzione della sua storia mi è sembrata una pallida imitazione di quello che accade al protagonista di 1984 di Orwell. Le modalità con le quali si riprende mi sono sembrate del tutto inverosimili.

Haymitch continua ad essere il mio personaggio preferito, insieme a Finnick, veri e coerenti antieroi di questa trilogia. La storia dal loro punto di vista sarebbe stata decisamente più interessante.

E a proposito della storia... la prima metà del romanzo è noiosissima. Non succede praticamente niente, a parte trucco&parrucco, riprese di spot propagandistici e interminabili dilemmi di Katniss. Nella seconda metà ci troviamo invece di fronte ad un sacco di splatter... tanto esagerato e poco credibile (scene che, se fossimo davanti ad un teleschermo, chiameremmo "inutile spreco di conserva di pomodoro").
… (altro)
 
Segnalato
lasiepedimore | 1,740 altre recensioni | Jul 31, 2023 |
Andando avanti nella lettura di questa trilogia trovo incomprensibile la divisione tra sostenitrici di Peeta e sostenitrici di Gale. Non mi piace nessuno dei due. Il mio sostegno va interamente a Haymitch, l'unico che sembra avere del sale in zucca in tutta questa storia.

Katniss continua a non convincermi. Non si capisce se è un'eroina o un'antieroina. Ci sono momenti in cui salverebbe il mondo e momenti in cui vuole solo salvarsi il c***. E il fatto di tenere il piede in due scarpe non la rende credibile.

Peeta è il bravo ragazzo, quello che fa sempre la cosa giusta, quello che vuole salvare la ragazza che ama anche se lei non se lo fila. E' anche quello che spara: "Katniss è incinta" in mondovisione. Una bugia bianca, insomma... nessuno si chiederà come mai Katniss non sembri affatto incinta o che prenda una batosta dopo l'altra senza conseguenze. Mi chiedo dove Peeta avesse lasciato il cervello in quel momento...

Ho trovato il personaggio di Gale insignificante. Lo vediamo fisicamente poco e quando non c'è conta poco, anche nelle infinite elucubrazioni mentali di Katniss (ragazzi, ma quante domande si fa questa? In alcuni punti la narrazione va avanti a domande!).

Impossibile non menzionare Cinna. Un gran bel personaggio per essere "solo" uno stilista di Capitol City...

Il presidente Snow. Si suppone che sia uno assolutamente privo di scrupoli e molto intelligente. Com'è possibile che si faccia fregare in questo modo? Bah... l'ho trovato un cattivo piuttosto moscio... forse affetto da manie di grandezza, ma niente che susciti un terrore paralizzante... credo che un uomo senza scrupoli avrebbe trovato mille modi per distruggere Katniss e quello che rappresenta. A partire dai mass media, dal mettere in giro "voci". Invece di fare un bel matrimonio, lancia m**** su di lei... non sarebbe stato più efficace?
… (altro)
 
Segnalato
lasiepedimore | 1,791 altre recensioni | Jul 31, 2023 |
Dopo aver sentito parlare di questo romanzo in lungo e in largo, mi aspettavo di più. Molto, molto di più.

Mi avevano detto che era estremamente crudo. Invece la protagonista, Katniss, non si trova mai davanti ad una vera e propria scelta tra sopravvivenza e morale (forse alla fine, ma dura un battito di ciglia, niente che possa lacerare il cuore del lettore). E mi aspettavo una protagonista decisamente più ca***ta, una che, da esperta cacciatrice, fosse in grado di fiutare le debolezze ed usarle a suo vantaggio. Invece se non fosse per gli altri – Haymitch, Cinna, Peeta, Rue e perfino Effie – non sarebbe quasi sicuramente sopravvissuta.
Per tutto il libro ho avuto l'impressione che Katniss fosse del tutto inconsapevole delle sue azioni, che si limitasse a lasciarsi trascinare dagli eventi. Paradossalmente, l'ho trovata un personaggio molto passivo. E molto, molto fortunata per essere finita nei terribili Hunger Games...

Peeta? Non sono riuscita a dubitare nemmeno un istante sul fatto che sia perdutamente cotto di Katniss e che la sua sia tutta una finzione a beneficio degli Hunger Games. Più maturo della sua amata (e anche mentalmente più sveglio), capisce subito come si gioca la partita.

Gli altri ragazzi scelti dalla mietitura. Muoiono tutti? Chi se ne importa. L'autrice non riesce a farci sentire il peso di queste morti. Il dramma di questo gioco crudele. E di conseguenza tutta l'imperfezione di questo mondo. D'altra parte, come potremmo avvertirla se non c'è dilemma e tensione morale da nessuna parte?

Haymitch è il mio personaggio preferito. L'unico che abbia capito tutto e che ritiene i suoi due protetti troppo ingenui per poter capire come funzionano le cose. Quindi non dice niente più dello stretto indispensabile ad entrambi.

Morale della favola, credo che Hunger Games sia stata una delle tante buone idee sprecate da troppa superficialità. Un'ennesima delusione.
… (altro)
 
Segnalato
lasiepedimore | 3,483 altre recensioni | Jul 31, 2023 |
La prima volta che l'ho letto non l'ho capito granché, probabilmente perché avevo fatto una maratona di tre libri in quattro giorni. Riletto a distanza di anni, con calma, senza l'ansia del "chissà come andrà a finire", ho potuto apprezzarlo davvero (ed ecco perché la mia valutazione è passata da 3 stelle e mezzo a 5). La complessità del gioco politico, la confusione e la disperazione di Katniss, la sua vulnerabilità, i personaggi secondari mai banali, tutto concorre per me a renderlo adesso forse il migliore della trilogia.… (altro)
 
Segnalato
Amarillide | 1,740 altre recensioni | Nov 24, 2020 |

Liste

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

Danny Strong Screenplay
Billy Ray Screenwriter
Mike Lester Illustrator
Mary Pope Osborne Contributor
Esme Raji Codell Contributor
Garth Nix Contributor
Ellen Potter Contributor
Alison McGhee Contributor
Gail Carson Levine Contributor
M. T. Anderson Contributor
Karen Hesse Contributor
David Levithan Contributor
Patrick Jennings Contributor

Statistiche

Opere
50
Opere correlate
4
Utenti
187,254
Popolarità
#25
Voto
4.2
Recensioni
7,755
ISBN
1,076
Lingue
36
Preferito da
75

Grafici & Tabelle