Immagine dell'autore.

Saul Bellow (1915–2005)

Autore di Herzog

132+ opere 30,705 membri 389 recensioni 126 preferito

Sull'Autore

Saul Bellow was born in Lachine, Quebec, Canada on June 10, 1915. He attended the University of Chicago, received a Bachelor's degree in sociology and anthropology from Northwestern University in 1937, and did graduate work at the University of Wisconsin. He taught at several universities including mostra altro the University of Minnesota, Princeton University, the University of Chicago, New York University, and Boston University. His first novel, Dangling Man, was published in 1944. His other works include The Victim, Seize the Day, Henderson the Rain King, Mosby's Memoirs and Other Stories, To Jerusalem and Back: A Personal Account, Him with His Foot in His Mouth and Other Stories, More Die of Heartbreak, and Something to Remember Me By. He received numerous awards including the 1975 Pulitzer Prize for Humboldt's Gift, the 1976 Nobel Prize in Literature, and three National Book Awards for fiction for The Adventures of Augie March in 1954, Herzog in 1964, and Mr. Sammler's Planet in 1970. Also a playwright, he wrote The Last Analysis and three short plays, collectively entitled Under the Weather, which were produced on Broadway in 1966. He died on April 5, 2005. (Bowker Author Biography) mostra meno
Fonte dell'immagine: Saul Bellow - Photograph taken during the Dejan Stojanovic's interview with Saul Bellow at the University of Chicago in the spring of 1992.

Serie

Opere di Saul Bellow

Herzog (1964) 5,169 copie
Le avventure di Augie March (1953) 3,814 copie
Il dono di Humboldt (1973) 2,973 copie
Il re della pioggia (1958) 2,850 copie
La resa dei conti (1956) — Autore — 2,564 copie
Ravelstein (2000) 1,699 copie
Ne muoiono piu di crepacuore (1987) 1,070 copie
L'uomo in bilico (1944) 999 copie
The Victim (1947) 857 copie
Una domanda di matrimonio (1997) 599 copie
La sparizione (1989) 576 copie
Collected Stories (2001) 519 copie
Il circolo Bellarosa (1989) 295 copie
Great Jewish Short Stories (1963) — A cura di — 239 copie
Saul Bellow: Letters (2010) 227 copie
The Portable Saul Bellow (1974) 57 copie
Leaving the Yellow House (2018) 50 copie
Seven Contemporary Short Novels [Third Edition] (1997) — Collaboratore — 40 copie
Great Modern Short Novels (1966) — Collaboratore — 39 copie
Seven Contemporary Short Novels [second edition] (1969) — Collaboratore — 35 copie
The Last Analysis (1936) 31 copie
Editors (2001) 23 copie
A Silver Dish (1979) 17 copie
Dangling Man / The Victim / Seize the Day (1971) — Autore — 16 copie
The Noble Savage 1 (1960) — A cura di — 14 copie
L' iniziazione (1995) 11 copie
Jerusalém Ida e Volta (2011) 7 copie
The Noble Savage 3 (1961) — A cura di; Collaboratore — 5 copie
Un recuerdo que dejo (1993) 4 copie
Romanzi 3 copie
Cartas (2011) 3 copie
Romanzi, v. 1: 1944-1959 (2007) 3 copie
CONTOS E NOVELAS I (2014) 2 copie
Agarra o Dia (2014) 2 copie
Il circolo Bellarosa (2020) 2 copie
Nobel lecture (1979) 2 copie
Romanzi, v. 2: 1960-2000 (2008) — Autore — 2 copie
Mozart 2 copie
Amozadgan (Cousins) (1990) 2 copie
Tony Tanner (1965) 2 copie
הפה הגדול (1988) 1 copia
Ringen (1989) 1 copia
The Noble Savage 2 — A cura di — 1 copia
Heros 1 copia
ממשות 1 copia
Tout compte fait (1995) 1 copia
2002 1 copia
? 1 copia
Orange Souffle, The Wen (1966) 1 copia
Oběti zlomeného srdce (2011) 1 copia
KURBAN (2006) 1 copia
Herzog, tome 2 (1975) — Autore — 1 copia
BEL Acusado 1 copia

Opere correlate

La chiusura della mente americana. I misfatti dell'istruzione contemporanea (1987) — Prefazione, alcune edizioni4,312 copie
The Best American Short Stories of the Century (2000) — Collaboratore — 1,549 copie
Literature: An Introduction to Fiction, Poetry, and Drama (1995) — Traduttore, alcune edizioni914 copie
The Best American Essays of the Century (2000) — Collaboratore — 772 copie
The Oxford Book of American Short Stories (1992) — Collaboratore — 741 copie
Gimpel l'idiota (1953) — Traduttore, alcune edizioni634 copie
The World of the Short Story: A 20th Century Collection (1986) — Collaboratore — 459 copie
Writers on Writing: Collected Essays from the New York Times (2001) — Collaboratore — 443 copie
Wonderful Town: New York Stories from The New Yorker (2000) — Collaboratore — 354 copie
The Best of Modern Humor (1983) — Collaboratore — 290 copie
The Treasury of American Short Stories (1981) — Collaboratore — 267 copie
The Best American Essays 1998 (1998) — Collaboratore — 190 copie
Granta 41: Biography (1992) — Collaboratore — 143 copie
Writers at Work 03 (1967) — Interviewee — 141 copie
The Oxford Book of Jewish Stories (1998) — Collaboratore — 128 copie
The Schocken Book of Contemporary Jewish Fiction (1992) — Collaboratore — 124 copie
Granta 10: Travel Writing (1984) — Collaboratore — 89 copie
The Granta Book of the Family (1995) — Collaboratore — 88 copie
Neurotica: Jewish Writers on Sex (1999) — Collaboratore — 85 copie
Stories from The New Yorker, 1950 to 1960 (1958) — Collaboratore — 80 copie
The Arbor House Treasury of Mystery and Suspense (1981) — Collaboratore — 52 copie
The Jewish Writer (1998) — Collaboratore — 52 copie
Art of Fiction (1967) — Collaboratore — 51 copie
The Good Parts: The Best Erotic Writing in Modern Fiction (2000) — Collaboratore — 34 copie
The Best American Short Stories 1979 (1979) — Collaboratore — 25 copie
Studies in Fiction (1965) — Collaboratore — 22 copie
Best American Plays: 6th Series, 1963-1967 (1971) — Collaboratore — 19 copie
The Best American Short Stories 1944 (1944) — Collaboratore — 18 copie
Nobel Writers on Writing (2000) — Collaboratore — 14 copie
The living novel, a symposium (1957) — Collaboratore — 14 copie
First Cases 4: The Early Years of Famous Detectives (2002) — Collaboratore — 14 copie
The Playboy Book of Short Stories (1995) — Collaboratore — 11 copie
The Public Intellectual: Between Philosophy and Politics (2003) — Collaboratore — 8 copie
Seize the Day [1986 film] (2003) — Original novel — 7 copie
Twenty-Three Modern Stories (1963) — Collaboratore — 4 copie
Twelve short novels (1976) — Collaboratore — 3 copie
The Best American Short Stories 1950 (1950) — Collaboratore — 3 copie
New World Writing - Number 12 (1957) — Collaboratore — 2 copie
Pascal Covici, 1888-1964 (1964) — Collaboratore — 2 copie

Etichette

Informazioni generali

Nome legale
Bellows, Solomon
Data di nascita
1915-07-10
Data di morte
2005-04-05
Luogo di sepoltura
Morningside Cemetery, Brattleboro, Vermont, USA
Sesso
male
Nazionalità
USA
Nazione (per mappa)
USA
Luogo di nascita
Lachine, Montreal, Quebec, Canada
Luogo di morte
Brookline, Massachusetts, USA
Luogo di residenza
Chicago, Illinois, USA
Istruzione
University of Chicago [1939]
Northwestern University [1937]
University of Wisconsin
Organizzazioni
U.S. Merchant Marines
Premi e riconoscimenti
American national book award (1965)
Prix international de litérature (1965)
Breve biografia
Saul Bellow est un écrivain et universitaire américain.

Il est né en 1915, à Lachine, une banlieue industrielle de Montréal, le 10 juin 1915. Ses parents ont émigré deux ans auparavant de la Russie du tsar, de Saint-Pétersbourg. Le père de Saul, Abraham Bellow – le « gentilhomme » évoqué dans le roman le plus autobiographique, Herzog –, après avoir fait faillite comme boulanger, exerce plusieurs petits métiers.
Enfant, Saul Bellow grandit dans un quartier miséreux de Montréal, au contact de la communauté juive. Lorsqu'il a neuf ans, la famille Bellow émigre de nouveau et s'installe dans un quartier polonais du West Side de Chicago.
Saul a une enfance rêveuse et solitaire – studieuse aussi, car il est très tôt attiré par les choses de l'esprit. L'influence juive est prépondérante; il suit d'ailleurs un enseignement talmudique.

Étudiant brillant, il fréquente l'université de Chicago, puis la Northwestern University où il étudie l'anthropologie et la sociologie. Jeune écrivain, pour gagner sa vie, il collabore quelque temps à l'Encyclopaedia Britannica tout en enseignant dans un collège de Chicago. Pendant la Seconde Guerre mondiale, il sert dans la marine marchande; dès la fin du conflit, il s'installe à New York.

Au confluent de trois cultures - américaine, russe et yiddish -, Saul Bellow se veut un moraliste, un chroniqueur de son siècle et un découvreur d'idées nouvelles. Cet humaniste est peut-être l'écrivain américain qui récapitule le mieux l'expérience des immigrants ou fils d'immigrants à la découverte de leur Amérique, en porte-à-faux dans leur pays et dans leur époque : de cette instabilité, de ce désarroi du moi, il a fait le thème de toute son œuvre, laquelle atteint rapidement une audience internationale et est couronnée du prix Nobel en 1976.

Utenti

Discussioni

One Book One Chicago Fall 2011 in Chicagoans (Agosto 2011)
The Adventures of Augie March - eromsted in Review Discussions (Dicembre 2009)

Recensioni

Bionda, elegante, imponente e sempre ben vestita, Clara Velde è la “zarina delle giornaliste della moda”. Benché sia ormai una sofisticata newyorkese, non ha mai perso del tutto quell’aria di campagna che le deriva dalle origini provinciali. Giunta al quarto matrimonio, Clara ha sempre amato un unico uomo, che non l’ha mai sposata: Ithiel “Teddy” Regler, influente consigliere del Pentagono. Il simbolo della loro passione è un anello con smeraldo che Teddy le ha regalato anni prima e al quale Clara è legatissima. Un giorno però l’anello scompare. Sarà per Clara l’occasione per mostrare un volto nuovo, quello di una donna di grande sensibilità, insospettata saggezza e infinita disponibilità ad amare.… (altro)
 
Segnalato
kikka62 | 5 altre recensioni | Feb 20, 2020 |
Ambientato negli Stati Uniti del secondo dopoguerra, Herzog è un romanzo sulla crisi di mezza età di un intellettuale ebreo, Moses E. Herzog, che ha appena divorziato per la seconda volta (un divorzio particolarmente difficile). Ha due figli, uno con la prima moglie e uno con la seconda, che stanno crescendo senza la sua presenza. La sua carriera di scrittore e di accademico è in una fase di stallo. Herzog ha una relazione con Ramona, una donna molto sensuale con cui, però, non vuole impegnarsi.

Il secondo matrimonio di Herzog, quello con l'esigente e manipolatrice Madeleine, si è appena concluso in modo umiliante. Madeleine ha convinto Moses a far trasferire lei e la loro figlia Junie a Chicago, e a fare in modo che anche i loro migliori amici, Valentine e Phoebe Gersbach, si trasferissero là, dopo aver procurato un buon lavoro a Valentine. Ma era tutta un'astuta manovra, perché Madeleine e Valentine hanno una tresca e, subito dopo il trasferimento a Chicago, Madeleine lascia Herzog, ottiene un ordine restrittivo contro di lui e cerca di farlo internare in un ospedale psichiatrico.

Herzog passa il tempo scrivendo lettere che poi non invia. Le lettere sono indirizzate ad amici, familiari e personaggi famosi. I destinatari possono essere persone non più in vita, e spesso sono persone che Herzog non ha mai incontrato. L'unico elemento comune delle lettere è che Herzog esprime costantemente la sua delusione, o per i suoi fallimenti o per i fallimenti degli altri o per le parole dette dagli altri; altre volte Herzog chiede scusa per il modo in cui egli stesso ha deluso gli altri.
… (altro)
 
Segnalato
kikka62 | 61 altre recensioni | Feb 20, 2020 |
Kenneth Trachtenberg, protagonista e narratore, è un intellettuale che torna nel Midwest dopo aver abbandonato gli studi di letteratura russa che faceva a Parigi. È un uomo che si fa molte domande sul senso della vita e sul rapporto con gli altri, in relazione al sesso, che vede praticare con leggerezza dall'anziano zio da parte di madre, Benn Crader, famoso botanico e professore, e da suo padre, gran seduttore, mentre ammette le proprie difficoltà con le donne. La madre vive in Africa. Lo zio, di nascosto dal nipote, sta forse per sposare Caroline. Kenneth va a Seattle per discutere con la sua ex-fidanzata Treckie, con la quale ha una bambina di tre anni, cosa programmare per la sua crescita. Qui capisce che lei vede ormai un altro, con il quale ha un rapporto complesso, fatto anche di violenza, e al ritorno ne discute con il padre. Poi parte con lo zio, che vuole sfuggire a Caroline e va a Kyoto, dove resta colpito dall'ordine e dalla precisione dei giapponesi. Al ritorno lo zio Benn si vede con Matilda Layamon, che vuole anche lei sistemarsi con un uomo anziano famoso che possa calmare il suo lato selvaggio. Benn, temendo che Kenneth possa convincerlo a desistere, si affretta a sposarla. Il padre della ragazza a un certo punto si intromette negli affari della famiglia Crader, sperando di risolvere diverse cose pendenti di Benn e della sorella (madre di Kenneth). È che lo zio Benn capisce tutto di licheni ma poco di cose pratiche. Alla fine Benn riceve un'eredità importante, ma manda la moglie in luna di miele da sola e si rifugia a studiare le forme vegetali del Polo Nord. Anche Trickie pare che si sposerà e Kenneth si interroga sulla forza taumaturgica dell'amore e del sesso, e sull'affanno a costruirsi modelli di vita sentimentale cui stare dietro.… (altro)
 
Segnalato
kikka62 | 6 altre recensioni | Feb 20, 2020 |
Incipit: Se sono matto, per me va benissimo, pensò Moses Herzog. C'era della gente che pensava che fosse toccato, e per qualche tempo persino lui l'aveva dubitato. Ma adesso, benché continuasse a comportarsi in maniera un po' stramba, si sentiva pieno di fiducia, allegro, lucido e forte. Gli pareva d'essere stregato, e scriveva lettere alla gente più impensata. Era talmente infatuato da quella corrispondenza, che dalla fine di giugno, dovunque andasse, si trascinava dietro una valigia piena di carte. Se l'era portata, quella valigia, da New York a Martha's Vineyard. Ma da Martha's Vineyard era riscappato indietro subito; due giorni dopo aveva preso l'aereo per Chicago, e da Chicago era filato in un paesino del Massachusetts occidentale. Lì, nascosto in mezzo alla campagna, scriveva a più non posso, freneticamente, ai giornali, agli uomini pubblici, ad amici e parenti e finì per scrivere pure ai morti, prima ai suoi morti e poi anche ai morti famosi.

Ho fatto molta fatica a leggere questo libro, ma ci sono riuscito. E' un libro pieno di elucubrazioni del protagonista Moses Herzog, il quale vive una crisi esistenziale, in seguito alla rottura del suo secondo matrimonio con Madeleine, che gli preferisce il suo amico Valentine. Herzog reagisce a questa crisi scrivendo lettere a tutti, ma si tratta di lunghe e pesanti elucubrazioni di difficile lettura. Proprio queste lettere, a mio avviso, rappresentano la parte più noiosa del libro. Qualche pagina interessante qua e là, soprattutto quando Bellow (Herzog) racconta la storia della famiglia di origine ebraica, venuta dalla Russia, il difficile inserimento prima in Canada e poi negli Stati Uniti. Emerge un ambiente ebraico-americano ed Herzog è il tipico intellettuale, un po' frustrato. A me ricorda la figura del "trombone", tipico dell'Accademia italiana: ma qui si tratta di un "trombone", senza pubblico, o con un pubblico molto limitato, al contrario dei "tromboni" italiani, che hanno bisogno di pubblico e di potere.
Anche le pagine finali in cui Herzog trascorre qualche ora con la figlia piccola e viene coinvolto in un incidente e fermato dalla polizia, per il possesso di una pistola, sono interessanti e avvincenti, ma nel complesso prevale un giudizio negativo. Peccato!
… (altro)
 
Segnalato
ren47 | 61 altre recensioni | Jan 10, 2010 |

Liste

AP Lit (1)
1940s (1)
1970s (1)
My TBR (3)
1950s (2)
1960s (1)

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

Philip Roth Introduction, Author, Contributor
John Steinbeck Contributor
Carson McCullers Contributor
Graham Greene Contributor
John Hersey Contributor
Elizabeth Spencer Contributor
Kurt Vonnegut Contributor
Jr. Kurt Vonnegut Contributor
Toni Morrison Contributor
Jerzy Kosiński Contributor
Margaret Atwood Contributor
Truman Capote Contributor
James Hilton Contributor
Flannery O'Connor Contributor
James Wood Editor
Isaac Babel Author, Contributor
John M. Ridland Contributor
Philip O'Connor Contributor
Ralph Robin Contributor
Giuseppe Giusti Contributor
Lawrence Barth Contributor
Mary Lapsley Contributor
Robert Hivnor Contributor
J. R. Chowning Contributor
Hymen Slate Contributor
Jara Ribnikar Contributor
Charles Simmons Contributor
Herbert Gold Contributor
Warren Miller Contributor
Louis Simpson Contributor
Harold Rosenberg Contributor
R. V. Cassill Contributor
Seymour Krim Contributor
Gabriel Josipovici Introduction
John Hollander Contributor
Howard Nemerov Contributor
John Berryman Contributor
Josephine Herbst Contributor
George Starbuck Contributor
Irving Feldman Contributor
Thomas Pynchon Contributor
John McCormick Contributor
Lynn Buckley Cover designer
Mischa de Vreede Translator
Lionel Trilling Introduction
Robert Hallock Cover designer
Mitchell Funk Cover artist
Joe Barrett Narrator
Adam Kirsch Introduction
Ronald Jonkers Translator
Gary Shteyngart Introduction
James Griffin Cover artist
Leo Litwak Author

Statistiche

Opere
132
Opere correlate
47
Utenti
30,705
Popolarità
#647
Voto
½ 3.7
Recensioni
389
ISBN
898
Lingue
26
Preferito da
126

Grafici & Tabelle