Immagine dell'autore.

Flannery O'Connor (1925–1964)

Autore di Tutti i racconti

165+ opere 26,152 membri 453 recensioni 333 preferito

Sull'Autore

Flannery O'Connor was born in Savannah, Georgia. She had a quiet, bookish life as a child before attending Georgia State College for Women and going on tot he Writers Workshop at the State University of Iowa, where she earned a Master of Fine Arts degree. Her 1949 dissertation consisted of six mostra altro short stories, one of which she developed into her first novel, Wise Blood (1952). Wise Blood is the story of a fanatical, wandering preacher who sets out to found a "church of truth without Jesus Christ crucified." The book introduces some of the religious themes that run throughout O'Connor's later work. Her second novel, The Violent Bear It Away (1960), is the story of murder involving a Tennessee backwoods preacher and a small boy. Once again, O'Connor explores unusual manifestation of religion and human eccentricities. Although O'Connor produced only a small body of work during her relatively brief lifetime, she has received much critical attention. O'Connor suffered from lupus, an inherited disease, which crippled her and cut short her life, and so her creative work was largely compressed within a decade of the 1950's. Her father also dies of Lupus when she was 15 years old. O'Connor is frequently praised as being the most creative and distinctive writer of this period. The two most notable aspects of her fiction are its religious themes and its commentary on the oppressive traditions of the mid-twentieth-century Deep South. (Bowker Author Biography) mostra meno
Nota di disambiguazione:

(eng) There are two different versions of the book Three (or 3). They both contain Wise Blood and The Violent Will Bear It Away, and some contain A Good Man Is Hard to Find while others contain Everything That Rises Must Converge. Please be conscious of this difference when adding or combining works. If you own an edition of Three, please make sure it is combined with the correct work, and please do not combine the two separate works entitled Three (or 3).

Opere di Flannery O'Connor

Tutti i racconti (1971) 6,681 copie
La saggezza nel sangue (1952) 3,848 copie
Il cielo e dei violenti (1960) 1,771 copie
Sola a presidiare la fortezza: lettere (1979) — Autore — 1,155 copie
A Prayer Journal (2013) 434 copie
Seven Contemporary Short Novels [second edition] (1969) — Collaboratore — 35 copie
A Memoir of Mary Ann (1961) 35 copie
O'Connor 22 copie
Novelas (2011) 12 copie
Dommens dag : noveller (1971) 10 copie
Revelation (2005) 9 copie
Um diario de preces (2014) 8 copie
O Céu é dos Violentos (2014) 7 copie
Palava kehä (1984) 6 copie
Parker's Back 4 copie
La buena gente del campo (1955) 4 copie
Antologia Indispensável (1996) 4 copie
Punto Omega (2022) 3 copie
The River 3 copie
Tutti i racconti Vol. 1 (2001) 2 copie
Nessun titolo 2 copie
Tots els contes (2011) 2 copie
Judgement Day 2 copie
Death of a Child (1961) 2 copie
Tutti i racconti. Vol 2 (2001) 2 copie
Bilge Kan (2015) 2 copie
BRA FOLK FRÅN LANDET (1981) 2 copie
Wise Blood 1 copia
The Peeler 1 copia
The Train 1 copia
The Turkey 1 copia
The Crop 1 copia
Wildcat 1 copia
The Geranium 1 copia
La Récolte 1 copia
Home of the Brave (1981) 1 copia
The Complete Stories (1983) 1 copia
[Tutti i racconti] 2 (1994) 1 copia
Freedom Fries (2004) 1 copia

Opere correlate

The Best American Short Stories of the Century (2000) — Collaboratore — 1,560 copie
Children Playing Before a Statue of Hercules (2005) — Collaboratore — 1,216 copie
The Oxford Book of American Short Stories (1992) — Collaboratore — 748 copie
Il Colore del Male (1987) — Collaboratore — 722 copie
The Oxford Book of Short Stories (1981) — Collaboratore — 512 copie
The World of the Short Story: A 20th Century Collection (1986) — Collaboratore — 463 copie
The Best American Mystery Stories of the Century (2000) — Collaboratore — 455 copie
The Granta Book of the American Short Story (1992) — Collaboratore — 369 copie
Women & Fiction: Short Stories By and About Women (1975) — Collaboratore — 366 copie
100 Years of the Best American Short Stories (2015) — Collaboratore — 287 copie
The Treasury of American Short Stories (1981) — Collaboratore — 269 copie
The New Granta Book of the American Short Story (2007) — Collaboratore — 212 copie
We Are the Stories We Tell (1990) — Collaboratore — 195 copie
The Norton Book of Personal Essays (1997) — Collaboratore — 142 copie
Mistresses of the Dark [Anthology] (1998) — Collaboratore — 122 copie
The Signet Classic Book of Southern Short Stories (1991) — Collaboratore — 121 copie
The Penguin Book of Women's Humour (1996) — Collaboratore — 118 copie
Downhome: An Anthology of Southern Women Writers (1995) — Collaboratore — 116 copie
The Literature of the American South: A Norton Anthology (1997) — Collaboratore — 98 copie
American Short Stories (1976) — Collaboratore, alcune edizioni95 copie
The Oxford Book of Travel Stories (1996) — Collaboratore — 74 copie
Eyes to See (2008) — Collaboratore — 71 copie
Great Esquire Fiction (1983) — Collaboratore — 70 copie
200 Years of Great American Short Stories (1975) — Collaboratore — 69 copie
Ross Macdonald Selects Great Stories of Suspense (1974) — Collaboratore — 69 copie
The Medusa in the Shield (1990) — Collaboratore — 65 copie
Dark: Stories of Madness, Murder and the Supernatural (2000) — Collaboratore — 58 copie
The Vintage Book of American Women Writers (2011) — Collaboratore — 56 copie
Art of Fiction (1967) — Collaboratore — 51 copie
Prejudice: A Story Collection (1995) — Collaboratore — 42 copie
Southern Dogs and Their People (2000) — Collaboratore — 39 copie
Literary Savannah (1998) — Collaboratore — 39 copie
Fifty Best American Short Stories 1915-1965 (1965) — Collaboratore — 36 copie
American Gothic Short Stories (2019) — Collaboratore — 35 copie
The Secret Self: A Century of Short Stories by Women (1995) — Collaboratore — 34 copie
Birds in the Hand: Fiction and Poetry about Birds (2004) — Collaboratore — 33 copie
The Best American Short Stories 1979 (1979) — Collaboratore — 25 copie
One World of Literature (1992) — Collaboratore — 24 copie
Eyes to See, Volume Two (2008) — Collaboratore — 24 copie
Wise Blood [1979 film] (2009) — Original story — 23 copie
The Best Horror Stories (1977) — Collaboratore — 22 copie
On Moral Medicine: Theological Perspectives in Medical Ethics (2012) — Collaboratore, alcune edizioni20 copie
The Best American Short Stories 1966 (1966) — Collaboratore — 17 copie
The Best American Short Stories 1956 (1956) — Collaboratore — 17 copie
Family: Stories from the Interior (1987) — Collaboratore — 15 copie
Robert Penn Warren talking: Interviews, 1950-1978 (1980) — Interviewed — 14 copie
The living novel, a symposium (1957) — Collaboratore — 14 copie
Story to Anti-Story (1979) — Collaboratore — 13 copie
The Best American Short Stories 1955 (1955) — Collaboratore — 13 copie
Twenty-Nine Stories (1960) — Collaboratore — 13 copie
The Best American Short Stories 1962 (1962) — Collaboratore — 12 copie
New World Writing: First Mentor Selection (1952) — Collaboratore — 11 copie
Witches' Brew: Horror and Supernatural Stories by Women (1984) — Collaboratore — 10 copie
Writer to Writer: Readings on the Craft of Writing (1966) — Collaboratore — 8 copie
The Best American Short Stories 1957 (1957) — Collaboratore — 7 copie
Prize Stories 1963: The O. Henry Awards (1963) — Collaboratore — 6 copie
The Best American Short Stories 1958 (1958) — Collaboratore — 5 copie
Short Fiction: Shape and Substance (1971) — Collaboratore — 3 copie
Moderne Amerikaanse verhalen — Collaboratore — 3 copie
Enjoying Stories (1987) — Collaboratore — 2 copie
New World Writing 19 (1961) — Collaboratore — 2 copie
Introduction to Fiction (1974) — Collaboratore — 1 copia

Etichette

Informazioni generali

Nome canonico
O'Connor, Flannery
Nome legale
O'Connor, Mary Flannery
Data di nascita
1925-03-25
Data di morte
1964-08-03
Luogo di sepoltura
Memory Hill Cemetery, Milledgeville, Georgia, USA
Sesso
female
Nazionalità
USA
Luogo di nascita
Savannah, Georgia, USA
Luogo di morte
Milledgeville, Georgia, USA
Causa della morte
complications of lupus
Luogo di residenza
Savannah, Georgia, USA
Milledgeville, Georgia, USA
Redding, Connecticut, USA
Iowa City, Iowa, USA
Istruzione
University of Iowa (MFA|1947)
Georgia State College for Women (BA|1945)
Peabody Laboratory School
Attività lavorative
novelist
essayist
reviewer
Relazioni
Lytle, Andrew (teacher)
Organizzazioni
Yaddo
Iowa Writers' Workshop
Premi e riconoscimenti
Georgia Women of Achievement (1992)
American Academy of Arts and Letters Academy Award (Literature ∙ 1957)
Georgia Writers Hall of Fame
National Book Award for Fiction (1972)
Nota di disambiguazione
There are two different versions of the book Three (or 3). They both contain Wise Blood and The Violent Will Bear It Away, and some contain A Good Man Is Hard to Find while others contain Everything That Rises Must Converge. Please be conscious of this difference when adding or combining works. If you own an edition of Three, please make sure it is combined with the correct work, and please do not combine the two separate works entitled Three (or 3).

Utenti

Discussioni

Flannery O'Connor in Legacy Libraries (Giugno 2022)
August 2021: Flannery O'Connor in Monthly Author Reads (Settembre 2021)
Group Read, June 2018: The Violent Bear it Away in 1001 Books to read before you die (Agosto 2018)

Recensioni

Leggere uno dietro l’altro tutti i racconti di Flannery O’Connor lascia dentro delle tracce. Già quei tre che stavano su un libretto uscito due anni fa con Il Sole 24 Ore mi avevano folgorato: li ho ritrovati nell’integrale Bompiani che riunisce tutti i racconti disponendoli in ordine cronologico e nella sostanza quella prima impressione non è stata smentita.
Flannery O’Connor ha avuto vita breve e sofferta e a trentanove anni, nel 1964, è morta della stessa terribile malattia che aveva già ucciso suo padre. A guardarla nelle foto, con il filo di perle, l’occhiale da brava ragazza studiosa, sembra impossibile che abbia potuto concepire queste short stories di angosciante tristezza, ambientate quasi tutte in quel Sud nel quale era nata e cresciuta. Sono storie di agricoltori e di gente di provincia, oppressa dalla cappa soffocante dell’ignoranza e della miseria e dall’ossessione per "i negri". Sono racconti durissimi, che non fanno nessuna concessione al romanticismo o alla voglia di lieto fine e nelle quali la storia della padrona di una fattoria maciullata da un toro inferocito prende quasi il ruolo di intermezzo rilassante fra quelle del nonno che spacca la testa alla nipotina, del figlio che uccide la madre per errore o del ragazzino che si impicca a una trave della soffitta. Questi momenti terribili sono raccontati con un tono mai compiaciuto del dettaglio orripilante: la voce della O’Connor sembra voler mantenere una sorta di distacco emotivo da ciò che racconta, su tutto calando piuttosto un velo di tristezza sconfinata.
Non sappiamo la fine della povera ragazza minorata abbandonata al bar di una stazione di servizio dal balordo che l’ha sposata solo per fregarle l’automobile. Forse la madre la ritroverà ma questo non ci consola. Il volume è uno di quei libri che si lasciano con un sottile, anche se inconfessato, senso di liberazione. Con tutto ciò Flannery O’Connor è una scrittrice da leggere: magari al momento giusto, quando i meccanismi di autodifesa sono al loro posto e prontamente reattivi.
… (altro)
 
Segnalato
winckelmann | 67 altre recensioni | Sep 24, 2017 |
Incipit:
Lo zio di Francis Marion Tarwater era morto solo da mezza giornata quando il ragazzo si ubriacò troppo per finire la fossa, e un negro di nome Buford Munson, che era venuto a riempire una brocca, dovette terminare di scavarla e trascinarci il corpo, che era ancora seduto alla tavola della prima colazione, per dargli una sepoltura da cristiani, con le insegne del Salvatore sopra la testa e abbastanza terra perché i cani non lo scavassero fuori. Budford era arrivato verso mezzogiorno e quando, al tramonto, se ne andò, il ragazzo, Tarwater, non era ancora tornato dalla distilleria".

Un libro duro, a volte difficile, ma cosa mi ha spinto a terminare la lettura? Il clima torbido, chiuso, claustrofobico che si respira dalla prima all'ultima pagina. Prevalgono i colori scuri e notturni e, anche nelle parti "soleggiate", domina l'ansia, la paura, la violenza.
Ci sono tre personaggi principali. Il prozio del ragazzo Tarwater, un "profeta" che vuole fare del nipote il suo erede, istruendolo e dandogli precise indicazioni per indirizzare la sua vita futura, il nipote Tarwater, un ragazzo che, da piccolo, è stato rapito dal prozio, cresciuto in una baracca in campagna, l'altro zio, il maestro Rayber, anch'egli educato per un certo periodo dal vecchio zio, dal quale, però, è riuscito a fuggire, ribellandosi, e che vive in città con il figlio anormale, Bishop.
Nella vicenda emerge una competizione violenta tra il prozio "profeta" e lo zio per impossessarsi dell'anina del giovane Tarwater. In entrambi i casi si manifesta una violenza che mira a condizionare la vita del ragazzo. Nel periodo in cui vive in campagna e, soprattutto, con la morte del prozio, sembra che il giovane rifiuti gli insegnamenti e il destino di "profeta". Infatti, si ribella con violenza, rifiutandosi di seppellire il vecchio, incendiando la baracca e incenerendo il corpo del prozio.
Ci sono qui dei passi molto belli, in cui il ragazzo si sdoppia in un alter ego con il quale dialoga e polemizza.
Il prozio rappresenta la parte irrazionale, religiosa, in contrasto con quella rappresentata dal maestro Rayber, lo zio di città, dal quale si rifugia dopo essere fuggito dalla campagna.
Ma anche Rayber esercita la sua violenza e vuole rieducare il nipote, cancellando l'influenza fondamentalista del prozio. Egli rappresenta la parte razionale e antireligiosa. Anch'egli fallirà e Tarwater resterà un ribelle, impossibile da rieducare. Tra questi opposti, il ragazzo non riuscirà, fino alla fine a trovare il suo equilibrio.
Ciò che colpisce è l'assenza di qualsiasi elemento affettivo tra i personaggi, sempre un po' "sopra le righe", vigili. ansiosi. Il Dio al quale si riferiscono appare come un Dio terribile, un Dio dell'antico testamento, violento e incomprensibile.
Un'ultima osservazione: mi ha colpito l'irrelevanza dei pochi personaggi femminili. Le donne (madri e mogli) sono considerate "puttane" dal prozio. La moglie del maestro, l'assistente sociale, ha una piccola parte, ma poi sparisce, abbandonando il marito e il figlio anormale, senza curarsene. L'unica donna forte è quella che, nell'ultimo capitolo, rimprovera il ragazzo per aver abbandonato il corpo del prozio, senza seppellirlo. E' l'unico momento in cui il ragazzo sembra vergognarsi e non sentirsi sicuro.
Una lettura interessante, che spinge a leggere ancora qualcosa di questa scrittice: in particolare, i racconti che la critica giudica le sue opere migliori.
… (altro)
 
Segnalato
ren47 | 44 altre recensioni | Feb 22, 2015 |
Il clima dei racconti è sempre cupo. Predomina l'infelicità e l'insoddisfazione, ma in ognuno c'è sempre qualcosa di misterioso che imprime un marchio ad ogni storia.
I più belli, del primo volume, sono: Un colpo di fortuna, La vita che salvi può essere la tua, Il cerchio di fuoco, Il negro artificiale. Ma il migliore è senz'altro Il profugo, per certi versi ancora attuale nel far emergere il rifiuto per lo straniero (in questo caso un profugo polacco).

"D'improvviso, alla signora Shortley venne il sospetto che il prete cercasse di persuadere la padrona a importare un'altra famiglia polacca. Con due famiglie straniere nella tenuta si sarebbe parlato quasi esclusivamente polacco! I negri sarebbero andati via [la presenza dei negri nelle fattorie, per i contadini bianchi è la garanzia di non essere all'ultimo posto] e sarebbero rimaste le due famiglie, contro lei e suo marito! La signora Shortley cominciò ad immaginare una guerra di parole, a vedere parole inglesi e parole polacche avanzare spavalde per aggredirsi: non frasi, soltanto parole, bla bla bla bla, scatenate e laceranti, avanzare spavalde e infine venire alle mani. Vide le parole polacche, sporche, onniscienti e non riformate, gettar fango sulle nitide parole inglesi, finchè tutto diventava sporco. Le vide ammicchiate in una stanza, tutte le parole morte e sporche, quelle degli altri e anche le sue. come i cadaveri nudi del cinegiornale" [riferimento ai cinegiornali che riportavano le immagini dei morti nei campi di sterminio].

Anche nel secondo volume ci sono racconti coinvolgenti, che descrivono un mondo triste. Prevale l'ambientazione campestre, più precisamente quella degli stati del sud degli Stati Uniti, mentre la città viene percepita come nemica, infida, pericolosa. La religione è quella in cui Dio appare crudele o, comunque, mai misericordioso. Personaggi spesso cattivi, poco affettivi. Gli inizi di ogni racconto sono stupendi ed entrano direttamente nella storia, con poche pennellate. Ad esempio:

"La finestra della camera da letto della signora May era bassa e dava a oriente, e il toro, argentato dalla luna, vi stava sotto a testa alta, quasi aspettando, come un dio paziente sceso a corteggiarla, di udire la donna muoversi nella stanza" (Greenleaf)

Qui i due protagonisti, la signora May e il toro, entrano in scena direttamente, in un'ambientazione notturna e campestre.

"La settimana prima. Mary Fortune e il vecchio avevano trascorso le mattinate a guardare la macchina che scavava la terra e la gettava nel mucchio. Si stava fabbricando in riva al lago nuovo, in un lotto venduto dal vecchio a un tale che voleva metter su un circolo di pesca. Nonno e nipote ci andavano ogni mattina verso le dieci e il vecchio parcheggiava la macchina, una Cadillac annosa e malconcia color more sul terrapieno che sovrastava il luogo dei lavori" (La veduta del bosco)

Molto bello Non si può essere più poveri che da morti, che poi diventerà la base per il romanzo Il cielo è dei violenti.

"Oltre all'espressione in folle, di quando era sola, la signora Freeman ne aveva altre due: "marcia avanti" e "marcia indietro" che usava in tutti i suoi rapporti col mondo" (Brava gente di campagna)

Forse il più bello Rivelazione:

"La sala d'aspetto del dottore, che era molto piccola, era quasi piena, quando entrarono i Turpin, e la signora Turpin, che era molto grossa, la fece sembrare ancora più piccola con la sua presenza. La signora si fermò, torreggiante, a un capo del tavolino con le riviste in mezzo al locale, dimostrazione vivente del fatto che era inadeguato e ridicolo. I suoi occhietti neri e vivaci soppesarono tutti i pazienti, mentre studiava la possibilità di sedersi"
… (altro)
 
Segnalato
ren47 | 67 altre recensioni | Feb 22, 2015 |
Forse sarà stato perchè ero reduce dalla lettura, peraltro interrotta a metà, di un romanzo giapponese insopportabilmente fastidioso per la prosa scarna, povera, del tutto ignara dell'esistenza del congiuntivo (e non ho ben capito se per colpa del giapponese o della traduzione) da risultarmi assolutamente illeggibile, ma di fatto quando ho iniziato questi racconti è stato come prendere una boccata d'ossigeno, come tornare a respirare dopo una lunga apnea.
La prosa precisa, ariosa, ricca di metafore, perfetta nel descrivere il profondo sud americano, prevalentemente rurale, luminoso, assolato, che riporta alla memoria vecchi film con Paul Newman, è un vero godimento.
E per contrasto è proprio in questo paesaggio, così apparentemente radioso, che si sviluppano le storie crudeli, spietate a volte efferate di una serie di personaggi collerici e rancorosi, che non conoscono umiltà, in uno conflitto continuo tra arroganza intellettuale e gretta ignoranza infarcita di pregiudizi e stupidità, e dove alla fine gli equilibri sono ristabiliti da una giustizia suprema che si abbatte con puntuale precisione sui personaggi come in una sorta di "giudizio universale" tutto terreno.
E nonostante lo sconcerto provato nel riconoscermi nei tipi più di quanto non avessi creduto possibile, o forse proprio per questo, penso che questo diventerà uno di quei libri che stazionano perennemente in una pila di fianco al mio letto, a portata di mano per essere riletto in qualsiasi momento.
… (altro)
 
Segnalato
ermita | 67 altre recensioni | Mar 5, 2011 |

Liste

AP Lit (1)
1970s (1)
Books (1)
1950s (2)

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

Statistiche

Opere
165
Opere correlate
79
Utenti
26,152
Popolarità
#799
Voto
4.1
Recensioni
453
ISBN
299
Lingue
20
Preferito da
333

Grafici & Tabelle