Immagine dell'autore.

Shirley Jackson (1) (1916–1965)

Autore di L'incubo di Hill House

Per altri autori con il nome Shirley Jackson, vedi la pagina di disambiguazione.

101+ opere 32,164 membri 1,243 recensioni 211 preferito
Ci sono 2 discussioni aperte su questo autore. Vedi ora.

Sull'Autore

Shirley Jackson was born in San Francisco, California on December, 14, 1919. She received a Bachelor of Arts degree from Syracuse University in 1940. Much of her writing was done during the years she was raising her children. She is best-known for the short story The Lottery, which was first mostra altro published in 1948 and adapted for television in 1952 and into play form in 1953. Her published works include articles, nonfiction prose, plays, poetry, seven novels, and fifty-five short stories. Her other works include Life among the Savages, Raising Demons, The Haunting of Hill House, which was adapted to film, and We Have Always Lived in the Castle. She died on August 8, 1965 at the age of 45. (Bowker Author Biography) mostra meno
Fonte dell'immagine: Shirley Jackson

Opere di Shirley Jackson

L'incubo di Hill House (1959) 9,819 copie
The Lottery and Other Stories (1949) — Autore — 3,643 copie
La lotteria (1948) 1,173 copie
Life Among the Savages (1953) 1,022 copie
Hangsaman (1951) 795 copie
The Sundial (1958) 756 copie
Lizzie (1954) 558 copie
Dark Tales (2017) 529 copie
Come Along with Me (1968) 489 copie
Raising Demons (1957) 413 copie
The Road Through the Wall (1948) 368 copie
The Missing Girl (2018) 142 copie
The Tooth (1949) 64 copie
9 Magic Wishes (1963) 45 copie
A Visit (2022) 31 copie
21 Essential American Short Stories (2011) — Collaboratore — 25 copie
Cuentos escogidos (2015) 15 copie
Charles [short story] (1948) 15 copie
The Witch (1949) 14 copie
Famous Sally (1966) 10 copie
Un giorno come un altro (2022) 8 copie
The Daemon Lover (1949) 7 copie
SPECIAL DELIVERY (1960) 4 copie
Sóbálvány (1983) 3 copie
Afternoon in Linen (1943) 2 copie
The Dummy (1949) 2 copie
Two Stories 1 copia
A Fine Old Firm (1944) 1 copia
The Villager (1944) 1 copia
The Renegade (1949) 1 copia
Flower Garden (1949) 1 copia
Colloquy (1944) 1 copia
Elizabeth (1949) 1 copia
Of Course (1949) 1 copia

Opere correlate

50 Great Short Stories (1952) — Collaboratore — 1,258 copie
The Weird: A Compendium of Strange and Dark Stories (2011) — Collaboratore — 828 copie
Il Colore del Male (1987) — Collaboratore — 726 copie
Brave New Worlds: Dystopian Stories (2011) — Collaboratore — 507 copie
American Gothic Tales (1996) — Collaboratore — 462 copie
The Best American Mystery Stories of the Century (2000) — Collaboratore — 455 copie
American Supernatural Tales (2007) — Collaboratore — 446 copie
Timeless Stories for Today and Tomorrow (1952) — Collaboratore — 439 copie
Points of View: Revised Edition (1966) — Collaboratore — 414 copie
The Granta Book of the American Short Story (1992) — Collaboratore — 368 copie
Best Short Stories of the Modern Age (1962) — Collaboratore, alcune edizioni335 copie
75 Short Masterpieces: Stories from the World's Literature (1961) — Collaboratore — 298 copie
The 40s: The Story of a Decade (2014) — Collaboratore — 277 copie
The Treasury of American Short Stories (1981) — Collaboratore — 269 copie
A Moment on the Edge: 100 Years of Crime Stories by Women (2000) — Collaboratore — 267 copie
The Fantasy Hall of Fame (1998) — Collaboratore — 196 copie
The Penguin Book of Modern Fantasy by Women (1995) — Collaboratore — 166 copie
A Science Fiction Argosy (1972) — Collaboratore, alcune edizioni162 copie
New York Stories (Everyman's Pocket Classics) (2011) — Collaboratore, alcune edizioni154 copie
The Best from Fantasy and Science Fiction: 8th Series (1959) — Collaboratore — 135 copie
A Treasury of Modern Fantasy (1981) — Collaboratore — 130 copie
Witches' Brew (2002) — Collaboratore — 126 copie
The Best from Fantasy and Science Fiction: 5th Series (1956) — Collaboratore — 122 copie
Mistresses of the Dark [Anthology] (1998) — Collaboratore — 122 copie
The Persephone Book of Short Stories (2012) — Collaboratore — 119 copie
The Penguin Book of Women's Humour (1996) — Collaboratore — 119 copie
Damnable Tales: A Folk Horror Anthology (2021) — Collaboratore — 112 copie
SF: The Best of the Best (1967) — Autore, alcune edizioni107 copie
American Fantastic Tales: Boxed Set (2009) — Collaboratore — 92 copie
The Prentice Hall Anthology of Science Fiction and Fantasy (2000) — Collaboratore — 91 copie
The American Fantasy Tradition (2002) — Collaboratore — 90 copie
Stories My Mother Never Told Me [Random House, 25 stories] (1963) — Collaboratore — 83 copie
The Best from Fantasy and Science Fiction: 4th Series (1955) — Collaboratore — 83 copie
Gli invasati (1963) — Source material author — 83 copie
The Haunting [1999 film] (1999) — Original book — 81 copie
Great Short Tales of Mystery and Terror (1982) — Collaboratore — 80 copie
The 13 Best Horror Stories of All Time (2002) — Collaboratore — 79 copie
SF: The Year's Greatest Science Fiction and Fantasy (1956) — Collaboratore — 79 copie
Wolf's Complete Book of Terror (1979) — Collaboratore — 76 copie
Women and Fiction: Volume 2 (1978) — Collaboratore — 73 copie
Stories of Suspense (1963) — Collaboratore — 70 copie
The Uncanny Reader: Stories from the Shadows (2015) — Collaboratore — 70 copie
200 Years of Great American Short Stories (1975) — Collaboratore — 69 copie
An Oxford Book of Christmas Stories (1986) — Collaboratore — 68 copie
Masters of Fantasy (1992) — Collaboratore — 67 copie
A Fabulous Formless Darkness (1991) — Collaboratore — 66 copie
Nightshade: 20th Century Ghost Stories (1999) — Collaboratore — 65 copie
American Christmas Stories (2021) — Collaboratore — 62 copie
Nine Strange Stories (1890) — Collaboratore — 61 copie
55 Short Stories from The New Yorker, 1940 to 1950 (1949) — Collaboratore — 60 copie
Dark: Stories of Madness, Murder and the Supernatural (2000) — Collaboratore — 58 copie
Murderous Schemes (1996) — Collaboratore — 58 copie
The Vintage Book of American Women Writers (2011) — Collaboratore — 57 copie
McSweeney's Issue 47 (2014) — Collaboratore — 54 copie
Strangeness (1977) — Collaboratore — 52 copie
The Century's Best Horror Fiction Volume 1 (2011) — Collaboratore — 51 copie
The Mists from Beyond (1993) — Collaboratore — 50 copie
The Norton Book Of Ghost Stories (1994) — Collaboratore — 50 copie
Great Baseball Stories (1979) — Collaboratore — 47 copie
An Omnibus of 20th Century Ghost Stories (1989) — Collaboratore — 45 copie
Women of the Weird: Eerie Stories by the Gentle Sex (1976) — Collaboratore — 42 copie
Urban Horrors (1941) — Collaboratore — 40 copie
A Quarto of Modern Literature (1935) — Collaboratore — 40 copie
Classics of the Supernatural (1995) — Collaboratore — 40 copie
Haunting Women (1988) — Collaboratore — 37 copie
American Gothic Short Stories (2019) — Collaboratore — 37 copie
Fifty Best American Short Stories 1915-1965 (1965) — Collaboratore — 36 copie
The Evil People (1968) — Collaboratore — 35 copie
Night Shadows: Twentieth-Century Stories of the Uncanny (2001) — Collaboratore — 29 copie
Stories for the Dead of Night (1957) — Collaboratore — 28 copie
What If? Volume 1 (1980) — Collaboratore — 27 copie
The New Young Oxford Book of Ghost Stories (1999) — Collaboratore — 25 copie
The Best American Short Stories 1964 (1964) — Collaboratore — 25 copie
Studies in Fiction (1965) — Collaboratore — 22 copie
The Looking Glass Book of Stories (1960) — Collaboratore — 21 copie
Currents in Fiction (1974) — Collaboratore — 20 copie
Designs in Fiction (1968) — Collaboratore — 20 copie
Deadlier: 100 of the Best Crime Stories Written by Women (2017) — Collaboratore — 19 copie
Unforgettable Ghost Stories by Women Writers (2008) — Collaboratore — 19 copie
Love Stories (1975) — Collaboratore — 19 copie
The Best American Short Stories 1944 (1944) — Collaboratore — 18 copie
Short Stories II (1961) — Collaboratore — 18 copie
The Best American Short Stories 1956 (1956) — Collaboratore — 17 copie
The Best American Short Stories 1966 (1966) — Collaboratore — 17 copie
Twentieth-Century American Short Stories: An Anthology (1975) — Collaboratore — 17 copie
20th Century American Short Stories, Volume 1 (1995) — Collaboratore — 16 copie
The Uncanny Gastronomic: Strange Tales of the Edible Weird (2023) — Collaboratore — 15 copie
Reader's Digest Condensed Books 1953 v04 (1953) — Collaboratore — 15 copie
New World Writing: Second Mentor Selection (1952) — Collaboratore — 12 copie
The Playboy Book of Short Stories (1995) — Collaboratore — 11 copie
Inside Stories I (1987) — Collaboratore — 10 copie
Witches' Brew: Horror and Supernatural Stories by Women (1984) — Collaboratore — 10 copie
Moderne Amerikaanse verhalen (1982) — Collaboratore — 9 copie
To Break the Silence (1986) — Collaboratore — 9 copie
Dangerous Ladies (1992) — Collaboratore — 8 copie
Dark Lessons: Crime and Detection on Campus (1984) — Collaboratore — 8 copie
The Caedmon Short Story Collection (2001) — Collaboratore — 8 copie
The Short Story & You (1987) — Collaboratore — 7 copie
Wake Up Screaming: Sixteen Chilling Tales of the Macabre (1967) — Collaboratore — 7 copie
Twelve Short Masterpieces (1986) — Collaboratore — 7 copie
The New Windmill Book of Stories from Different Genres (1998) — Collaboratore — 7 copie
The Black Magic Omnibus Volume 1 (1976) — Collaboratore — 6 copie
Snapshots (1995) — Collaboratore — 6 copie
The Best American Short Stories 1951 (1951) — Collaboratore — 6 copie
We Have Always Lived in the Castle [2018 film] (2018) — Original book — 5 copie
The Fireside Treasury of Modern Humor (1963) — Collaboratore — 5 copie
American Short Stories (1978) — Collaboratore — 3 copie
Modern Short Stories — Collaboratore — 2 copie
Strange Barriers (1955) — Collaboratore — 2 copie
Enjoying Stories (1987) — Collaboratore — 2 copie
Οι κυρίες του τρόμου (1994) — Collaboratore — 2 copie
The Narrative Impulse: Short Stories for Analysis (1963) — Collaboratore — 1 copia
Tchnienie Grozy — Collaboratore — 1 copia
The Ethnic Image in Modern American Literature, 1900-1950 (1984) — Collaboratore — 1 copia

Etichette

Americano (258) Antologia (1,550) Casa stregata (185) classici (461) Classico (281) collezione (159) da leggere (3,356) EBook (253) Famiglia (143) Fantascienza (461) Fantasma (321) Fantasy (523) favoriti (132) Gotico (728) Horror (3,345) kindle (189) Letteratura (421) Letteratura americana (518) letto (464) malattia mentale (146) Memorie (191) Mistero (605) Narrativa (4,432) non letto (263) Novecento (365) Omicidio (145) posseduto (175) racconti (2,519) Racconto (137) Romanzo (447) saggi (138) Saggistica (246) SF (165) Shirley Jackson (239) Soprannaturale (212) storie (151) storie di fantasmi (192) Suspense (195) Thriller (134) Umorismo (177)

Informazioni generali

Utenti

Discussioni

A Pictorial Look At -- Suntup Press "The Lottery" in Fine Press Forum (Novembre 2023)
We Have Always Lived in The Castle in Folio Society Devotees (Agosto 2023)
THE HAUNTING OF HILL HOUSE DLE $375 in Easton Press Collectors (Dicembre 2022)
The Haunting of Hill House DLE (signed by the illustrator) in Easton Press Collectors (Novembre 2022)
The Haunting of Hill House in Gothic Literature (Giugno 2020)
Halloween Read: The Haunting of Hill House in 2015 Category Challenge (Ottobre 2015)

Recensioni

Già nel primo paragrafo del romanzo, Shirley Jackson è capace di inquietare il lettore e, infatti, proprio l'incipit è citato nel risvolto di copertina a mo' d'esempio.

Non immaginatevi un thriller pieno di sangue, violenza o morti efferate: l'inquietudine che Abbiamo sempre vissuto nel castello trasmette deriva da una normalità sottilmente malata, da un'idiosincrasia per il mondo in quanto portatore di caos.

Gli abitanti di casa Blackwood, infatti, vivono felicemente persi nelle loro menti: Zio Julian continua a rivivere il giorno in cui gran parte della famiglia morì avvelenata, mentre Mary Katherine “Merricat”, voce narrante, sembra un incrocio tra una piccola strega e un dispettoso folletto dei boschi. Constance Blackwood, invece, sorella maggiore di Merricat, è bloccata in casa dalla paura di ciò che c'è “là fuori”, compresa la furia dei compaesani che la reputano colpevole della morte dei suoi familiari. Eppure anche lei non sembra del tutto umana: nel suo sconfinato amore per il suo orto e per la cucina, assomiglia ad una fata benefica, leggiadra ed eterea.

E proprio questo alone di soprannaturalità finirà per fagocitare le vite degli abitanti di casa Blackwood, dopo che queste saranno sconvolte dall'arrivo del cugino Charles, il quale rappresenta la summa di tutto il Male che prospera appena al di là del cancello.

Alla fine, proprio a causa della meschinità di Charles e dagli eventi da lui scatenati, ci troveremo a fare il tifo per la follia di Merricat e incroceremo le dita affinché lei e sua sorella riescano nel loro intento. Eppure l'inquietudine non ci abbandona mai durante la lettura. Anzi, essa raggiunge forse la sua nota più alta nella frase finale, quando la conclusione di Merricat ci lascia assolutamente smarriti di fronte alla sua affermazione che non può che suonarci ossimorica.
… (altro)
 
Segnalato
lasiepedimore | 423 altre recensioni | Sep 12, 2023 |
La Casa degli Orrori Silenziosi

Se dovessi consigliare un libro horror a qualcuno che non apprezza il filone ma che ha dimestichezza con i classici “non di genere”, l’Incubo di Hill House, pubblicato nel 1959, è sicuramente uno dei più papabili. Uno dei motivi è esemplificabile in maniera sintetica da un’epigrafe che Stephen King dedicò alla scrittrice, che considerava un modello: «in ricordo di Shirley Jackson, che non ha mai avuto bisogno di alzare la voce».
Ci sono tanti tipi di idiosincrasie verso l’horror: c’è chi si spaventa e odia la stessa sensazione di spaventarsi, chi invece lo considera frivolo e poco utile all’arricchimento personale o chi lo considera troppo pieno di stereotipi per cui l’incubo di Hill House è, a parer mio, un libro adatto a compensare molte di queste idiosincrasie proprio perché non sono le urla, gli omicidi e i mostri i suoi punti di forza.

Non è un horror adrenalinico, basato sull’azione e sulla trama, ma è un libro lento, perlomeno in relazione al suo moderato numero di pagine, dove a contare sono le sensazioni dei protagonisti e la loro psicologia. Se presa da sola, la seguente trama può addirittura dare l’impressione che il libro sia già visto e prevedibile: la protagonista, che si chiama Eleanor Vance, viene invitata a vivere per qualche settimana in una casa semi-abbandonata insieme ad altri tre ragazzi da un antropologo che vuole studiare i fenomeni paranormali (o perlomeno la percezione che si ha di essi).

Leggendolo si vedrà presto che è attraverso l’originale sfruttamento dell’idea preliminare che la scrittrice statunitense dimostra grande maestria, per tanti motivi: come la dimensione che è stata data all’abitazione, denominata Hill House che non è un semplice ponte tra il mondo della veglia e l’aldilà ma è, sostanzialmente, la protagonista assoluta, che in quanto tale viene analizzata su più piani: 1) quello puramente fisico, visto che è stata progettata per avere angoli irregolari ma difficilmente percepibili come tali senza attenzione, in questo modo la pianta dà un’illusione di ordine che riesce comunque a creare confusione e quindi a suggestionare i residenti, 2) quello “antropomorfizzante”: lo stesso fatto che la casa sia considerata intrinsecamente malvagia e che sia un presunto ricettacolo di fantasmi si deve alla risonanza degli animi di coloro che l’hanno abitata.

E’ principalmente Eleanor Vance ad interpretare la casa perché, malgrado consideri Hill House una pessima abitazione, ha comunque uno strano legame con essa, con opinioni contrastanti. Il protagonismo dell’edificio e il suo legame profondo con i personaggi sono temi che si possono vedere anche in un altro dei libri più celebrati della Jackson: Abbiamo Sempre Vissuto nel Castello, una peculiarità narrativa che potremmo attribuire anche alla biografia di Shirley Jackson, discendente di una famiglia che da più generazioni era composta da architetti.

Tornando al discorso iniziale sul genere, il romanzo si basa sulla creazione di un continuo senso di attesa che si dipana con irregolari zig zag tra quiete e tensione, evitando schemi troppo ripetuti per fare in modo che colpisca quando deve colpire, senza che il trucco si possa evincere facilmente dalla struttura. Malgrado io abbia detto che consiglierei l'incubo di Hill House a chi non ama il genere, il romanzo non è un horror “diluito” per adattarsi coscientemente a più fasce di pubblico, ma resta un romanzo non facile se letto con l’atteggiamento di chi vuole intrattenimento puro, di chi vuole avere risposte certe alle svariate domande che vengono poste nel libro. L'incubo di Hill House sfrutta le tematiche del genere in maniera più raffinata del solito e capace di raggiungere risultati simili attraverso la mancanza del macabro e della violenza che vengono compensate con la rappresentazione di stati d’animo, ossessioni e presunte apparizioni.

Per questi motivi, il mood dell’incubo di Hill House non si può percepire nella stessa maniera quando si decide di focalizzarsi su alcuni passaggi decontestualizzati senza collocarli nella sequenzialità di una lettura estensiva e questo lo differenzia ulteriormente da altri horror dove basta inquadrare le scene di omicidio o di terrore per riprovare quelle sensazioni, anche se la lettura estensiva fornisce sempre un quadro più completo. Il romanzo di Shirley Jackson gode certamente di frasi ad effetto, di brani dove la Jackson sfodera la sua squisita ironia e dissertazioni interessanti di per sé che sono anche tante, ma l’atmosfera si coglie e apprezza attraverso i non detti e il flusso tra le scene umoristiche o tenere con le scene più inquietanti, tra i momenti di solitudine e i momenti corali, tra i passaggi descrittivi e i dialoghi. In altre parole, non è la somma delle parti che compongono il testo a creare quel senso di incertezza, di attesa, di inquietudine e di disagio, ma è prima di tutto il rapporto dinamico tra i vari frangenti del libro a plasmare la splendida atmosfera gotica che riesce ad essere penetrante nonostante non sia immediatamente percepibile.
… (altro)
 
Segnalato
Dreamweaver99 | 432 altre recensioni | Jan 11, 2022 |
Francamente mi aspettavo di più da questo libro. Molto belle le atmosfere iniziali, ma poi di fatto non accade nulla. Finale scontato
 
Segnalato
Claudy73 | 432 altre recensioni | Jul 12, 2021 |
Il difficile discrimine tra fenomeni paranormali e disturbi mentali.
Un buon horror, un classico del genere, sufficientemente datato per essere privo di splatterume vario, che qualche ansia me l'ha trasmessa.
Ovviamente c'è molto di inspiegato e alla fine ciò è irritante: quel paio di cosette che ti aspetti che qualcuno ti chiarisca, senza nulla togliere al mistero di fondo, ma che, ahimè, nessuno fa

Dell'autrice avevo già letto "Abbiamo sempre vissuto nel castello" quindi ho deciso di fare un bis; un buon classicone che si situa nella zona grigia di connessione tra il presunto paranormale e i disturbi mentali, Non sapremo mai se è la casa infestata a catturare le menti deboli o se sono le menti deboli a catturare le case.
un po' di rabbia per quanto c'è di non spiegato, quanto meno nei termini di tempi e opportunità ma tutto sommato una lettura piacevole (con pure qualche pennellata umoristica)
… (altro)
 
Segnalato
ShanaPat | 432 altre recensioni | Jul 9, 2020 |

Liste

scav (1)
Kayla (1)
1960s (1)
Ghosts (1)
AP Lit (1)
1950s (6)
1940s (2)

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

Ernest Hemingway Contributor
Mark Twain Contributor
H. P. Lovecraft Contributor
William Faulkner Contributor
Jack London Contributor
Edgar Allan Poe Contributor
Edith Wharton Contributor
Ambrose Bierce Contributor
Carl Stephenson Contributor
O'Henry Contributor
Herman Melville Contributor
James Thurber Contributor
Stephen Crane Contributor
Frank Stockton Contributor
Washington Irving Contributor
Joyce Carol Oates Afterword, Editor
Ruth Franklin Foreword
Lili Réthi Illustrator
Julie Anderson Illustrator
Tania Hurt-Newton Illustrator
Annabel Spenceley Illustrator
Peter Stevenson Illustrator
Jan Smith Illustrator
Ann Kronheimer Illustrator
Caroline J. Church Illustrator
Ilaria Matteini Illustrator
Sue King Illustrator
Russell Ayto Illustrator
Justin Grassi Illustrator
Rosslyn Moran Illustrator
David Melling Illustrator
Graham Round Illustrator
Andrew Warrington Illustrator
David Parkins Illustrator
Alex de Wolf Illustrator
Jan Lewis Illustrator
Mctaggart David Illustrator
Julian Mosedale Illustrator
Sumiko Davies Illustrator
John Dillow Illustrator
Amanda Wood Illustrator
Serena Feneziani Illustrator
David Mostyn Illustrator
Valeria Petrone Illustrator
David Pattison Illustrator
Peta Blackwell Illustrator
John Taylor Illustrator
Venus McCrea Illustrator
Monica Pareschi Translator
Jonathan Lethem Introduction
Laura Miller Introduction, Foreword
Wolfgang Krege Übersetzer
David Warner Narrator
Paul Buckley Cover designer
Stephen Gervais Illustrator
Guillermo Del Toro Introduction
Photonica Cover photo
Inger Edelfeldt Translator
Stephen King Introduction
Óscar Palmer Translator
Shonna Dowers Cover designer
William Teason Cover artist
Torkel Franzén Translator
Thomas Ott Cover artist
Harry Bliss Cover artist
Roseanne J. Serra Cover designer
Anette Grube Translator
Lynn Buckley Cover designer
Leslie Williamson Cover artist
Anna Leube Contributor
A. M. Homes Introduction
Graham Roumieu Cover artist
Walter Brooks Cover designer
Marianne Höök Translator
Tom Hallman Cover artist
Kevin Wilson Foreword
Bernice M. Murphy Contributor
Seth Illustrator

Statistiche

Opere
101
Opere correlate
144
Utenti
32,164
Popolarità
#605
Voto
4.0
Recensioni
1,243
ISBN
454
Lingue
21
Preferito da
211

Grafici & Tabelle