Pagina principaleGruppiConversazioniEsploraStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Nessun dove

di Neil Gaiman

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

Serie: London Below (1)

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiConversazioni / Citazioni
22,600530117 (4.1)1 / 1151
Richard Mayhew's life is forever changed after he rescues a young girl named Door and finds himself living in a city of monsters, saints, murderers, and angels, and he must help Door on her mission to save this strange underworld kingdom from destruction.
Aggiunto di recente dajlschilling, lukas.vlk, Guileless, Rennie90, RachelHisel, kanzedac, biblioteca privata, dwarrowly
  1. 222
    American Gods di Neil Gaiman (WilliamPascoe)
    WilliamPascoe: Phenominally brilliant fantasy .
  2. 160
    I ragazzi di Anansi di Neil Gaiman (elbakerone)
  3. 2510
    Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams (souloftherose)
    souloftherose: Although Neverwhere and The Hitchhiker's Guide (THHG) are different genres (the first is urban fantasy, the second comic science-fiction) I felt there was a lot of similarity between the characters of Richard Mayhew (in Neverwhere) and Arthur Dent (in THHG). Both are a kind of everyman with whom the reader can identify and both embody a certain 'Britishness'. And they're both stonkingly good books by British authors.… (altro)
  4. 121
    Un Lun Dun di China Miéville (elbakerone, ahstrick)
  5. 111
    Kraken di China Miéville (fugitive)
    fugitive: Another urban fantasy vision of London.
  6. 100
    I fiumi di Londra di Ben Aaronovitch (riverwillow)
    riverwillow: Both 'Neverwhere' and 'Rivers of London' (US title 'Midnight Riot') evoke a magical fairy tale London which sometimes feels more authentic then any real life guide to the city.
  7. 91
    L'oceano in fondo al sentiero di Neil Gaiman (riverwillow)
  8. 80
    Alice's Adventures in Wonderland, Through the Looking-Glass and Alice's Adventures Under Ground di Lewis Carroll (sturlington)
    sturlington: Neverwhere is a lot like a grown-up's Wonderland, and the two stories have a similar, surrealistic feel.
  9. 84
    Storm Front di Jim Butcher (Polenth)
  10. 40
    Gloriana di Michael Moorcock (ed.pendragon)
    ed.pendragon: Both fantasy titles explore the seedy underbelly of London, one in Tudor times, the other more recently in London Below.
  11. 40
    Whispers Under Ground di Ben Aaronovitch (Jannes)
    Jannes: For all your "supernatural secrets in the London underground"-needs.
  12. 51
    Something from the Nightside di Simon R. Green (Phantasma)
    Phantasma: The nightside novels are a little darker, but if you like the ideas presented in Neverwhere, you'll most likely enjoy the Nightside (actually, I prefer the Nightside and it's gritty dark humor).
  13. 30
    Metro 2033 di Dmitry Glukhovsky (Navarone)
  14. 30
    The Secret History of Moscow di Ekaterina Sedia (elbakerone, parasolofdoom)
  15. 20
    Il codice delle fate (The Mysteries) di Lisa Tuttle (ehines)
    ehines: Regular guy stumbles into the secret realm. In Neverwhere this secret realm is very much a London one; in the Mysteries it is decidedly an old Celtic one. Also Never where turns into a full-blown fantasy adventure, while the Mysteries stays mostly realistic.
  16. 20
    The Water Room di Christopher Fowler (benfulton)
    benfulton: Explorations of the hidden parts of London.
  17. 31
    L'amuleto di Samarcanda di Jonathan Stroud (Steveh15)
  18. 20
    Gog di Andrew Sinclair (ed.pendragon)
    ed.pendragon: Fantasy mixing late 20th century London with fairytale, myth and menace.
  19. 42
    Fate a New York di Martin Millar (themephi)
  20. 20
    Il libro delle cose perdute di John Connolly (Headinherbooks_27, Headinherbooks_27)

(vedi tutti i 45 consigli)

Ghosts (21)
1990s (179)
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Inglese (512)  Tedesco (5)  Olandese (2)  Francese (2)  Finlandese (2)  Italiano (2)  Spagnolo (1)  Portoghese (1)  Danese (1)  Portoghese (Brasile) (1)  Svedese (1)  Catalano (1)  Norvegese (1)  Tutte le lingue (532)
Mostra 2 di 2
Ormai è il terzo libro che leggo di Neil Gaiman e sento di poter affermare che come autore mi piace, ma non mi entusiasma.
Quello che amo della sua scrittura è che i mondi a cui da vita sono tutti originali e curati fin nei minimi dettagli, e questo romanzo non fa eccezione: Londra-Sotto è una creazione affascinante che si imprime nella mente e negli occhi del lettore. Anche i personaggi che la popolano sono memorabili (pensiamo al marchese de Carabas o a Mr. Croup e Mr. Vandermar), benché non tridimensionali; il più insulso è proprio il protagonista Richard, tipico esempio dell' "eroe per caso" già visto in mille film e romanzi. Questo paradosso rispecchia il più grande problema dell'opera: l'autore sembra aver dato fondo a tutta la sua fantasia per l'ambientazione, accontentandosi per la trama di una storia prevedibile e un po' ripetitiva. E' più elaborato il contorno della portata principale, per così dire.
Nonostante questo è un fantasy solido, che non sconvolge i canoni del genere ma di sicuro appassiona e si lascia dietro un buon ricordo. ( )
  Lilirose_ | Jul 1, 2019 |
La mia ammirazione per Neil Gaiman non è un segreto per nessuno, così come il mio desiderio di leggere tutto quel che ha pubblicato. Il suo nome ormai è, per me, come una garanzia di qualità che mi convince a entrare in una storia, conscia che varrà la pena leggerla. In più, Nessun dove è uno dei suoi romanzo più noti e apprezzati, quindi partiva con un carico di aspettative non indifferente.
Mi pare quasi inutile dire che la “garanzia Gaiman” ha fatto centro anche questa volta e che Nessun dove mi è piaciuto moltissimo.

Nato come riscrittura di una serie TV realizzata dallo stesso Gaiman in collaborazione con la BBC, questo libro non sembra risentire del difetto che spesso accompagna progetti del genere – ovvero, una realizzazione più simile alla trascrizione di una sceneggiatura, più che a un romanzo che riesca a stare sulle sue gambe. Nessun dove è scritto in modo tale che molti potrebbero credere che sia il libro ad essere stato trasposto in sceneggiato, e non il contrario.
Probabilmente questo risultato è frutto della conoscenza, di prima mano e approfondita, che Gaiman ha con i più diversi mezzi d’espressione: occupandosi di TV, radio, fumetti, illustrazioni e chi più ne ha, più ne metta, deve aver sviluppato un livello di comprensione dei media invidiabile.
Comunque, la serie televisiva è molto carina, quindi se riuscite a procurarvela dateci un’occhiata; ma ora lasciamola da parte e torniamo a parlare del libro (che è più bello della sua controparte visiva, giusto per metterlo in chiaro).

Ciò che più colpisce è, senza dubbio, l’ambientazione. Londra è, di per sé, una città dotata di grande fascino: Londra Sotto riesce a superare la sua controparte quotidiana e a farla sembrare noiosa. Il tempo e lo spazio sembrano dilatarsi, dando luogo a una realtà alternativa oscura e bizzarra, attraversata da un caleidoscopio di gruppi, clan e specie diverse che fanno riferimento a tradizioni che definire “strane” è dire poco. Nel corso del libro ne incontreremo molte, talvolta anche tutte insieme, come durante un certo mercato speciale che riempirà d’entusiasmo l’immaginazione di ogni lettore.
Altro tocco caratteristico è il gioco toponomastico che Gaiman porta avanti nel corso di tutta la storia, prendendo i nomi di zone iconiche di Londra – prendiamo, per esempio, Earl’s Court – e interpretandoli alla lettera – per cui il sopracitato Earl’s Court diviene, effettivamente, la corte di un conte. Ho adorato questo escamotage e non potevo fare a meno di andare in sollucchero ad ogni nuovo nome che passava dall’indicare una tranquilla zona di Londra al rappresentare un misterioso luogo fantastico, pieno di creature che possono essere tue amiche oppure puntarti come pranzo.
Il modo in cui Gaiman si diverte con la realtà a sua disposizione, plasmandola per renderla sempre più estranea, è senz’altro la punta di diamante del libro. Oltretutto, il collegamento sempre vivo e presente con la Londra di tutti i giorni dà al tutto un tocco di veridicità tale da farti considerare l’effettiva possibilità dell’esistenza di Londra Sotto, anche se solo per un momento. Anzi, in verità, si arriva a pensare a una considerazione del genere perché si vorrebbero raggiungere Richard, Porta e tutti gli altri nel loro mondo oscuro e meraviglioso.

D’altronde un’ambientazione, per quanto così ben congegnata, non porterebbe a molto senza dei personaggi che la abitino: in questo caso non sono molti, ma sono tutti ben delineati e sono degli ottimi compagni di viaggio.
Richard, il protagonista principale, è catapultato nella vita di Londra Sotto per un suo gesto semplice, eppure non scontato, soprattutto ai giorni nostri: si è fermato ad aiutare una ragazza ferita sul ciglio della strada. Seguire tutto dalla sua prospettiva ci permette di identificarci al massimo nelle sue avventure, perché anche Richard, come noi, non sa nulla della Londra alternativa. È un protagonista a cui è facile voler bene, perché pur mostrando guizzi di coraggio e di intraprendenza, è un essere umano come tutti noi, che ha paura, dubita, affronta prove più grandi di lui e cade. Non è esattamente un personaggio a tutto tondo, ma ha diversi strati che gli danno una profondità molto umana, per l’appunto. Provoca un’innata simpatia nel lettore e credo sia impossibile non tifare per lui e per la sua metamorfosi nel corso della lettura.
Porta, la ragazza cui ho accennato sopra, è l’epitome di Londra Sotto. Intrigante, particolare, difficilmente definibile e pericolosa, più di quanto non lasci intendere. Gaiman riesce sempre a delineare personaggi femminili realistici, non forti a tutti i costi o svenevoli in maniera imbarazzante: Porta non fa eccezione e vederla perseguire i propri obiettivi con tanta determinazione è stato fantastico. Le interazioni tra lei e Richard, basate sulle evidenti differenze caratteriali e sulla diversa realtà di provenienza, sono sempre divertenti e offrono ottimi momenti di distensione tra una morte scampata e l’altra.
In effetti, da come ne ho parlato finora, sembra che l’avventura di Richard a Londra Sotto si sia limitata a una bella passeggiata esplorativa; non è così, ovviamente. Gli antagonisti ci sono e sono terribili: Mr. Croup e Mr. Vandemar. questi i loro nomi, sono esseri umani solo per quanto riguarda l’aspetto esteriore. Per quanto mi riguarda, Gaiman dà il suo meglio nelle loro descrizioni e nel parlare delle loro azioni: la loro personalità non ha grandi ombreggiature, ma la loro sete di sangue e l’amore per la violenza, compiuta senza alcun rimorso, li rende degli antagonisti particolarmente efferati. Paradossalmente, sono anche due dei personaggi più divertenti del libro: l’eloquio pomposo di Mr. Croup, contrapposto alla laconica (e violenta) presenza di Mr. Vandemar, conferisce alle loro apparizioni un fantastico humour nero.
C’è da dire, però, che loro non sono gli unici antagonisti. Ce ne sono altri, persino più cattivi… Ma non vi dirò altro!
Un altro personaggio che merita un paragrafo tutto per sé è il marchese De Carabas, individuo dalle mire non sempre chiare, sempre armato di battute taglienti e artefatti di dubbia provenienza. Un aiutante magico sui generis che riserva una sorpresa diversa ogni volta che appare che rende la storia ancora più movimentata.

La trama, infatti, scorre senza intoppi e inanella, uno dopo l’altro, avvenimenti sempre più strani e pericolosi. L’entrata di Richard nel Mondo Sotto non è una passeggiata di piacere, come vi ho già accennato più volte, e il nostro eroe sarà costretto ad affrontare diverse avventure per poter riconquistare la propria vita (e cerco di nuovo di tenermi volutamente sul vago, perché in questo caso scoprire cosa i nostri eroi cercano, e perché, è uno dei piaceri della lettura). I pericoli sono reali e non tutti potranno vedere la fine del viaggio.
C’è spazio anche per un paio di colpi di scena: alcuni inaspettati, altri più ovvi, ma in ogni caso presentati attraverso una gestione dei tempi narrativi ottima.

Nessun dove è un libro che consiglio a chi ama i libri fantasy, a chi ama i libri di avventura e a chi ama, in generale, una bella storia; e se non si prende il massimo delle stelline è solo perché Gaiman, con American Gods, mi ha abituata a un livello standard più alto del normale. Comunque, il suo stile è sempre ottimo e rimane molto riconoscibile, fatto cui bisognerebbe dare l’apprezzamento che merita.
L’ultima cosa che vorrei aggiungere è che una parte di me, in fondo, spera che Gaiman prima o poi riprenda questo mondo fantastico e scriva un altro libro sulle avventure possibili nei suoi meandri, magari trasferendosi anche in un altro paese… chissà, forse anche lungo la metropolitana della mia città c’è un mondo magico che aspetta solo di essere raccontato. ( )
  Dasly | Feb 18, 2014 |
Mostra 2 di 2
Gaiman blends history and legend to fashion a traditional tale of good versus evil, replete with tarnished nobility, violence, wizardry, heroism, betrayal, monsters and even a fallen angel. The result is uneven. His conception of London Below is intriguing, but his characters are too obviously symbolic (Door, for example, possesses the ability to open anything). Also, the plot seems a patchwork quilt of stock fantasy images. Adapted from Gaiman's screenplay for a BBC series, this tale would work better with fewer words and more pictures.
aggiunto da Shortride | modificaPublishers Weekly (May 19, 1997)
 
The novel is consistently witty, suspenseful, and hair-raisingly imaginative in its contemporary transpositions of familiar folk and mythic materials (one can read Neverwhere as a postmodernist punk Faerie Queene). Readers who've enjoyed the fantasy work of Tim Powers and William Browning Spencer won't want to miss this one. And, yes, Virginia, there really are alligators in those sewers--and Gaiman makes you believe it.
aggiunto da Shortride | modificaKirkus Reviews
 
The millions who know The Sandman, the spectacularly successful graphic novel series Gaiman writes, will have a jump start over other fantasy fans at conjuring the ambience of his London Below, but by no means should those others fail to make the setting's acquaintance. It is an Oz overrun by maniacs and monsters, and it becomes a Shangri-La for Richard. Excellent escapist fare.
aggiunto da Shortride | modificaBooklist, Ray Olson
 

» Aggiungi altri autori (11 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Gaiman, Neilautore primariotutte le edizioniconfermato
Althoff, Gerlindeautore secondarioalcune edizioniconfermato
Berggren, Hansautore secondarioalcune edizioniconfermato
Braiter, PaulinaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
D'Alessandro, JaimePostfazioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Fabry, GlennIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Faerna, MónicaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Halperin, AmyProgetto della copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Hohl, TinaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Kivimäki, MikaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Marcel, Patrickautore secondarioalcune edizioniconfermato
Mcginnis, RobertImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
McKean, DaveIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Osyczka, DanEndpaper mapautore secondarioalcune edizioniconfermato
Pék, ZoltánTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Rijsewijk, Erica vanautore secondarioalcune edizioniconfermato
Villa, ElisaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Vojtková, LadislavaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Luoghi significativi
Eventi significativi
Film correlati
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
«Non sono mai stato a St John's Wood. Non oso. Avrei paura della sterminata oscurità di abeti bianchi, timore di imbattermi in un calice rosso sangue e nel batter d'ali dell'Aquila.»

G.K. CHESTERTON, Il Napoleone di Notting Hill
Dedica
Nessun dove semplicemente non esisterebbe se non fosse per Lenny Henry. Perciò questo libro è dedicato a lui e a Polly McDonald: ostetrici gemelli che non si somigliano affatto tranne che nell'essere entrambi insopportabilmente alti.

È dedicato anche a Clive Brill e Beverly Gibson, che sono tutti e due di statura normale.
Incipit
Richard Mayhew non si stava divertendo molto quella notte, l'ultima prima di andare a Londra.
Citazioni
"I thought I wanted a nice, normal life. I mean, maybe I am crazy. I mean, maybe. But if this is all there is, then I don't want to be sane. You know?"
Ultime parole
Nota di disambiguazione
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
This is main work for the book Neverwhere. It should not be combined with the TV series on which it is based.
Redattore editoriale
Elogi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Lingua originale
DDC/MDS Canonico
LCC canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (2)

Richard Mayhew's life is forever changed after he rescues a young girl named Door and finds himself living in a city of monsters, saints, murderers, and angels, and he must help Door on her mission to save this strange underworld kingdom from destruction.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Copertine popolari

Link rapidi

Voto

Media: (4.1)
0.5 5
1 47
1.5 18
2 208
2.5 70
3 1057
3.5 317
4 2625
4.5 324
5 2495

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 164,498,320 libri! | Barra superiore: Sempre visibile