Immagine dell'autore.

J. G. Ballard (1930–2009)

Autore di L'impero del sole

284+ opere 33,505 membri 756 recensioni 195 preferito

Sull'Autore

J. G. Ballard was born to British parents in Shanghai, China on November 15, 1930. While a child during World War II, he spent four years in a Japanese POW camp. This experience was the basis for the emotionally moving novel Empire of the Sun, which he adapted into a successful movie, directed by mostra altro Steven Spielberg. Before becoming a full-time writer, he studied medicine at Cambridge University and served as a pilot in the British Royal Air Force. Ballard is best known for his science fiction writings. His early works were heavily influenced by surrealism. Most of his novels deal with death and destruction of the human spirit. Novels such as Crash, Concrete Island, and High Rise portray a society that is devolving into barbaric chaos. Crash was made into a movie by David Cronenberg in 1996. The Drowned World describes an apocalyptic society, with a hero that ushers in the destruction of the world. His novel Empire of the Sun was shortlisted for the Booker Prize and awarded the Guardian Fiction Prize and James Tait Black Memorial Prize for fiction. Empire of the Sun was filmed by Steven Spielberg in 1987, starring a young Christian Bale as Jim (Ballard). Ballard moved away from science fiction, but he is still considered one of the leading authors of the genre. He died on April 19, 2009 at the age of 78. (Bowker Author Biography) mostra meno
Fonte dell'immagine: Jerry Bauer

Serie

Opere di J. G. Ballard

L'impero del sole (1984) 3,738 copie
Crash (1973) 3,525 copie
Deserto d'acqua (1962) 2,746 copie
Il condominio (1975) 2,480 copie
La mostra delle atrocità (1969) 1,677 copie
L' isola di cemento (1973) 1,298 copie
Super-Cannes (2000) 1,284 copie
Foresta di cristallo (1966) 1,199 copie
Cocaine nights (1996) 1,187 copie
Terra bruciata (1964) 978 copie
Millennium people (2003) 869 copie
Il giorno della creazione (1987) 752 copie
La gentilezza delle donne (1991) 728 copie
Regno a venire (2006) 691 copie
The Unlimited Dream Company (1979) 595 copie
IL GIGANTE ANNEGATO (1964) 594 copie
I miracoli della vita (2008) — Autore — 570 copie
Hello America (1981) 569 copie
Un gioco da bambini (1988) 551 copie
Il paradiso del diavolo (1994) 468 copie
Il vento dal nulla (1962) 422 copie
Febbre di guerra (1990) 344 copie
Incubo a quattro dimensioni (1963) 320 copie
La zona del disastro (1967) 276 copie
Dalla veranda (1656) 242 copie
Low-flying Aircraft and Other Stories (1976) — Autore — 193 copie
Le voci del tempo (1901) 183 copie
The Day of Forever (1901) 158 copie
The Venus Hunters (1967) 147 copie
The Inner Landscape (1969) 121 copie
Billenium (1962) 118 copie
Memories of the Space Age (1988) 92 copie
Backdrop of Stars (1968) — Collaboratore — 90 copie
Extreme Metaphors (2012) 89 copie
The Impossible Man (1966) 88 copie
Conversations (2005) 78 copie
The Overloaded Man {anthology} (1967) — Autore — 71 copie
J.G. Ballard: Quotes (2004) 57 copie
De wachtvelden (1970) 16 copie
Modern Short Stories 2: 1940-1980 (1982) — Collaboratore — 12 copie
Supernova (1974) 11 copie
Billenium [short story] (1961) 11 copie
The Sound-Sweep (1960) 10 copie
Prima Belladonna (2016) 8 copie
Drie SF-novellen (1978) 8 copie
Deep End (1961) 7 copie
Track 12 [short fiction] (1967) 7 copie
Der Garten der Zeit (1996) 7 copie
Beton Ada (2004) 7 copie
Build-Up 7 copie
The Volcano Dances (1964) 6 copie
The Message From Mars (1992) 5 copie
End-game 5 copie
Escapement [short story] (1967) 5 copie
Dream Cargoes 4 copie
Rzeźbiarze chmur (2012) 4 copie
Now: Zero [short story] (1967) 4 copie
Sorres rogenques (1987) 3 copie
La Isla de Hormigón (2012) 3 copie
Oteki Dunya (2013) 3 copie
Science-Fiction: Ballard (1984) 3 copie
Avió en vol ras (2022) 3 copie
Päikese impeerium (2014) 3 copie
Le Rêveur illimité (2017) 2 copie
Solens Rike 2 copie
Bilenio 2 copie
Sombras Do Imperio (1994) 2 copie
Statues chantantes(les) (1998) 2 copie
この不思議な地球で―世紀末SF傑作選 (1996) — Collaboratore — 1 copia
Ora: zero (2015) 1 copia
Toronyház (2018) 1 copia
Coitus 80 1 copia
Helló, Amerika! (2019) 1 copia
Sogno S.p.A. (1979) 1 copia
Koleduste väljapanek (2021) 1 copia
歌う彫刻 (2017) 1 copia
Fuga al paraíso (1901) 1 copia
Ora: zero 1 copia
Hayatin Mucizeleri (2009) 1 copia
Condominium 1 copia

Opere correlate

Pasto nudo (1962) — Introduzione, alcune edizioni6,984 copie
Dangerous Visions — Collaboratore — 1,893 copie
The World Treasury of Science Fiction (1989) — Collaboratore — 887 copie
Antologia della letteratura fantastica (1940) — Collaboratore — 599 copie
Brave New Worlds: Dystopian Stories (2011) — Collaboratore — 503 copie
The Oxford Book of Science Fiction Stories (1992) — Collaboratore — 446 copie
The Penguin Book of Modern British Short Stories (1989) — Collaboratore — 428 copie
The Big Book of Science Fiction (2016) — Collaboratore — 409 copie
The Ascent of Wonder: The Evolution of Hard SF (1994) — Collaboratore — 392 copie
Masterpieces of Fantasy and Wonder (1989) — Collaboratore — 328 copie
Pranks! (1987) — Collaboratore — 270 copie
Nebula Award Stories 1965 (1966) — Collaboratore — 259 copie
The Penguin Science Fiction Omnibus (1973) — Collaboratore — 248 copie
Semiotext(e) SF (1989) — Collaboratore — 248 copie
The Road to Science Fiction #3: From Heinlein to Here (1979) — Collaboratore — 242 copie
Shudder Again: 22 Tales of Sex and Horror (1993) — Collaboratore — 231 copie
Destinazione spazio 2 (1990) — Collaboratore — 201 copie
The Fantasy Hall of Fame (1998) — Collaboratore — 192 copie
The Oxford Book of English Short Stories (1998) — Collaboratore — 189 copie
The Pleasure of Reading (1992) — Collaboratore — 188 copie
The Starry Wisdom: A Tribute to H.P. Lovecraft (1994) — Collaboratore — 186 copie
Dangerous Visions 3 (1967) — Collaboratore — 183 copie
10th Annual Edition: The Year's Best S-F (1965) — Collaboratore — 178 copie
Nebula Award Stories Number Three (1968) — Collaboratore — 173 copie
The Ruins of the Earth (1973) — Collaboratore — 162 copie
A Science Fiction Omnibus (1973) — Collaboratore — 148 copie
5th Annual Edition: The Year's Best S-F (1960) — Collaboratore — 146 copie
Connoisseur's Science Fiction (1964) — Collaboratore — 143 copie
Stories of the Sea (2010) — Collaboratore — 139 copie
Space Odyssey (1983) — Collaboratore — 138 copie
Penguin Science Fiction (1961) — Collaboratore — 136 copie
SF12 (1968) — Collaboratore — 135 copie
The Wesleyan Anthology of Science Fiction (2010) — Collaboratore — 133 copie
The Playboy Book of Science Fiction (1998) — Collaboratore — 131 copie
The Playboy Book of Science Fiction and Fantasy (1955) — Collaboratore — 116 copie
8th Annual Edition: The Year's Best S-F (1963) — Collaboratore — 116 copie
Empire of the Sun [1987 film] (1987) — Original book — 115 copie
Spectrum 3 (1963) — Collaboratore — 115 copie
The Best from Fantasy and Science Fiction: 12th Series (1963) — Collaboratore — 115 copie
11th Annual Edition: The Year's Best S-F (1966) — Collaboratore — 113 copie
The Mammoth Book of International Erotica (1996) — Collaboratore — 113 copie
Dali (1974) — Introduzione, alcune edizioni111 copie
The Big Book of Modern Fantasy (2020) — Collaboratore — 108 copie
New Worlds: An Anthology (1983) — Collaboratore — 107 copie
Cyber-killers (1997) — Collaboratore, alcune edizioni106 copie
SF: The Best of the Best (1967) — Autore, alcune edizioni106 copie
The Best of Interzone (1997) — Collaboratore — 99 copie
The Best from Fantasy and Science Fiction: 13th Series (1964) — Collaboratore — 98 copie
The Prentice Hall Anthology of Science Fiction and Fantasy (2000) — Collaboratore — 91 copie
The Second IF Reader of Science Fiction (1957) — Collaboratore — 84 copie
Bangs and Whimpers: Stories about the End of the World (1999) — Collaboratore — 82 copie
Lost Mars: The Golden Age of the Red Planet (2018) — Collaboratore — 81 copie
England Swings SF: Stories of Speculative Fiction (1968) — Collaboratore — 79 copie
New Worlds Quarterly 2 (1971) — Collaboratore — 77 copie
Cities of wonder (1967) — Collaboratore — 77 copie
New Worlds of Fantasy #3 (1971) — Collaboratore — 73 copie
Interzone: The 1st Anthology (1985) — Autore — 73 copie
New Worlds Quarterly 1 (1971) — Collaboratore — 70 copie
Best SF Stories from New Worlds (1967) — Collaboratore — 70 copie
Future Tense (1968) — Collaboratore — 69 copie
Best SF: 1967 (1968) — Collaboratore — 69 copie
The Vintage Anthology of Science Fantasy. (1966) — Collaboratore — 65 copie
Best SF Stories from New Worlds 2 (1966) — Collaboratore — 65 copie
The Best Science Fiction Stories (1977) — Autore, alcune edizioni65 copie
Alpha 1 (1970) — Collaboratore — 64 copie
Time Travelers (Fiction in the Fourth Dimension) (1997) — Collaboratore — 64 copie
Dark Stars (1969) — Collaboratore — 64 copie
The City, 2000 A.D: Urban Life through Science Fiction (1950) — Collaboratore — 63 copie
The New SF (1969) — Collaboratore — 63 copie
New Worlds of Fantasy (1967) — Collaboratore — 62 copie
Transit of Earth (1971) — Collaboratore — 61 copie
Interzone: The 2nd Anthology (1987) — Collaboratore — 60 copie
Isaac Asimov Presents The Great SF Stories 22 (1960) (1991) — Collaboratore — 59 copie
Le grandi storie della fantascienza : 1962 (1992) — Collaboratore — 59 copie
The Best of British SF 2 (1977) — Collaboratore — 59 copie
The Traps of Time (1970) — Collaboratore — 58 copie
Timescapes (1997) — Collaboratore — 57 copie
The Orbit Science Fiction Yearbook: No. 2 (1989) — Collaboratore — 57 copie
Best SF Stories from New Worlds 5 (1969) — Collaboratore — 55 copie
Best SF Stories from New Worlds 6 (1970) — Collaboratore — 55 copie
One Hundred Years of Science Fiction : Book Two (1950) — Autore — 52 copie
Extreme Fiction: Fabulists and Formalists (2003) — Collaboratore — 51 copie
Beyond Tomorrow: Anthology of Modern Science Fiction (1976) — Collaboratore — 51 copie
Alpha 2 (1971) — Collaboratore — 50 copie
Science Fiction Contemporary Mythology (1978) — Collaboratore — 48 copie
Altre vite (1986) — Collaboratore — 46 copie
Best SF Stories from New Worlds 8 (1974) — Collaboratore — 45 copie
Introductory Psychology through Science Fiction (1974) — Collaboratore — 44 copie
Stars of Albion (1979) — Collaboratore — 43 copie
In Dreams Awake (1975) 42 copie
Interzone: The 4th Anthology (1983) — Collaboratore — 41 copie
The Best from Fantasy and Science Fiction: 18th Series (1969) — Collaboratore — 40 copie
The Dead Astronaut (1971) — Collaboratore — 39 copie
SF: Authors' Choice (1968) — Collaboratore — 38 copie
Best SF Stories from New Worlds 7 (1963) — Collaboratore — 37 copie
Windows Into Tomorrow (1974) — Collaboratore — 34 copie
Lands of Never: Anthology of Modern Fantasy (1984) — Collaboratore — 33 copie
Top Fantasy (1974) — Collaboratore — 33 copie
Beach : Stories by the Sand and Sea (2000) — Collaboratore — 32 copie
Great World War II Stories: 50th Anniversary Collection (1989) — Collaboratore — 29 copie
100 Years of Science Fiction (1968) — Collaboratore — 29 copie
Tomorrow, Tomorrow, and Tomorrow ... (1974) — Collaboratore — 29 copie
First Voyages (1981) — Collaboratore — 29 copie
Kafkaesque: Stories Inspired by Franz Kafka (2011) — Collaboratore — 27 copie
Tomorrow and Tomorrow : Ten Tales of the Future (1973) — Collaboratore — 23 copie
Earth in Transit (1976) — Collaboratore — 16 copie
Phantastische Aussichten (1985) — Collaboratore — 16 copie
Galactic Dreamers: Science Fiction as Visionary Literature (1977) — Collaboratore — 15 copie
Mind in Chains (1970) — Collaboratore — 14 copie
Univers 03 (1975) — Collaboratore — 14 copie
Science fiction verhalen [1969] — Collaboratore, alcune edizioni; Collaboratore, alcune edizioni13 copie
Gigantic Worlds (2015) — Collaboratore — 11 copie
SF Inventing the Future (1972) — Collaboratore — 11 copie
Love, Death + Robots: The Official Anthology, Volume 2+3 (2022) — Collaboratore — 11 copie
Tales in Space (1998) — Collaboratore — 11 copie
Star Book of Horror No. 1 (1975) — Collaboratore — 10 copie
Social Problems Through Science Fiction (1975) — Collaboratore — 10 copie
Into the unknown;: Eleven tales of imagination (1973) — Collaboratore — 10 copie
Univers 1986 (1986) — Collaboratore — 9 copie
Ikarus 2002 (2002) — Collaboratore — 8 copie
Ikarus 2001. Best of Science Fiction. (2001) — Collaboratore — 7 copie
Time of Passage (1978) — Collaboratore — 7 copie
New Worlds SF 163, June 1966 (1966) — Collaboratore — 7 copie
Death on Wheels (1999) — Collaboratore — 7 copie
New Worlds SF 161, April 1966 (1966) — Collaboratore — 6 copie
ULLSTEIN 2000 SF STORIES 81 (1982) — Collaboratore — 5 copie
Bifrost n°59 (2010) — Collaboratore — 5 copie
New Worlds SF 170, January 1967 (1967) — Collaboratore — 5 copie
Rød planet : en science fiction-antologi om Mars (1970) — Collaboratore — 5 copie
American Government through Science Fiction (1974) — Collaboratore — 4 copie
Racconti di cinema (2014) — Collaboratore — 3 copie
Fantastrenna — Collaboratore — 3 copie
Døds-layoutet 1 (1972) — Autore, alcune edizioni; Autore, alcune edizioni3 copie
Short Fiction: Shape and Substance (1971) — Collaboratore — 3 copie
Døds-layoutet 2 (1973) — Autore, alcune edizioni2 copie
Nuove avventure nell'ignoto — Collaboratore — 2 copie
Den ¤elektriske myre og andre science fiction-fortællinger (1984) — Autore, alcune edizioni2 copie
Impuls 1 — Autore, alcune edizioni2 copie
S-Fマガジン 1967年05月号 (通巻94号) (1967) — Collaboratore — 1 copia
S-Fマガジン 1966年05月号 (通巻81号) — Collaboratore — 1 copia
季刊NW-SF 1973年 11月 第8号 — Collaboratore — 1 copia
季刊NW-SF 6号 — Collaboratore — 1 copia
季刊NW-SF 3号 — Collaboratore — 1 copia
季刊NW-SF 1号 — Collaboratore — 1 copia
S-Fマガジン 1967年10月号 (通巻100号) — Collaboratore — 1 copia
季刊NW-SF 1976年 08月 第12号 — Collaboratore — 1 copia
S-Fマガジン 2009年 11月号 [雑誌] — Collaboratore — 1 copia
海 1972年05月号 — Collaboratore — 1 copia
S-Fマガジン 2000年 02月号 [雑誌] — Collaboratore — 1 copia
Antaeus No. 35, Autumn 1979 — Collaboratore — 1 copia
S-Fマガジン 1972年09月号 (通巻163号) (1972) — Collaboratore — 1 copia
SFの評論大全集 (別冊奇想天外 4) — Collaboratore — 1 copia
季刊NW-SF 1976年 01月 第11号 — Collaboratore — 1 copia
Crash! (Documentary short, 1971) — Collaboratore — 1 copia
Science Fiction Eye #08, Winter 1991 — Collaboratore — 1 copia
New Worlds Science Fiction 106, May 1961 — Collaboratore — 1 copia
S-Fマガジン 1967年04月号 (通巻93号) — Collaboratore — 1 copia

Etichette

1001 (169) 1001 libri (201) Antologia (2,423) Autobiografia (154) Beat (224) britannico (301) Cina (205) collezione (239) da leggere (2,428) Distopia (487) droghe (217) EBook (212) Fantascienza (6,324) Fantasy (620) Guerra (144) Horror (160) Inghilterra (145) Inglese (212) James Graham Ballard (251) Letteratura (637) Letteratura americana (180) letteratura britannica (236) Letteratura inglese (249) letto (430) Libro tascabile (200) Narrativa (5,757) narrativa speculativa (214) non letto (491) Novecento (472) post-apocalittico (156) racconti (2,231) Regno Unito (144) Romanzi brevi (288) Romanzo (994) Saggistica (146) Seconda guerra mondiale (358) SF (1,874) SFF (265) storie (147) WSB (125)

Informazioni generali

Nome legale
Ballard, James Graham
Data di nascita
1930-11-15
Data di morte
2009-04-19
Sesso
male
Nazionalità
UK (paspoort)
China (geboren)
Nazione (per mappa)
UK
Luogo di nascita
Shanghai, China
Luogo di morte
London, England, UK
Causa della morte
cancer
Luogo di residenza
Sjanghai, China
Istruzione
University of Cambridge (King's College)
Leys School, Cambridge
University of London
Attività lavorative
schrijver
Relazioni
Walsh, Claire (long-time companion)
Organizzazioni
Royal Air Force
Premi e riconoscimenti
Guardian Fiction Prize (1984)
James Tait Black Memorial Prize (1984)
Commonwealth Writers' Prize (2001)
Golden PEN Award (2008)
Agente
Margaret Hanbury
Breve biografia
Born and brought up in colonial Shanghai comfort, young James Graham Ballard saw his life change forever when, in the aftermath of Pearl Harbour, Japanese forces swept into the city. The three years he spent in an internment camp moulded his view of "a world turned up-side down" and have constantly influenced his fiction.

Back in Britain, he abandoned his medical studies at Cambridge to become a full-time writer, and his first novel, The Drowned World, was published in 1962. As with many of his works, the wanderings of his characters' minds are charted as minutely as the external world they inhabit. The Drought, The Wind from Nowhere and The Crystal World all strengthened his reputation for bleak but beautiful chronicles of a post-Hiroshima age.

After the death of his wife in 1964, Ballard retreated to Shepperton by the River Thames to raise his three children. But if his surroundings were sleepy and suburban, his imagination remained at the cutting edge. When he produced Crash in 1973, legend has it that one publisher marked in her notes, "writer beyond psychiatric help". Crash, dealing with the erotic possibilities of car accidents, was well ahead of its time. Ballard himself called it "the first pornographic book based on technology" and David Cronenberg's film version in 1996 provoked six months' deliberation for the British censor.

Steven Spielberg's lavish production of Empire of the Sun, Ballard's autobiographical account of his childhood, brought the author financial security and public clamour for his earlier works. At this point, Ballard could have easily put down his pen.

Instead, he has continued to chart the struggle of a restless society, one caught between a need for security and a craving for the reckless. His latest novel, Millennium People, once again describes characters drawn to violence through technologically-induced boredom.

He once called himself "an architect of dreams, sometimes nightmares" and his seeming obsession with disaster, depravity and dystopia is not to everyone's taste. But, in this pop-bang throwaway age, JG Ballard remains curious and alert, reminding us, too, that "imagination itself is an endangered species".

Utenti

Discussioni

1001 Group Read--Dec, 2011: Empire of the Sun in 1001 Books to read before you die (Dicembre 2011)

Recensioni

Sinceramente in molte parti ho fatto fatica a leggerlo., A qualche racconto notevole se ne alternano altri che proprio non mi sono piaciuti.
Nella parte finale in particolare domina il tema del tempo percepito in modo distorto da chi ha partecipato a missioni spaziali che, però, risulta privo anche di una parvenza di motivazione.
 
Segnalato
edoardo_bompiani | Aug 7, 2023 |
Un'Utopia di Sogni Distorti

Una delle più grandi rivoluzioni della fantascienza inizia da qui: in un momento storico nel quale ci si stava preparando all’allunaggio, lo scrittore britannico James Graham Ballard ha deciso di fuggire dal facile ottimismo per l’ignoto, sostituendo all' "inter space", lo spazio esterno del cosmo quello che lui chiamava “inner space”, ovvero lo spazio interno della mente, anche grazie ai suoi studi in ambito psichiatrico e alla passione per l’arte surrealista, di cui può considerarsi il più noto discendente nel campo della letteratura. Ad un immaginario di astronavi, androidi e brulli paesaggi lunari, lo scrittore contrappone invenzioni tecnologiche che servono a scandagliare i lati più reconditi delle persone, tra psicopatologia e paesaggi allucinati che sono proiezioni delle ossessioni e dei valori dei personaggi.

Ballard era un grande scrittore di racconti, un argomento delicato nella letteratura, perché il pubblico viene sempre più abituato a preferire narrazioni lunghe, forse per influenza delle prolisse narrazioni televisive, per parafrasare una frase dello scrittore stesso. Ballard dava ai romanzi e alle novelle la stessa dignità ma le scriveva anche con un’ architettura compositiva diversa, un discorso che non si limita alla mera quantità di parole. Nei romanzi Ballard si comportava più come un “regista”, con l’algidissima e distaccata rappresentazione di follie collettive, registrando una sorta di arco di trasformazione del personaggio, nei racconti Ballard è più “pittore”, sono un campo di sperimentazione per idee di trama più suggestive e surreali ma che, se prese da sole non possono occupare lo spazio di un romanzo senza decentralizzarsi nel marasma di argomenti trattati; sono un po’ come dipinti, si basano su poche singole immagini forti, capaci di veicolare altrettante riflessioni complesse.
Sotto questo punto di vista, la raccolta di Vermilion Sands rappresenta il meglio dell’arte novellistica di Ballard o comunque la selezione migliore (insieme alla Mostra delle Atrocità), le novelle sono tutte ambientate nell'eponima località, con diversi fil rouge tematici. Proprio per queste affinità, la raccolta ha un’organicità complessiva che le dona somiglianze con le strutture romanzesche, prendendo dunque il meglio dei due media narrativi.

Per quanto riguarda l’ambientazione, il periodo di tempo è imprecisato. Vermilion Sands è una sorta di non-luogo, si sa che è ambientata nel nostro mondo reale ma non viene appositamente spiegata la nazione in cui è collocata, questo come tanti elementi danno l’idea che sia in realtà un paesaggio della mente, una delle tante manifestazioni espressioniste che è possibile riscontrare in Ballard. Sotto un aspetto più concreto, è una località balneare che è dotata di tecnologie avveniristiche ed è originalissimo il fatto che le sue invenzioni fantascientifiche non siano tese all' utilitarismo (come possono esoscheletri o astronavi) e neanche alla sperimentazione su androidi o alieni. Nulla di tutto ciò, le invenzioni di Vermilion Sands sono arti futuristiche, basate sulla fusione tra discipline diverse (ad esempio il cinema con la pittura, la scultura con la musica), oppure sviluppi inediti di arti già esistenti, grazie alle nuove tecnologie. Queste invenzioni sono sia giochi intellettuali, sia mezzi per rivelare la personalità dei personaggi, un po’ come succede con le figure retoriche nella poesia, in questo senso Ballard è come un ingegnere speculativo che vuole mostrare esperimenti, applicazioni pratiche di queste tecnologie, seducendo il lettore con i loro aspetti stranianti.

A popolare questo non-luogo ci sono mecenati, ricconi e artisti annoiati, in cerca di committenze e nuovi stimoli intellettuali, poiché immersi in quella che Ballard chiama “sindrome da spiaggia”: un alone di noia e allo stesso tempo di indolenza che caratterizza questa “bohéme” del futuro.
Nonostante i racconti abbiano sede in diverse zone di Vermilion Sands e ci si focalizzi quasi sempre su un’arte diversa, a congiungere ogni racconto c’è una struttura ricorrente: un protagonista maschile alla ricerca di ispirazione e impegni lavorativi, ma soprattutto una donna dalla psiche labile che incarna l’ “inner space”, rappresentata con un carattere ambiguo, che spesso oscilla tra un’innocenza quasi infantile, comportamenti psicopatologici e un temperamento da femme fatale. Tutta la raccolta è inoltre caratterizzata da una prosa lirica, che non indulge sulle descrizioni dei luoghi, creando atmosfere che alternano umori decadenti e un senso di meraviglia, in un certo senso quest’alternanza di sentimenti agrodolci tipici del processo creativo e il fatto che sia un museo a cielo aperto, di salotto letterario, sono un cocktail di elementi che sembrano dare un'idea di Vermilion Sands come manifestazione fisica dell’arte in sé, attraverso la deformante lente stilistica dell’ autore e del suo contesto storico.

Tra i tanti racconti degni di nota, spiccano sul Mare di Sabbia, dove c'è il capovolgimento del rapporto pittore-arte, dove gli stessi colori dipingono la tela o la Vendetta della Scultrice, dove la scultura simile ad una di Henry Moore sotto acidi viene impostata per alternarsi fisicamente e far nascere una sorta di vendetta nella veste di una performance artistica. O il Gioco degli Schermi, che decostruisce la storia di Orfeo ed Euridice in un odio Freudiano di Orfeo verso la donna. I Mille Sogni di Stellavista si configura come una sorta di parodia della casa stregata in chiave noir, dove la casa si altera in base ai rivolgimenti psichici degli abitanti.

In conclusione, Ballard ha rivoluzionato gli stessi intenti della fantascienza, sfruttandola come un campo di sperimentazione di idee surreali sul futuro e come mezzo per teorizzare e analizzare psicologie contorte e iconiche, attingendo anche ad altri generi e topos che ha decostruito per donare varietà e ulteriore genialità ad un capolavoro della letteratura.
… (altro)
 
Segnalato
Dreamweaver99 | 8 altre recensioni | Oct 5, 2021 |
L'attenzione del Ballard degli anni Settanta si è spostata dalle catastrofi naturali a quelle sociali e in questo libro il suo pessimismo raggiunge una delle punte più acide, ma il risultato finisce per essere inferiore alle promesse iniziali. Gli abitanti di un gigantesco e lussuoso complesso residenziale regrediscono lentamente verso lo stato di natura non appena nei loro costosissimi appartamenti iniziano a emergere inattese magagne sottolineate da black-out sempre più lunghi e diffusi. Lasciati a loro stessi, si rinchiudono in pratica nell'edificio dando inizio dapprima a una serie di feste sfrenate che ben presto degenerano in una sorta di guerra senza quartiere. In una fase iniziale, lo scontro ha i connotati della lotta di classe, con la ricchezza e il benessere che aumentano salendo verso l'alto, ma poi anche questi tenui legami saltano e il tutti contro tutti ha come conseguenza il sorgere di nuove aggregazioni che paiono prendere spunto dai tempi delle caverne. Come si vede, un'idea di base forte e complessa, il cui sviluppo però non soddisfa pienamente, forse perchè il materiale avrebbe potuto essere più efficacemente trattato in un racconto anzichè con un romanzo che, in varie parti, segna un certo calo di tensione narrativa. A parte il fatto che la sospensione dell'incredulità dev'essere forte per ammettere che una comunità di migliaia di persone venga ignorata dal mondo esterno per tre mesi benchè faccia di tutto per non passare inosservata, quello che manca è una linea narrativa forte che sappia fare da catalizzatore per i vari spunti disseminati qua e là. L'attenzione si sposta tra tre personaggi principali, anch'essi molto caratterizzati socialmente: il ricchissimo architetto Royal, che ha progettato il palazzo, l'altoborghese dottor Laing - un medico che non ha mai curato nessuno e conferma la sua ignavia lungo la vicenda - e il fotografo Wilder, esponente della piccola borghesia che si mette in testa di sfidare Royal realizzando una specie di scalata (alla lettera) sociale. Attorno a loro, circola una folla di figure, ognuna con la sua bella dose di nevrosi e follia, che devono lottare per una non facile sopravvivenza: fra di esse, le donne hanno un ruolo assai subalterno, da vittima sacrificale, il che ha dato origine a qualche accusa (forse non così campata per aria) di misoginia. In ogni caso, l'atmosfera che permea queste pagine, sono poco più di duecento, è contrassegnata da una bella dose di claustrofobia e angoscia che finiscono per insinuarsi sotto pelle al lettore anche perchè si finsice per pensare che su molti aspetti l'autore abbia ragione: peccato perciò che l'effetto venga rovinato da uno sviluppo non all'altezza.… (altro)
 
Segnalato
catcarlo | 82 altre recensioni | Jan 21, 2015 |
Questo libro, che riunisce tutte le nove storie del ciclo di Vermillion Sands, la località delle vacanze estive del futuro, è forse la creazione migliore di JGB.
Vermilion Sands, gemma di un delicato mondo di fantasia remoto nel tempo, ma vicino nei sentimenti di coloro che l'abitano. Circondata dalle sabbie rosse di un indistinto deserto, Vermillion Sands è una specie di Eden Rock, di Acapulco post-atomica.
Paradiso estroso e surreale, in cui si mescolano passato e avvenire, progettato per accontentare i capricci più esotici dei ricchi oziosi, languisce ora in malinconica rovina, popolato da dimenticate regine dello schermo, da impresari senza risorse. Un posto dove piante canore sono programmate per eseguire arie operistiche e macchine elettroniche hanno rimpiazzato i poeti; in cui case psico-sensibili sono spinte al delitto dalle neurosi dei loro proprietari; in cui le briglie dell'amore sono strette nelle mani di tenebrose sirene dagli occhi ingioiellati, figure femminili onnipresenti e emblematiche.… (altro)
 
Segnalato
mirkul | 8 altre recensioni | May 17, 2011 |

Liste

Cooper (1)
Books (1)
Read (1)
1980s (1)
1970s (1)
1960s (1)
My TBR (2)
to get (3)
Asia (1)

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

Damon Knight Contributor
Isaac Asimov Contributor
V. Vale Editor
Frederik Pohl Contributor
Frank Herbert Contributor
Katherine MacLean Contributor
Mack Reynolds Contributor
Poul Anderson Contributor
James Blish Contributor
Fritz Leiber Contributor
Brian Aldiss Contributor
L. Sprague de Camp Contributor
Frank Sargeson Contributor
Fred Urquhart Contributor
Elspeth Davie Contributor
R. Prawer Jhabvala Contributor
Rhys Davies Contributor
William Sansom Contributor
Geoffrey Bush Contributor
Morlay Callaghan Contributor
Elizabeth Bowen Contributor
William Trevor Contributor
R. K. Narayan Contributor
Nadine Gordimer Contributor
Samuel Beckett Contributor
Patrick White Contributor
Edmund Crispin Contributor
John McGahern Contributor
Jean Rhys Contributor
Elizabeth Taylor Contributor
Alan Sillitoe Contributor
Graham Greene Contributor
Muriel Spark Contributor
L. P. Hartley Contributor
Angus Wilson Contributor
Francis King Contributor
Mary Lavin Contributor
Roald Dahl Contributor
Doris Lessing Contributor
Seán O'Faoláin Contributor
William Gibson Contributor
Michael Walter Translator
Martin Amis Introduction
浅倉 久志 Translator
小川 隆 Translator
James Marsh Cover artist
Ruurd Groot Cover artist
David Pelham Cover artist
Carlos Ochagavia Cover artist
Karel Thole Cover artist
Richard M. Powers Cover artist
Frank Stoovelaar Cover artist
Marianne Menzel Übersetzer
Hans Bouman Translator
Lech Jęczmyk Translator
Lucas Ligtenberg Translator
Juliane Gräbener Übersetzer
Christoph Nieman Cover artist
Pat Doyle Cover artist
Chris Moore Cover artist
Chris Foss Cover artist
David Rintoul Narrator
C. A. M. Thole Cover artist
Oliviero Berni Cover artist
Dick French Cover artist
Richard Hollis Cover artist
James Boswell Illustrator
Will Self Introduction
Joachim Körber Translator
Johann Peterka Illustrator
John Griffiths Cover artist
Julian Elfer Narrator
Inge Wiskott Translator
Hannu Tervaharju Translator
Yasuo Nakamura Translator
Joachim Körber Übersetzer
Tamara de Lempicka Cover artist
Peter Goodfellow Cover artist
Max Ernst Cover artist
Robert Ebell Cover artist
Karl Stephan Cover artist
Maria Gridling Translator
Wulf H. Bergner Translator
Fleet Cooper Narrator
Paul Wright Illustrator
Joshua Cohen Introduction
Ronald Cohen Translator
Andy Caploe Narrator
Michel Bodmer Translator
Tim White Cover artist
Richard Rossiter Cover designer
David Ledoux Narrator
Janet Woolley Cover artist
Gisela Stege Translator
Mario Galli Translator
飯田 隆昭 Translator
吉田 誠一 Translator
Richard Powers Cover artist
Charlotte Franke Translator
Peter Gudynas Cover artist
Ian West Cover designer
Alfred Scholz Translator
Hilya Brinis Translator
永井 淳 Translator
R. Ginghofer Cover artist
Dick Bruna Cover designer
柳下 毅一郎 Director, Translator
Derek Jacobi Narrator
伊藤 哲 Translator
Mal Dean Illustrator

Statistiche

Opere
284
Opere correlate
187
Utenti
33,505
Popolarità
#575
Voto
½ 3.6
Recensioni
756
ISBN
894
Lingue
25
Preferito da
195

Grafici & Tabelle