Immagine dell'autore.

Anthony Doerr

Autore di Tutta la luce che non vediamo

16+ opere 26,103 membri 1,175 recensioni 21 preferito

Sull'Autore

Anthony Doerr was born on October 27, 1973 in Cleveland, Ohio. He is the author of The Shell Collector, About Grace, Four Seasons in Rome, Memory Wall, and All the Light We Cannot See. His fiction has won four O. Henry Prizes and has been anthologized in several anthologies. He has won the Barnes mostra altro and Noble Discover Prize, the Rome Prize, the New York Public Library's Young Lions Award, the National Magazine Award for Fiction, three Pushcart Prizes, two Pacific Northwest Book Award, three Ohioana Book Awards, the 2010 Story Prize, which is considered the most prestigious prize in the U.S. for a collection of short stories, and the Sunday Times EFG Short Story Award, which is the largest prize in the world for a single short story. His novel, All the Light We Cannot See, won the Adult Fiction Award for the Indies Choice Book Awards in 2015, the International Book of the Year at the ABIA Awards and the Pulitzer Prizes for Fiction in 2015. Anthony Doerr also won the 2015 Andrew Carnegie Medal for Excellence in Fiction for this same title. (Bowker Author Biography) mostra meno

Opere di Anthony Doerr

Opere correlate

The Future Dictionary of America (2004) — Collaboratore — 627 copie
State by State: A Panoramic Portrait of America (2008) — Collaboratore — 517 copie
The Best American Short Stories 2003 (2003) — Collaboratore — 468 copie
The Anchor Book of New American Short Stories (2004) — Collaboratore — 262 copie
The Best American Nonrequired Reading 2011 (2011) — Collaboratore — 237 copie
Granta 97: Best of Young American Novelists 2 (2007) — Collaboratore — 196 copie
McSweeney's Issue 32: 2024 AD (2009) — Collaboratore — 147 copie
McSweeney's Issue 34 (McSweeney's Quarterly Concern) (2010) — Collaboratore — 109 copie
Eat Joy: Stories & Comfort Food from 31 Celebrated Writers (2019) — Collaboratore — 66 copie
The Best Short Stories 2021: The O. Henry Prize Winners (2021) — Collaboratore — 63 copie
Granta 143: After the Fact (2018) — Collaboratore — 43 copie
2011 Pushcart Prize XXXV: Best of the Small Presses (2010) — Collaboratore — 39 copie
The Writer's Notebook II: Craft Essays from Tin House (2012) — Collaboratore — 38 copie
Good Roots: Writers Reflect on Growing Up in Ohio (2006) — Collaboratore — 22 copie
Tin House 28 (Summer 2006): Summer Reading (2006) — Collaboratore — 20 copie

Etichette

Informazioni generali

Nome canonico
Doerr, Anthony
Data di nascita
1973-10-27
Sesso
male
Nazionalità
USA
Luogo di nascita
Cleveland, Ohio, USA
Luogo di residenza
Boise, Idaho, USA
Novelty, Ohio, USA
New Zealand
Rome, Italy
Istruzione
Bowdoin College
Bowling Green State University
University School
Attività lavorative
novelist
short-story writer
Premi e riconoscimenti
Rome Prize
Guggenheim Fellowship (2010)
Breve biografia
Anthony Doerr has won numerous prizes for his fiction, including the 2015 Pulitzer Prize. His most recent novel, All the Light We Cannot See, was named a best book of 2014 by a number of publications, and was a #1 New York Times Bestseller. Visit him at www.anthonydoerr.com.

Utenti

Recensioni

Un piacevole racconto dove varie storie ambientate nell'età contemporanea, in quella medievale al tempo della caduta di Costantinopoli e nel futuro si intrecciano intorno alla cronaca di un testo di diogene originariamente conservato in una biblioteca in disuso di Costantinopoli, una storia che non va in difficoltà nonostante i numerosi (forse troppi) salti temporali del romanzo ,creando una trama ardita ma efficace.
½
 
Segnalato
PG0102 | 170 altre recensioni | Mar 6, 2023 |
Non posso dire che questo libro sia stato una delusione perchè in realtà non mi aspettavo nulla, lo conoscevo solo di nome; quel che posso dire però è che visto l'argomento non pensavo che sarebbe stata una lettura così poco entusiasmante, perfino tediosa in certi momenti.
Il problema è che manca qualunque tipo di coinvolgimento emotivo, ed è tanto più soprendente per il fatto che si parla della seconda guerra mondiale, morti e bombardamenti: come si fa ad annoiare con temi del genere? Non è facile ma Anthony Doerr ci è riuscito.
Innanzitutto è inutilmente prolisso, cinquecento pagine che non sono giustificabili né dal punto di vista della trama, che in realtà è piuttosto scarna, né tantomeno dal punto di vista dell'introspezione psicologica, quasi del tutto assente.
Poi la struttura del romanzo è parecchio dispersiva, con capitoli brevissimi e continui cambi di luogo e di prospettiva che confondono il lettore e frammentano una storia già di per sé poco avvincente.
Aggiungiamoci uno stile scorrevole ma piatto, semplice ad un livello scolastico, ed ecco spiegati i motivi del mio poco interesse.
Sono arrivata alla fine senza capire quale fosse il punto dell'opera o il messaggio che voleva comunicare l'autore, ammesso che ce ne fosse uno. Ci sono tanti spunti ma nessuno affrontato fino in fondo, in particolare la questione del nazismo mi pare trattata con grande superficialità e troppi non detti. Poteva dedicare più tempo ad approfondire questi aspetti essenziali e lasciar perdere la sottotrama della gemma magica, che ho trovato confusionaria e superflua.
Ho letto libri peggiori, questo si salva perché il tema e l'ambientazione sono particolarmente nelle mie corde e perché nonostante tutto si vede che dietro c'è stato un buon lavoro di ricerca. Mi stupisce però che un romanzo così mediocre abbia vinto un Pulitzer.
… (altro)
 
Segnalato
Lilirose_ | 881 altre recensioni | Jun 9, 2021 |

Liste

Europe (1)
AP Lit (1)

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

Statistiche

Opere
16
Opere correlate
20
Utenti
26,103
Popolarità
#799
Voto
4.2
Recensioni
1,175
ISBN
277
Lingue
24
Preferito da
21

Grafici & Tabelle