Immagine dell'autore.

John Cleland (1) (1709–1789)

Autore di Fanny Hill: memorie di una donna di piacere

Per altri autori con il nome John Cleland, vedi la pagina di disambiguazione.

20+ opere 3,523 membri 59 recensioni

Sull'Autore

Born in London, England in 1709, John Cleland studied at Westminster School. After working and traveling abroad, Cleland wrote the book that has made him notoriously famous to this day. The novel, Memoirs of a Woman of Pleasure, also known as Fanny Hill, details the life and loves of a prostitute mostra altro in 18th century London. A bestseller in its time, Fanny Hill has been heavily censored by various establishments since its inception. In 1749, Cleland was arraigned and reprimanded by the Privy Council in London for his literary obscenity. As a punishment, Cleland was ordered to pay 100 pounds annually and promise not to repeat the offense again. In the early 1960s the highest courts in New Jersey and Massachusetts declared the erotica novel obscene, but on appeal the U.S. Supreme Court reversed the judgments and cleared the book for publication. Cleland, who also spent time studying Celtic philosophy and dramaturgy, died in 1789 at the age of 80. (Bowker Author Biography) mostra meno

Opere di John Cleland

Memoirs of a Coxcomb (1751) 128 copie
Erotic Tales (1993) 37 copie
Fanny Hill [film] (2008) 9 copie
Fanny Hill - Part One (2003) 6 copie
The Stripteaser (1953) — Collaboratore — 2 copie

Opere correlate

The Olympia Reader (1965) — Collaboratore — 279 copie
The Columbia Anthology of Gay Literature (1998) — Collaboratore — 158 copie

Etichette

Informazioni generali

Utenti

Recensioni

Fanny Hill è uno di quei romanzi che mi mettono in difficoltà: da una parte l'ho trovato perfino divertente, mentre dall'altra ha messo a dura prova la mia sopportazione. Ma procediamo per gradi.

Fanny Hill è un classico della letteratura erotica, diciamo pure un porno del 1749: il suo autore, John Cleland, si ritrovò a scriverlo per guadagnare un po' di soldi da dare ai molti creditori che gli stavano con il fiato sul collo. E quale modo migliore di guadagnare soldi se non pubblicando un libro che avrebbe scatenato un putiferio e indotto un gran numero di persone a procurarselo?

Ovviamente Fanny Hill gli procurò diversi guai giudiziari, dai quali però seppe abilmente uscire, guadagnandoci pure un impiego statale. Fanny Hill venne proibito, ma immagino non vi sorprenderà sapere che continuò a infiammare l'immaginazione di molti tramite una buona diffusione sottobanco.

Cosa mi è piaciuto di Fanny Hill? Be', innanzi tutto, per essere stato scritto nel 1749, l'ho trovato molto esplicito. Non aspettatevi allusioni o detti-non-detti: le scene di sesso sono molto esplicite. Molto più di quelle di E.L. James, se volete saperlo, perché contengono una naturalezza e una curiosità fanciullesca nei confronti dei piaceri derivanti dall'atto sessuale in grado di far arrossire alla grande Mr. Accigliato Grey.

Poi, sempre perché scritto nel 1749, contiene delle espressioni che mi hanno fatto morire dal ridere, come “iniezione balsamica” per sperma e “filetto di carne bianca di vitello” per “pene”.

Il fatto che sia stato scritto nel 1749 ci permette anche di lanciare uno sguardo alla condizione delle donne di piacere (o donne pubbliche, come sono chiamate nel romanzo), che rischiavano malattie, sfruttamento e problemi con la legge, ma potevano anche essere fortunate e riuscire a farsi mantenere da qualche abbiente signore. O molto fortunate se riuscivano a farsi sposare da qualche cliente innamorato.

Cosa non mi è piaciuto di Fanny Hill quindi? Forse è stupido visto che parliamo di un romanzo porno scritto nel 1749 (sì, lo so, vi sto facendo venire la nausea ripetendolo continuamente) e Olympe de Gouges avrebbe scritto il suo Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina solo nel 1791, ma non ho potuto fare a meno di essere infastidita da alcuni passaggi particolarmente maschilisti.

Sono rimasta, per esempio molto infastidita dalla visione penecentrica (o forse dovrei dire penegrossocentrica) di Fanny: quelli belli e buoni sono forniti di prodigiose mazze da baseball, mentre gli stronzi viscidi hanno delle insoddisfacenti penne a sfera BIC. Oppure vogliamo parlare di quest'attenzione morbosa nei confronti della verginità femminile? Oppure di quando Fanny ha provato repulsione di fronte al sesso tra due uomini, andando poi a denunciarli per i loro atti “contro natura”?

Insomma, ce n'è abbastanza per farvi urlare dalla frustrazione. Fanny Hill è un romanzo in bilico tra la modernità e il vecchio: c'è del buono che sa ancora sorprenderci e farci riflettere, ma c'è anche del brutto che, se non ci fa incazzare, di certo ci lascia molto perplessi.
… (altro)
 
Segnalato
lasiepedimore | 57 altre recensioni | Sep 13, 2023 |

Liste

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

D. H. Lawrence Contributor
Victor Hugo Contributor
Jack London Contributor
Arthur Conan Doyle Contributor
James Joyce Contributor
Mark Twain Contributor
Marcus Aurelius Contributor
Charles Dickens Contributor
George Sand Contributor
Benjamin Disraeli Contributor
O. Henry Contributor
George Gissing Contributor
Nikolai Gogol Contributor
Susan Coolidge Contributor
Maxim Gorky Contributor
Jane Austen Contributor
Grant Allen Contributor
Vatsyayana Contributor
Arthur Morrison Contributor
Elizabeth Gaskell Contributor
Margaret Cavendish Contributor
Jr. Horatio Alger Contributor
Lucius Apuleius Contributor
H. Rider Haggard Contributor
Walter Scott Contributor
Mary Shelley Contributor
Hollis Godfrey Contributor
Pieter Harting Contributor
Dale Carnegie Contributor
Rebecca West Contributor
Stendhal Contributor
Bram Stoker Contributor
Leo Tolstoy Contributor
H. G. Wells Contributor
Herman Melville Contributor
Edgar Allan Poe Contributor
Rudyard Kipling Contributor
Alexandre Dumas Contributor
L. Frank Baum Contributor
Thomas Mann Contributor
Jules Verne Contributor
G.K. Chesterton Contributor
H. P. Lovecraft Contributor
Daniel Defoe Contributor
Marcel Proust Contributor
Upton Sinclair Contributor
Wilkie Collins Contributor
Jonathan Swift Contributor
Marquis de Sade Contributor
Pierre Angelique Contributor
Henry Miller Contributor
Lewis Carroll Contributor
Kate Chopin Contributor
Honoré de Balzac Contributor
Theodore Dreiser Contributor
Voltaire Contributor
Gustave Flaubert Contributor
George Eliot Contributor
Anna Maria Conti Translator
J. H. Plumb Introduction
J. F. Kliphuis Translator
Peter Quennell Introduction
Zevi Blum Illustrator
Justine Eyre Narrator
Herb Lubalin Designer
Philippe Cavell Illustrator
Erica Jong Introduction
Mahlon Blaine Illustrator

Statistiche

Opere
20
Opere correlate
3
Utenti
3,523
Popolarità
#7,209
Voto
3.3
Recensioni
59
ISBN
350
Lingue
18

Grafici & Tabelle