Pagina principaleGruppiConversazioniAltroStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Denti Bianchi (2000)

di Zadie Smith

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiConversazioni / Citazioni
12,352221373 (3.74)2 / 673
From the Publisher: On New Year's morning, 1975, Archie Jones sits in his car on a London road and waits for the exhaust fumes to fill his Cavalier Musketeer station wagon. Archie-working-class, ordinary, a failed marriage under his belt-is calling it quits, the deciding factor being the flip of a 20-pence coin. When the owner of a nearby halal butcher shop (annoyed that Archie's car is blocking his delivery area) comes out and bangs on the window, he gives Archie another chance at life and sets in motion this richly imagined, uproariously funny novel. Epic and intimate, hilarious and poignant, White Teeth is the story of two North London families-one headed by Archie, the other by Archie's best friend, a Muslim Bengali named Samad Iqbal. Pals since they served together in World War II, Archie and Samad are a decidedly unlikely pair. Plodding Archie is typical in every way until he marries Clara, a beautiful, toothless Jamaican woman half his age, and the couple have a daughter named Irie (the Jamaican word for "no problem"). Samad-devoutly Muslim, hopelessly "foreign"-weds the feisty and always suspicious Alsana in a prearranged union. They have twin sons named Millat and Magid, one a pot-smoking punk-cum-militant Muslim and the other an insufferable science nerd. The riotous and tortured histories of the Joneses and the Iqbals are fundamentally intertwined, capturing an empire's worth of cultural identity, history, and hope. Zadie Smith's dazzling first novel plays out its bounding, vibrant course in a Jamaican hair salon in North London, an Indian restaurant in Leicester Square, an Irish poolroom turned immigrant cafe, a liberal public school, a sleek science institute. A winning debut in every respect, White Teeth marks the arrival of a wondrously talented writer who takes on the big themes-faith, race, gender, history, and culture-and triumphs.… (altro)
  1. 61
    Un' isola di stranieri di Andrea Levy (CVBell)
    CVBell: Like White Teeth, Small Island illuminates the Caribbean immigrant experience in England, and like Zadie Smith, Levy is a major talent.
  2. 42
    Brick lane di Monica Ali (Booksloth)
  3. 20
    The Girl Who Fell From the Sky di Heidi W. Durrow (sduff222)
  4. 20
    Apples di Richard Milward (rory1000)
  5. 00
    La terra sotto i suoi piedi di Salman Rushdie (ateolf)
  6. 00
    Cent'anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez (renardkitsune)
  7. 11
    Una passione tranquilla di Helen Simonson (BookshelfMonstrosity)
    BookshelfMonstrosity: Readers will enjoy White Teeth and Major Pettigrew's Last Stand for their character development and humor, along with lighthearted treatment of serious topics such as race relations, religious fanaticism, self-understanding, and similar aspects of modern English life.… (altro)
  8. 00
    La ventisettesima città di Jonathan Franzen (rjuris)
  9. 12
    A Cupboard Full of Coats di Yvvette Edwards (vimandvigor)
    vimandvigor: multi-ethnic cast of characters; set in London; literary writing style.
1990s (147)
hopes (29)
To Read (143)
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Inglese (207)  Spagnolo (4)  Italiano (3)  Olandese (3)  Catalano (2)  Francese (1)  Finlandese (1)  Tutte le lingue (221)
Mostra 3 di 3
Che noia.
Portare a termine questo romanzo è stata un'impresa titanica, e per talmente tante ragioni che non saprei nemmeno da dove cominciare. Innanzitutto è un libro vuoto: non c'è uno scheletro narrativo o una trama degna di questo nome, ma solo un' infinita accozzaglia di flashback, flussi di coscienza e divagazioni che rendono il libro confusionario e prolisso. I personaggi poi danno tutti costantemente il peggio di sè, oscillando come il pendolo di Schopenauer tra inettitudine e frustrazione. Il cinismo forse dovrebbe dare profondità alla storia, ma è talmente forzato ed eccessivo che finisce solo per esasperare il lettore: ben presto si impara che nulla va mai a buon fine in questo romanzo, tutto è squallido e senza speranza. Non si salva nemmeno dal punto di vista stilistico, perchè la scrittura è piatta e poco scorrevole.
E' un libro inconcludente eppure pretenzioso, che si adagia su una buona idea di base (il multiculturalismo a Londra dagli anni '70 fino a fine millennio) ma che non riesce a svilupparla in maniera né convincente né tantomeno appassionante. Infatti la prima metà mi ha annoiato a morte, si risolleva leggermente nella parte in cui l'attenzione si sposta sulle nuove generazioni, ma si perde di nuovo con un finale insulso e sbrigativo. ( )
  Lilirose_ | Nov 21, 2016 |
Un libro sorprendente sia per il linguaggio dell'autrice esordiente sia per l'intreccio delle storie familiari che narra, nel contesto dei quartieri popolari di Londra che ben conosco e che ho riconosciuto. Brava Zadie! ( )
  melinealilis | Oct 25, 2009 |
Bellissimo romanzo d'esordio di Zadie Smith. Per chi ha letto Il Buddha delle Periferie e a chi è piaciuto East is East. ( )
  piolo | Jan 11, 2008 |
Mostra 3 di 3

» Aggiungi altri autori (15 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Smith, Zadieautore primariotutte le edizioniconfermato
Akura, LynnImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Brinkman, SophieTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Elden, Willem vanCollaboratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Grimaldi, LauraTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato

Appartiene alle Collane Editoriali

Gli Oscar Mondadori (Piccola biblioteca Oscar, 269)
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Luoghi significativi
Eventi significativi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Film correlati
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
"Ciò che è passato è prologo". Iscrizione nel Washington Museum
Dedica
A mia madre e a mio padre e per Jimmi Rahman
Incipit
Presto nel mattino, tardi nel secolo, Cricklewood Broadway.
Citazioni
Ultime parole
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Lingua originale
DDC/MDS Canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese

Nessuno

From the Publisher: On New Year's morning, 1975, Archie Jones sits in his car on a London road and waits for the exhaust fumes to fill his Cavalier Musketeer station wagon. Archie-working-class, ordinary, a failed marriage under his belt-is calling it quits, the deciding factor being the flip of a 20-pence coin. When the owner of a nearby halal butcher shop (annoyed that Archie's car is blocking his delivery area) comes out and bangs on the window, he gives Archie another chance at life and sets in motion this richly imagined, uproariously funny novel. Epic and intimate, hilarious and poignant, White Teeth is the story of two North London families-one headed by Archie, the other by Archie's best friend, a Muslim Bengali named Samad Iqbal. Pals since they served together in World War II, Archie and Samad are a decidedly unlikely pair. Plodding Archie is typical in every way until he marries Clara, a beautiful, toothless Jamaican woman half his age, and the couple have a daughter named Irie (the Jamaican word for "no problem"). Samad-devoutly Muslim, hopelessly "foreign"-weds the feisty and always suspicious Alsana in a prearranged union. They have twin sons named Millat and Magid, one a pot-smoking punk-cum-militant Muslim and the other an insufferable science nerd. The riotous and tortured histories of the Joneses and the Iqbals are fundamentally intertwined, capturing an empire's worth of cultural identity, history, and hope. Zadie Smith's dazzling first novel plays out its bounding, vibrant course in a Jamaican hair salon in North London, an Indian restaurant in Leicester Square, an Irish poolroom turned immigrant cafe, a liberal public school, a sleek science institute. A winning debut in every respect, White Teeth marks the arrival of a wondrously talented writer who takes on the big themes-faith, race, gender, history, and culture-and triumphs.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Link rapidi

Copertine popolari

Voto

Media: (3.74)
0.5 11
1 68
1.5 10
2 193
2.5 53
3 616
3.5 166
4 1086
4.5 147
5 600

Penguin Australia

Una edizione di quest'opera è stata pubblicata da Penguin Australia.

» Pagina di informazioni sull'editore

GenreThing

Nessun genere

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 160,291,430 libri! | Barra superiore: Sempre visibile