Pagina principaleGruppiConversazioniEsploraStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Denti Bianchi (2000)

di Zadie Smith

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiConversazioni / Citazioni
12,922233401 (3.74)2 / 692
At the center of this invigorating and hilarious novel are two unlikely friends, Archie Jones and Samad Iqbal, hapless veterans of World War II. Set against London's racial and cultural tapestry, venturing across the former empire's past as it barrels toward the future, "White Teeth" is an international bestseller now available in paperback.… (altro)
Aggiunto di recente daAndy5185, nikolahall, biblioteca privata, TempelGirl04, Joe.Olipo, LorinK.Jackson, Nerdyrev1, troutfishing, hms_, AF39
  1. 61
    Un' isola di stranieri di Andrea Levy (CVBell)
    CVBell: Like White Teeth, Small Island illuminates the Caribbean immigrant experience in England, and like Zadie Smith, Levy is a major talent.
  2. 52
    Brick lane di Monica Ali (Booksloth)
  3. 20
    The Girl Who Fell From the Sky di Heidi W. Durrow (sduff222)
  4. 20
    Apples di Richard Milward (rory1000)
  5. 00
    La terra sotto i suoi piedi di Salman Rushdie (ateolf)
  6. 00
    Cent'anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez (renardkitsune)
  7. 11
    Una passione tranquilla di Helen Simonson (BookshelfMonstrosity)
    BookshelfMonstrosity: Readers will enjoy White Teeth and Major Pettigrew's Last Stand for their character development and humor, along with lighthearted treatment of serious topics such as race relations, religious fanaticism, self-understanding, and similar aspects of modern English life.… (altro)
  8. 00
    La ventisettesima città di Jonathan Franzen (rjuris)
  9. 12
    A Cupboard Full of Coats di Yvvette Edwards (vimandvigor)
    vimandvigor: multi-ethnic cast of characters; set in London; literary writing style.
1990s (148)
hopes (29)
To Read (144)
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

» Vedi le 692 citazioni

Inglese (215)  Spagnolo (4)  Olandese (3)  Catalano (3)  Italiano (3)  Francese (1)  Finlandese (1)  Tutte le lingue (230)
Mostra 3 di 3
Che noia.
Portare a termine questo romanzo è stata un'impresa titanica, e per talmente tante ragioni che non saprei nemmeno da dove cominciare. Innanzitutto è un libro vuoto: non c'è uno scheletro narrativo o una trama degna di questo nome, ma solo un' infinita accozzaglia di flashback, flussi di coscienza e divagazioni che rendono il libro confusionario e prolisso. I personaggi poi danno tutti costantemente il peggio di sè, oscillando come il pendolo di Schopenauer tra inettitudine e frustrazione. Il cinismo forse dovrebbe dare profondità alla storia, ma è talmente forzato ed eccessivo che finisce solo per esasperare il lettore: ben presto si impara che nulla va mai a buon fine in questo romanzo, tutto è squallido e senza speranza. Non si salva nemmeno dal punto di vista stilistico, perchè la scrittura è piatta e poco scorrevole.
E' un libro inconcludente eppure pretenzioso, che si adagia su una buona idea di base (il multiculturalismo a Londra dagli anni '70 fino a fine millennio) ma che non riesce a svilupparla in maniera né convincente né tantomeno appassionante. Infatti la prima metà mi ha annoiato a morte, si risolleva leggermente nella parte in cui l'attenzione si sposta sulle nuove generazioni, ma si perde di nuovo con un finale insulso e sbrigativo. ( )
  Lilirose_ | Nov 21, 2016 |
Un libro sorprendente sia per il linguaggio dell'autrice esordiente sia per l'intreccio delle storie familiari che narra, nel contesto dei quartieri popolari di Londra che ben conosco e che ho riconosciuto. Brava Zadie! ( )
  melinealilis | Oct 25, 2009 |
Bellissimo romanzo d'esordio di Zadie Smith. Per chi ha letto Il Buddha delle Periferie e a chi è piaciuto East is East. ( )
  piolo | Jan 11, 2008 |
Mostra 3 di 3
It follows, for a while, the lives of three poor North London families over several decades of the late 20th Century- the Chalfens, Joneses, and the Iqbals, except that it does not really follow them. There is no coherent thread, just a lot of scenes designed to show us how weird, funny, grotesque, or dull these people of Indian, Jamaican, and Turkish backgrounds are. A few negative reviews have pointed out that Smith, despite her background, has no real grasp of slang- especially that of the Jamaican immigrants the Joneses represent, as she supposedly mixes Jamaican and Rastafarian terms with ease. I have no idea whether this is true or not, but the characters are all stereotypes, and speak in atrocious dialogues, whether or not the patois is correct. To nitpick over the patois when the writing is atrocious is like complaining the rabid dog that bit you also looked flea-bitten.

Conversation is best when it gives the illusion of colloquialism while focusing on the most poetic moments of speech to arrive at illuminating points that a reader can relate to. Conversation, when well used, can be a shortcut o establishing a character's traits and habits, far more easily and quickly than omniscient narration can. Smith has no idea that this is what it can be used for. Instead, she sees it as a way to show hipsterism is alive and well, and she's an initiate of it. The two ostensible leads are Archie Jones- an inveterate liar and Samad Iqbal, a career waiter. They are buddies from World War Two, and the patriarchs of their clans. Archie marries beautiful, but buck-toothed Clara, who hates her Jehovah's Witness mother, thus slipping into an unsavory lifestyle in rebellion. They have a daughter, named Irie. Samad marries a girl named Alsana and has twin boys, Magid and Millat- the former a Fundy Islamist, and the latter a wannabe street thug. Both men are disappointed in life, and an inordinate portion of the book takes place in a dentist's office- hence the title, which also is slang to mean the ideal of a handsome English boy or girl the social climbing foreigners see as ideal mates.

Of course, the children cannot assimilate, and Irie fixates on Millat. Then, nothing much more happens, as the older generations' struggles give way to the younger, including Moslem cultists, genetic experiments on mice, the protests against Salman Rushdie's The Satanic Verses (a cheap way to wrangle a blurb from him- which worked!, as his is the first on the book's blurb page) the Chalfen family, and then the book just ends- as if Smith grew bored with the whole damnable enterprise, and thought she'd just pull the plug. Of course, this end comes only after a hundred and fifty or so pages of a book that seems to want to veer into science fiction before dropping back to failed social satire, and after many other narratives and themes are dropped without reason- admittedly, none were that interesting to begin with, but why start a bad thread if you will not even end it? The book is full of such technical failings, and cannot even qualify as a slice of life tale, in the mold of a lesser A Tree Grows In Brooklyn or the Bridge novels of Evan S. Connell, for it seemingly wants to go somewhere, only to pull back, and just wither.
 

» Aggiungi altri autori (15 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Smith, Zadieautore primariotutte le edizioniconfermato
Akura, LynnImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Brinkman, SophieTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Elden, Willem vanCollaboratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Grimaldi, LauraTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Olender, JeanetteDesignerautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Luoghi significativi
Eventi significativi
Film correlati
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
"Ciò che è passato è prologo".
Iscrizione nel Washington Museum
Dedica
A mia madre e a mio padre e per Jimmi Rahman
Incipit
Presto nel mattino, tardi nel secolo, Cricklewood Broadway.
Citazioni
Ultime parole
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Lingua originale
DDC/MDS Canonico
LCC canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese

Nessuno

At the center of this invigorating and hilarious novel are two unlikely friends, Archie Jones and Samad Iqbal, hapless veterans of World War II. Set against London's racial and cultural tapestry, venturing across the former empire's past as it barrels toward the future, "White Teeth" is an international bestseller now available in paperback.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Copertine popolari

Link rapidi

Voto

Media: (3.74)
0.5 11
1 72
1.5 10
2 201
2.5 52
3 629
3.5 169
4 1121
4.5 152
5 617

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

Penguin Australia

Una edizione di quest'opera è stata pubblicata da Penguin Australia.

» Pagina di informazioni sull'editore

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 179,835,981 libri! | Barra superiore: Sempre visibile