Pagina principaleGruppiConversazioniAltroStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Divina Commedia - Paradiso

di Dante Alighieri

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

Serie: Divina Commedia (3)

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
5,096361,584 (3.96)85
Having plunged to the uttermost depths of Hell and climbed the Mount of Purgatory in parts one and two of the Divine Comedy, Dante ascends to Heaven in this third and final part, continuing his soul's search for God, guided by his beloved Beatrice. As he progresses through the spheres of Paradise he grows in understanding, until he finally experiences divine love in the radiant presence of the deity. Examining eternal questions of faith, desire and enlightenment, Dante exercised all his learning and wit, wrath and tenderness in his creation of one of the greatest of all Christian allegories.… (altro)
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 85 citazioni

Inglese (28)  Italiano (2)  Catalano (2)  Svedese (2)  Olandese (1)  Francese (1)  Tutte le lingue (36)
Mostra 2 di 2
Una sfida impossibile: raccontare l’ineffabile, far vedere l’inconcepibile. Appoggiato su una robusta struttura teologica - ma allo stesso tempo superandola perché da sola non basta a sondare il mistero – Dante riesce a vincerla e qua e là se ne vanta (malgrado conosca i propri punti deboli, il poeta non sempre riesce a frenare il proprio ego…). Non tutto funziona, certamente non è una passeggiata, ma il lettore che ha la forza di superare la traumatica dissertazione sulle macchie solari del secondo canto può godersi un viaggio nell’infinito - e oltre – in un’esperienza cui è difficile trovare un paragone. La raffigurazione fantastica dei vari cieli e dell’empireo raggiunge punte di straordinaria altezza: il contrasto con le questioni dottrinali rende questi momenti ancor più vividi e compensa l’apparente pedanteria degli altri. Una pedanteria che appare evidente a noi: quando il poema fu scritto, si trattava di argomenti ampiamente dibattuti e sentiti e perciò aprono ampi squarci su quel modo di pensare ed anche di vivere. Pallini da amanti della storia a parte, va anche ammesso che non sempre riesce a Dante di far poesia partendo dalla dialettica: qualche pagina poco riuscita non inficia però la magnificenza dell’insieme. Ma in fondo, è una sfida impossibile pure cercare di parlarne in poche righe: un libro che si inizia con l’idea di prendere una mattonata e che, non appena chiuso, fa venir voglia di ricominciare. Per coglierne meglio le mille sfumatura, certo, ma anche perchè iniziarne un altro è un brusco ritorno sulla terra: parafrasando Orson Welles, essendo arrivati sulla cima, si può solo scendere. ( )
  catcarlo | Oct 8, 2014 |
Il Paradiso

Nella terza cantica Dante è all'ultima fase del suo viaggio ultraterreno. Guidato non più da Virgilio ma da Beatrice, attraversa il Paradiso, cioè il luogo di beatitudine eterna per le anime giuste, sede di Dio e degli angeli. Ma il Paradiso per Dante non è solo un luogo: è anche l'insieme degli angeli e dei beati, è la stessa beatitudine celeste, stato di felicità, di completezza, di perfezione spirituale determinato dalla visione di Dio. Dunque l'allegoria del viaggio funziona qui solo in parte; la stessa struttura topografica del Paradiso è meno rigida e, in definitiva, meno importante di quella di Inferno e Purgatorio. Più che raccontare uno spostamento, Dante descrive piuttosto una serie di diversi scenari che appaiono nei nove cieli, un susseguirsi di visioni.
Ecco dunque la poetica della luce attraversare tutta la cantica: luce come testimonianza di Dio, come sua emanazione (recepita più o meno fortemente secondo la vicinanza all'Empireo). Le figurazioni luminose, spesso simboliche, che Dante descrive fanno parte della tradizione artistica medievale e del pensiero mistico, per il quale la visione estatica è la più alta forma di conoscenza. Oltre che sull'apparizione di luci, la visione, imparentata per modi e forme col sogno, è basata sulla metamorfosi delle immagini. Così Dante, nelle visioni che rappresenta, mostra fiumi che diventano laghi, faville che diventano angeli, fiori che si trasformano in beati.
Nel Paradiso Dante ha voluto rappresentare Dio, cioè qualcosa di non pensabile razionalmente, di non raccontabile. E si è affidato alle armi letterarie dei mistici, alla letteratura dell'ineffabile, dell'indicibile, sforzando al massimo le possibilità della mente di avere sensazioni. In questo ha dato vita alla sua cantica più ambiziosa, forse anche la più ardua, senz'altro il modello insuperato per ogni scrittura che voglia mostrare ciò che le parole non possono dire.

Bandella bio-bibliografica

Dante Alighieri nacque a Firenze nel 1265. Dopo gli studi umanistici a Firenze e Bologna prese parte alla vita politica della Repubblica, giungendo a ricoprire nel 1300 la carica di Priore. Ma l'anno seguente, mentre era a Roma come ambasciatore presso il papa, i suoi nemici fiorentini lo fecero condannare alla confisca dei beni e all'esilio perpetuo. Cominciò così la lunga serie di peregrinazioni e soggiorni nelle corti d'Italia, conclusasi soltanto nel 1318 a Ravenna, la città in cui decise di stabilirsi definitivamente con la sua famiglia, morendovi nel 1321. Oltre alla Divina commedia (1314 Inferno, 1315 Purgatorio, 1321 Paradiso) Dante compose la Vita nova (1294), diverse Rime (1298), i trattati De vulgari eloquentia (1307) e Convivio (1307), una serie di Epistole (1316), la Monarchia (1318), le Ecloghe a Giovanni del Virgilio (1319) e la Questio de acqua et terra (1329). ( )
  MareMagnum | Mar 20, 2006 |
Mostra 2 di 2
nessuna recensione | aggiungi una recensione

» Aggiungi altri autori (85 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Alighieri, DanteAutoreautore primariotutte le edizioniconfermato
Barceló, MiquelIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Bergin, Thomas GoddardTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Binyon, LaurenceTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Boeken, H.J.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Bosco, UmbertoA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Botticelli, SandroIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Bremer, FredericaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Brouwer, RobTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Cary, Henry FrancisTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Ciardi, JohnTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Dore, GustaveIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Esolen, AnthonyTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Freccero, JohnIntroduzioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Giacalone, GiuseppeA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Hollander, JeanTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Hollander, RobertTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Inglese, GiorgioA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Kirkpatrick, RobinTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Kuenen, Wilhelminaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Longfellow, Henry WadsworthTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Mandelbaum, AllenTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Moser, BarryIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Musa, MarkTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Norton, Charles EliotTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Oelsner, H.A cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Pipping, AlineTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Reggio, GiovanniA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Reynolds, BarbaraTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Sagarra, Josep Maria deTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Sapegno, NatalinoA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Sayers, Dorothy L.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Scialom, MarcTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Sinclair, John D.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Singleton, Charles S.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Wicksteed, Philip HenryTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Luoghi significativi
Eventi significativi
Film correlati
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
Dedica
Incipit
La gloria di colui che tutto move per l'universo penetra, e risplende in una parte più e meno altrove.
Citazioni
Ultime parole
Nota di disambiguazione
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Just book three Paradise / Paradiso in this work. No combined version or other volumes!
Redattore editoriale
Elogi
Lingua originale
Dati dalle informazioni generali spagnole. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
DDC/MDS Canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (4)

Having plunged to the uttermost depths of Hell and climbed the Mount of Purgatory in parts one and two of the Divine Comedy, Dante ascends to Heaven in this third and final part, continuing his soul's search for God, guided by his beloved Beatrice. As he progresses through the spheres of Paradise he grows in understanding, until he finally experiences divine love in the radiant presence of the deity. Examining eternal questions of faith, desire and enlightenment, Dante exercised all his learning and wit, wrath and tenderness in his creation of one of the greatest of all Christian allegories.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Questa nuova opera dantesca conserva - e consolida - la fortunata idea-forza delle precedenti dello stesso autore: trasparenza e didatticità dei commenti e delle note esplicative, aggiornamento e puntualità degli interventi critici.
Ciascuno dei tre volumi si apre con una introduzione mirata alla struttura fisica e all'ordinamento morale di ciascuna delle tre cantiche. In particolare il volume dedicato all'Inferno reca anche un'introduzione globale su tutto l'oltremondo dantesco.
In ciascuno dei tre volumi compaiono tutti i canti.
Ogni canto, completo nei versi e negli apparati, è preceduto da un'introduzione di sintesi narrativa, di valutazione critica, di inquadramento storico. Ed è concluso da una o due letture critiche su temi focali di Dante e della cultura che fu sua, desunte dalle opere dei maggiori dantisti e medievisti italiani e stranieri; da una ricca bibliografia di approfondimento multidisciplinare; da una batteria di proposte di ricerca.
Spesso, al termine del canto, ricorre la rubrica dei "passi controversi" dove vengono considerati i luoghi cruciali del poema di più complessa interpretazione filologica.
Un dossier di tavole illustrate fuori testo testimonia la fortuna iconografica della Commedia nei secoli, dai primitivi maestri miniatori ai grandi pittori del '900.
Rispetto alle precedenti opere dantesche dello stesso autore è stato accresciuto il numero complessivo delle pagine, è stata notevolmente migliorata la leggibilità, sono state aggiunte nuove letture, sono state rivisitate e ampliate molte proposte di ricerca.
(piopas)
Riassunto haiku

Link rapidi

Copertine popolari

Voto

Media: (3.96)
0.5
1 11
1.5 1
2 29
2.5 9
3 80
3.5 13
4 98
4.5 12
5 172

Penguin Australia

4 edizioni di questo libro sono state pubblicate da Penguin Australia.

Edizioni: 0140441050, 0140444432, 0140448977, 0451531418

Indiana University Press

2 edizioni di questo libro sono state pubblicate da Indiana University Press.

Edizioni: 0253316197, 0253341388

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 160,372,709 libri! | Barra superiore: Sempre visibile