Pagina principaleGruppiConversazioniAltroStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Wilde Schafsjagd di Haruki Murakami
Sto caricando le informazioni...

Wilde Schafsjagd (originale 1982; edizione 2006)

di Haruki Murakami

Serie: A Wild Sheep Chase (complete), The Rat (3)

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
6,9301291,015 (3.9)272
A marvelous hybrid of mythology and mystery, A Wild Sheep Chase is the extraordinary literary thriller that launched Haruki Murakami's international reputation. It begins simply enough: A twenty-something advertising executive receives a postcard from a friend, and casually appropriates the image for an insurance company's advertisement. What he doesn't realise is that included in the pastoral scene is a mutant sheep with a star on its back, and in using this photo he has unwittingly captured the attention of a man in black who offers a menacing ultimatum: find the sheep or face dire consequences. Thus begins a surreal and elaborate quest that takes our hero from the urban haunts of Tokyo to the remote and snowy mountains of northern Japan, where he confronts not only the mythological sheep, but the confines of tradition and the demons deep within himself. Quirky and utterly captivating, A Wild Sheep Chase is Murakami at his astounding best. 'A Wild Sheep Chase has the conventional hull of a thriller - a quest, a mystery, an extraordinary woman, and plenty of elegant duress - but its fantastic superstructure transforms it into something quite different...a science fiction fantasy, a romance, a metaphysical tease, or a dramatisation of philosophical ideas' Independent… (altro)
Utente:me.lyzzy
Titolo:Wilde Schafsjagd
Autori:Haruki Murakami
Info:Btb (2006), Paperback, 320 pages
Collezioni:La tua biblioteca
Voto:
Etichette:Nessuno

Informazioni sull'opera

Sotto il segno della pecora di Haruki Murakami (1982)

  1. 10
    La fine del mondo e il paese delle meraviglie di Haruki Murakami (cpav55, NatalieSW)
    cpav55: Ademt dezelfde sfeer als De jacht op het verloren schaap.
    NatalieSW: Has a similarly odd look at a world that is like ours but off-kilter in a magical, philosophically absurd way.
  2. 10
    Dance dance dance di Haruki Murakami (cpav55)
    cpav55: Dance Dance Dance (Dans Dans Dans) maakt met Pinball 1973 en De jacht op het verloren schaap min of meer deel uit van de serie, maar het zijn wel losstaande verhalen.
  3. 10
    Tutti i figli di Dio danzano di Haruki Murakami (2810michael)
  4. 00
    Kafka sulla spiaggia di Haruki Murakami (koenvanq)
  5. 00
    Pinball, 1973 di Haruki Murakami (cpav55)
    cpav55: Pinball 1973, Dans Dans Dans en De jacht op het verloren schaap vormen min of meer een serie, maar zijn wel losstaande verhalen.
  6. 00
    Il castello di Franz Kafka (olonec)
    olonec: chase, chase, chase
  7. 01
    Ghiaccio-nove di Kurt Vonnegut (WSB7)
    WSB7: Vonnegut's take on the world is so similar to Murakami's
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 272 citazioni

Inglese (104)  Francese (9)  Spagnolo (5)  Olandese (3)  Portoghese (2)  Italiano (2)  Norvegese (2)  Danese (1)  Ungherese (1)  Tutte le lingue (129)
Mostra 2 di 2
Hai presente la sensazione che si prova quando si ascoltano i primi tentativi musicali di un gruppo che ti piace? Ti sembra di riconoscere la loro firma, eppure non completamente, ti piacciono ma non sono proprio la stessa cosa degli album che hai riascoltato all'infinito.
Questa precisa impressione è quella che ho avuto leggendo "Nel segno della pecora". E' il Murakami che amo, ma allo stesso tempo non lo è.
La cosa bella di quest'opera giovanile è il suo essere quasi una caccia al tesoro, alla ricerca di tutti i segni stilistici dell'autore, di tutti i suoi topoi, le sue ossessioni. E' come accedere alla bozza di tutto quello che è venuto dopo, in un viaggio che ho trovato piacevolissimo.
"Nel segno della pecora" è l'opera più vecchia di Murakami tradotta in italiano, ma è stata una gioia scoprire come già fosse capace di delineare delle immagini così vivide che non riesci più a togliertele dalla mente. Ogni volta che chiudo uno dei suoi libri mi sembra di aver fatto personalmente il viaggio del protagonista, di aver visto gli stessi luoghi, e anche a distanza di anni ci sono paesaggi che ricordo come se ne avessi appena letto la descrizione. E non ho dubbi che anche in questo caso sarà lo stesso.
La storia come sempre corre al confine tra reale e immaginario, come un eterno dormiveglia, e come per i sogni puoi prenderli per quello che sono, oppure andare alla ricerca del messaggio nascosto lanciato dall'inconscio che li genera, sta solo a te. E così la ricerca della pecora può essere una semplice caccia all'animale, o la metafora di un viaggio diverso, metafisico e intimo. Ogni personaggio, ogni tappa del viaggio, ogni oggetto, non sono altro che un test di Rorschach, e ogni singolo lettore può scoprire un sottotesto diverso.

I libri di Murakami finiscono sempre per lasciarmi l'amaro in bocca, la sensazione di non essere davvero riuscita ad afferrare il messaggio veicolato dalle immagini, i simboli, le metafore. Un po' come dice anche il suo personaggio:

"Diciamo che volto un angolo, [...] proprio mentre una persona davanti a me volta dietro quello successivo. Non faccio in tempo a vedere che aspetto ha: colgo solo uno svolazzare di falde di un cappotto bianco."

Ma questo non fa che portarmi ad amare i suoi libri ancora di più, perché non smettono mai di dirti qualcosa di nuovo, puoi rileggerli e andare oltre, e oltre ancora. ( )
  Gorgibus | Apr 27, 2013 |
Tutto sta nelle ultime 50 pagine, ancora non ho capito perché ho dovuto leggere anche quelle precedenti. Ma con Murakami è così: ti lavora dentro piano piano anche d'istinto continuo a rifiutarlo
  ShanaPat | Dec 17, 2012 |
Mostra 2 di 2
nessuna recensione | aggiungi una recensione

» Aggiungi altri autori (18 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Haruki Murakamiautore primariotutte le edizionicalcolato
Birnbaum, AlfredTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Ortmanns-Suzuki, AnnelieTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Stalph, JürgenTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Tamminen, LeenaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Westerhoven, JacquesTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Luoghi significativi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Eventi significativi
Film correlati
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
Dedica
Incipit
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
It was a short one-paragraph item in the morning edition.
Citazioni
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
I went back to the riverside road, and by the time I'd managed to catch a taxi the rain was coming down in a drizzle. To the hotel, I said.

"Here on a trip?" asked the old driver.

"Uh-huh."

"First time in these parts?"

"Second time," I said.
There are symbolic dreams — dreams that symbolize some reality. Then there are symbolic realities — realities that symbolize a dream. Symbols are what you might call the honorary town councillors of the worm universe. In the worm universe, there is nothing unusual about a dairy cow seeking a pair of pliers. A cow is bound to get her pliers sometime. It has nothing to do with me.

Yet the fact that the cow chose me to obtain her pliers changes everything. This plunges me into a whole universe of alternative considerations. And in this universe of alternative considerations, the major problem is that everything becomes protracted and complex. I ask the cow, "Why do you want pliers?" And the cow answers, "I'm really hungry" So I ask, "Why do you need pliers if you're hungry?" The cow answers, "To attach them to branches of the peach tree." I ask, "Why a peach tree?" To which the cow replies, "Well, that's why I traded away my fan, isn't it?" And so on and so forth. The thing is never resolved, I begin to resent the cow, and the cow begins to resent me. That's a worm's eye view of its universe. The only way to get out of that worm universe is to dream another symbolic dream.

The place where that enormous four-wheeled vehicle transported me this September afternoon was surely the epicenter of the worm universe. In other words, my prayer had been denied.

I took a look around me and held my breath. Here was the stuff of breath taking.
To sleep with a woman: it can seem of the utmost importance in your mind, or then again it can seem like nothing much at all. Which only goes to say that there's sex as therapy (self-therapy, that is) and there's sex as pastime.

There's sex for self-improvement start to finish and there's sex for killing time straight through; sex that is therapeutic at first only to end up as nothing-better-to-do, and vice-versa. Our human sex life — how shall I put it? — differs fundamentally from the sex life of the whale.

We are not whales — and this constitutes one great theme underscoring our sex life.
"Let me be as frank as possible with you," the man spoke up. his speech had the ring of a direct translation from a formulaic text. his choice of phrase and grammar was correct enough, but there was no feeling in his words.

"Speaking frankly and speaking the truth are two different things entirely. Honesty is to truth as prow is to stern. Honesty appears first and truth appears last. The interval between varies in direct proportion to the size of the ship. With anything of size, truth takes a long time in coming. Sometimes it only manifests itself posthumously. Therefore, should I impart you with no truth at this juncture, that is through no fault of mine. Nor yours."
"I lit up a second cigarette and ordered another whiskey. The second whiskey is always my favorite. From the third on, it no longer has any taste. It's just something to pour into your stomach."
Ultime parole
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Lingua originale
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
DDC/MDS Canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (1)

A marvelous hybrid of mythology and mystery, A Wild Sheep Chase is the extraordinary literary thriller that launched Haruki Murakami's international reputation. It begins simply enough: A twenty-something advertising executive receives a postcard from a friend, and casually appropriates the image for an insurance company's advertisement. What he doesn't realise is that included in the pastoral scene is a mutant sheep with a star on its back, and in using this photo he has unwittingly captured the attention of a man in black who offers a menacing ultimatum: find the sheep or face dire consequences. Thus begins a surreal and elaborate quest that takes our hero from the urban haunts of Tokyo to the remote and snowy mountains of northern Japan, where he confronts not only the mythological sheep, but the confines of tradition and the demons deep within himself. Quirky and utterly captivating, A Wild Sheep Chase is Murakami at his astounding best. 'A Wild Sheep Chase has the conventional hull of a thriller - a quest, a mystery, an extraordinary woman, and plenty of elegant duress - but its fantastic superstructure transforms it into something quite different...a science fiction fantasy, a romance, a metaphysical tease, or a dramatisation of philosophical ideas' Independent

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Link rapidi

Copertine popolari

Voto

Media: (3.9)
0.5
1 18
1.5 2
2 92
2.5 34
3 385
3.5 138
4 860
4.5 100
5 493

GenreThing

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 160,232,766 libri! | Barra superiore: Sempre visibile