Pagina principaleGruppiConversazioniAltroStatistiche
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Saggio sulla lucidità

di José Saramago

Altri autori: Margaret Jull Costa (Traduttore)

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

Serie: Ensaio sobre a cegueira (2)

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
2,340574,723 (3.71)85
On election day in the capital, it is raining so hard that no one has come out to vote. The politicians are growing jittery. Should they reschedule for another day? Around three o'clock, the rain finally stops. At four, voters rush to the polling stations, as if ordered to appear. But when the ballots are counted, more than 70% are blank. The citizens are rebellious. A state of emergency is declared. The president proposes that a wall be built around the city. But are the authorities acting too precipitously? Or even blindly? The word evokes terrible memories of the plague of blindness that hit the city four years before, and of the one woman who kept her sight. Could she be behind the blank ballots? Is she the organizer of a conspiracy against the state? What begins as a satire on governments and the sometimes dubious efficacy of the democratic system turns into something far more sinister.--From publisher description.… (altro)

Nessuno.

Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 85 citazioni

Inglese (43)  Spagnolo (5)  Italiano (4)  Olandese (3)  Francese (1)  Arabo (1)  Tutte le lingue (57)
Mostra 4 di 4
Cosa succede a un paese se alle elezioni i cittadini decidono in massa di votare scheda bianca? Quali meccanismi vengono sollecitati fino alla rottura, quali contromisure andranno messe in atto? Se lo chiede José Saramago con questo straordinario romanzo, avvincente come un giallo e penetrante come un'analisi (fanta)politica. L'ipotesi più accreditata è che ci sia un legame fra questa "rivolta bianca" e l'epidemia di cecità che, solo quattro anni prima, si era sparsa come la peste. Gli indimenticabili protagonisti di Cecità fanno ritorno, per condurci in un viaggio di scoperta delle radici oscure del potere.
  kikka62 | Feb 1, 2020 |
Il saggio sulla lucidità di Saramago è una sorta di continuazione di Cecità. Letto ad agosto del 2019, incredibili le assonanze con la politica italiana odierna, ministro degli interni dimissionato incluso. In un Paese senza nome, gli elettori votano, ma la scheda è bianca. Infatti, oltre l’ottanta per cento degli elettori deposita la scheda senza apporre segni. Il Parlamento non riesce, quindi, a formare una maggioranza e il Governo va in crisi. A fronte delle titubanze della maggior parte degli esponenti, spicca il decisionismo del Ministro degli interni che trova la soluzione al problema individuando un nemico. Serve una congiura, serve un complotto; e serve la paura della gente, ingrediente primario della forza di tutti gli esecutivi. Un Commissario viene incaricato di indagare sul complotto, la responsabile è la donna che non fu colpita dalla cecità collettiva, se non ci sono prove, bisogna fabbricarle. Servono morti, sangue, attentati, il nemico è insidioso. Le titubanze del Commissario che, alla fine, consegnerà ad un giornale un documento che attesta la verità dimostrano la possibilità che, alla fine, la dignità dell’uomo prevalga sulla voglia di sottomettere l’altro. Nonostante il Commissario morirà, nonostante la donna morirà. Senza prove, senza colpe. ( )
  grandeghi | Sep 4, 2019 |
Saramago ha fiducia nel genere umano. E immagina che quasi tutta la popolazione di una grande città, finalmente, un bel giorno, si ribelli alle ingiustizie e ai soprusi del “potere”.
Si tratta di una ribellione spontanea, non programmata, scaturita da un comune disgusto che, sedimentato nel tempo, è infine traboccato spingendo le persone verso una perfetta sintonia di pensiero per cui, in un momento di lucidità, con un tacito accordo, alle ultime elezioni l'83% ha votato scheda bianca.

Nella narrazione, Saramago mette tutto se stesso; la sua simpatia per quegli esseri umani è totale. Avviene allora un fenomeno di osmosi tra scrittore e lettore e il lettore che apprezza Saramago sente di essere gradito all'autore e pensa con orgoglio “anch'io faccio parte di quell'umanità che piace a lui”.

La formula di Saramago per dimostrare la propria disapprovazione nei confronti del “potere” è come al solito una lezione di stile. I ribelli che votano scheda bianca fanno un corteo muto, sono sempre dignitosi e composti nel manifestare il proprio dissenso, sono persone sincere che dicono quello che pensano, persone corrette, altruiste, persone comunque comuni, come ne conosciamo tante.
Proprio la loro mancanza di immoralità però da fastidio al “potere”, sempre occupato a seminare discordia tra le persone secondo il ben noto principio del divide et impera. E infatti quel “potere” si affretta ad accusare chi ha votato scheda bianca, delegittimando la linea di governo, di essere un sovversivo, un pericoloso criminale anche senza averne la minima prova.
Ma i tanto temuti ribelli non hanno armi e l'azione più temeraria che compiono è quella di fare delle fotocopie. Ma che momento catartico, per il lettore che apprezza Saramago, quando in città uomini e donne distribuiscono foglietti di carta, che tutti si infilano in tasca, fotocopia di un articolo di un giornale uscito e subito sequestrato, che aveva coraggiosamente pubblicato la verità sugli abusi e sui crimini del “potere” raccontata dal di dentro, da parte di un uomo del “potere” pentito e convertito.
E anche qui, il lettore che apprezza Saramago, come avrebbe partecipato volentieri alla copia e alla distribuzione di quei foglietti!!

La fiducia di Saramago nel genere umano è compensata naturalmente da altrettanto realismo, per cui i suoi scritti sono auspici o tutt'al più inviti a comportarsi in un certo modo ma alla base rimane la lucida consapevolezza che la realtà è diversa e la sua storia non è una favola a lieto fine, ma lo specchio della realtà. ( )
  lupita68 | Jul 16, 2012 |
Nell'ultimo romanzo del Premio Nobel ritornano gli indimenticabili protagonisti di Cecità. Un apologo sui lati oscuri del potere e una spietata analisi del mondo contemporaneo. Ma anche una disperata storia di vita. Un Paese senza nome. Delle normali elezioni amministrative. Ma qualcosa non va per il verso giusto. La gente non va al mare, non diserta i seggi. Vota, ma vota scheda bianca. Un gesto rivoluzionario, una congiura anarchica, una provocazione di gruppi estremisti? Si ventila infine l'ipotesi che debba esservi un nesso fra la "rivolta delle schede bianche" e l'epidemia di cecità dilagata per un certo tempo, quattro anni addietro. Uno degli agenti segreti sguinzagliati per la capitale indaga sulla donna che all'epoca non diventò cieca, indicata come l'autrice di un delitto, e su suo marito, il medico oculista. Entra in contatto con lei, e prende coscienza delle vere intenzioni del governo.
  Cerberoz | Feb 2, 2012 |
Mostra 4 di 4
nessuna recensione | aggiungi una recensione

» Aggiungi altri autori (11 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Saramago, Joséautore primariotutte le edizioniconfermato
Costa, Margaret JullTraduttoreautore secondariotutte le edizioniconfermato
Kort, Maartje deTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Mansour, ClaudineProgetto della copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Luoghi significativi
Eventi significativi
Film correlati
Premi e riconoscimenti
Epigrafe
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Let's howl, said the dog--The Book of Voices
Dedica
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
For Pilar, every single day. For Manuel Vazquez Montalban, who lives on.
Incipit
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Terrible voting weather, remarked the presiding officer of polling station fourteen as he snapped shut his soaked umbrella and took off the raincoat that had proved of little use to him during the breathless forty-meter dash from the place where he had parked his car to the door through which, heart pounding, he had just appeared.
Citazioni
Ultime parole
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Translation of Ensaio sobre a Lucidez
Redattore editoriale
Elogi
Lingua originale
Dati dalle informazioni generali olandesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
DDC/MDS Canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (2)

On election day in the capital, it is raining so hard that no one has come out to vote. The politicians are growing jittery. Should they reschedule for another day? Around three o'clock, the rain finally stops. At four, voters rush to the polling stations, as if ordered to appear. But when the ballots are counted, more than 70% are blank. The citizens are rebellious. A state of emergency is declared. The president proposes that a wall be built around the city. But are the authorities acting too precipitously? Or even blindly? The word evokes terrible memories of the plague of blindness that hit the city four years before, and of the one woman who kept her sight. Could she be behind the blank ballots? Is she the organizer of a conspiracy against the state? What begins as a satire on governments and the sometimes dubious efficacy of the democratic system turns into something far more sinister.--From publisher description.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Link rapidi

Copertine popolari

Voto

Media: (3.71)
0.5 3
1 10
1.5 2
2 30
2.5 13
3 101
3.5 39
4 147
4.5 22
5 98

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 155,680,043 libri! | Barra superiore: Sempre visibile