Pagina principaleGruppiConversazioniAltroStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Die Welt von Gestern: Erinnerungen eines…
Sto caricando le informazioni...

Die Welt von Gestern: Erinnerungen eines Europäers (edizione 2013)

di Stefan Zweig (Autore)

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
1,970676,267 (4.35)76
By the author who inspired Wes Anderson's film, The Grand Budapest Hotel Written as both a recollection of the past and a warning for future generations, The World of Yesterday recalls the golden age of literary Vienna--its seeming permanence, its promise, and its devastating fall. Surrounded by the leading literary lights of the epoch, Stefan Zweig draws a vivid and intimate account of his life and travels through Vienna, Paris, Berlin, and London, touching on the very heart of European culture. His passionate, evocative prose paints a stunning portrait of an era that danced brilliantly on the edge of extinction. This new translation by award-winning Anthea Bell captures the spirit of Zweig's writing in arguably his most revealing work.… (altro)
Utente:Leandra53
Titolo:Die Welt von Gestern: Erinnerungen eines Europäers
Autori:Stefan Zweig (Autore)
Info:Anaconda Verlag (2013)
Collezioni:Biografien, La tua biblioteca
Voto:****1/2
Etichette:Österreichische Literatur, Literatur des 20. Jahrhunderts, Österreich, 19. Jahrhundert, Jahrhundertwende 19./20. Jahrhundert, 20. Jahrhundert, Amerika, 1. Weltkrieg, Nachkriegszeit. 1. Weltkrieg, Nationalsozialismus, Flucht, Exil, 2. Weltkrieg, Stefan Zweig, Autobiografie, EJ 1942

Informazioni sull'opera

Il mondo di ieri: Ricordi di un europeo di Stefan Zweig

  1. 20
    The Last Days di Laurent Seksik (rvdm61)
  2. 10
    Confessioni di un borghese di Sándor Márai (Rigour)
  3. 00
    A Princess in Berlin di Arthur R. G. Solmssen (alv)
    alv: Another portrait of the time, it dwells as well on the figure of Walther Rathenau.
  4. 00
    Da geht ein Mensch: Autobiographischer Roman di Alexander Granach (Philosofiction)
  5. 00
    Klänge aus meinem Leben: Erinnerungen eines Musikers di Xaver Scharwenka (ecureuil)
  6. 00
    Orgelman Felix Nussbaum : een schildersleven di Mark Schaevers (gust)
  7. 00
    Three Lives: A Biography of Stefan Zweig di Oliver Matuschek (rrmmff2000)
    rrmmff2000: Three Lives, the original title of The World of Yesterday, fills in some of the gaps that Zweig did not write about, particularly his family life and WW2.
  8. 00
    The Nightmare of Reason: A Life of Franz Kafka di Ernst Pawel (gust)
    gust: Beide boeken handelen voor een stuk over het leven van de joden in Praag.
  9. 00
    Una storia di amore e di tenebra di Amos Oz (gust)
  10. 00
    Freccia nell'azzurro: autobiografia 1 di Arthur Koestler (longway)
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 76 citazioni

Inglese (29)  Spagnolo (8)  Olandese (6)  Catalano (6)  Francese (4)  Italiano (3)  Tedesco (3)  Svedese (2)  Danese (2)  Ebraico (1)  Norvegese (Bokmål) (1)  Norvegese (1)  Tutte le lingue (66)
Mostra 3 di 3
Molto più che semplice autobiografia, Il mondo di ieri è il ritratto di un’epoca scomparsa, la suprema epopea di quella “Felix Austria” che tanto segnò la storia e la cultura europea, quel mondo nel quale «ognuno sapeva quanto possedeva e quanto gli era dovuto, quel che era permesso e quel che era proibito: in cui tutto aveva una sua norma, un peso e una misura precisi». Al centro di tutto sta la Vienna imperiale, simbolo di un’epoca indimenticabile che Zweig – esponente di una generazione che «ha imparato a fondo l’arte preziosa di non rimpiangere il perduto» – descrive in tutto il suo splendore e in tutte le sue contraddizioni. Pubblicato postumo, Il mondo di ieri è segnato da un’atmosfera autunnale che imprime all’intera opera il severo suggello della modernità.
  kikka62 | Apr 2, 2020 |
Incipit
"Se tento di trovare una formula comoda per definire quel tempo che precedette la prima guerra mondiale, il tempo in cui son cresciuto, credo di essere il più conciso possibile dicendo: fu l'età d'oro della sicurezza. Nella nostra monarchia austriaca quasi millenaria tutto pareva duraturo e lo Stato medesimo appariva il garante supremo di tale continuità. I diritti da lui concessi ai cittadini erano garantiti dal parlamento, dalla rappresentanza del popolo liberamente eletta, e ogni dovere aveva i suoi precisi limiti. La nostra moneta, la corona austriaca, circolava in pezzi d'oro e garantiva così la sua stabilità. Ognuno sapeva quanto possedeva o quanto gli era dovuto, quel che era permesso e quel che era proibito: tutto aveva una sua norma, un peso e una misura precisi. Chi possedeva un capitale era in grado di calcolare con esattezza il reddito annuo corrispondente; il funzionario, l'ufficiale potevano con certezza cercare nel calendario l'anno dell'avanzamento o quello della pensione. Ogni famiglia aveva un bilancio preciso, sapeva quanto potesse spendere per l'affitto e il vitto, per le vacanze o per gli obblighi sociali, e vi era anche sempre una piccola riserva per gli imprevisti, per le malattie e il medico. Chi possedeva una casa la considerava asilo sicuro dei figli e dei nipoti; fattorie e aziende passavano per eredità di generazione in generazione; appena un neonato era in culla, si metteva nel salvadanaio o si deponeva alla cassa di risparmio il primo obolo per il suo avvenire, una piccola riserva per il suo cammino. Tutto nel vasto impero appariva saldo e inamovibile e al posto più alto stava il sovrano vegliardo; ma in caso di sua morte si sapeva (o si credeva di sapere) che un altro gli sarebbe succeduto senza che nulla si mutasse nell'ordine prestabilito. Nessuno credeva a guerre, a rivoluzioni e sconvolgimenti. Ogni atto radicale, ogni violenza apparivano ormai impossibili nell'età della ragione",

"Sicurezza", "stabilità": parole lontanissime dal nostro tempo, dalla nostra società insicura, "liquida", senza certezze e piena di sfiducia e di rancore,
Zweig, in questo meraviglioso libro, racconta la sua vita dal periodo della giovinezza nella Vienna della belle époque alle tragiche vicende dei due periodi bellici, quelli della prima e della seconda guerra mondiale, che vive con profonda e dolorosa partecipazione.
Colpisce come la società di allora non avesse percepito i segnali che preannunciarono lo scoppio delle due guerre e si illudessero, fino all'ultimo, che la pace fosse ancora possibile.
Soprattutto non si resero conto della peste del nazionalismo che pervase le classi dirigenti e i popoli europei portandoli alla catastrofe.
Purtroppo, l'attualità sembra riportarci questa peste, allorché interi Paesi riscoprono l'orgoglio nazionale e ricercano nemici esterni, mentre si affievolisce il ricordo delle tragedie del Novecento
Il libro di Zweig è un'ode accorata ad un'Europa solidale, che riscopra la civiltà e lo spirito dei suoi tempi e dei suoi uomini migliori, superando i nazionalismi e gli egoismi. ( )
  ren47 | Feb 7, 2017 |
Bellissima autobiografia in cui Stefan Zweig narra la vita, la scuola, la frequentazione di menti illustri e gli orrori delle guerre mondiali. ( )
  zinf | Mar 24, 2013 |
Mostra 3 di 3
Det är en kulturgärning av ansenligt format, att den här boken åter gjorts tillgänglig.

 

» Aggiungi altri autori (25 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Stefan Zweigautore primariotutte le edizionicalcolato
Bell, AntheaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Gleichmann, GabiPostfazioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Hagerup, AndersTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Hagerup, IngerTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Heerikhuizen, F.W. vanTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Toorn, Willem vanTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Toorn, Willem vanTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Zohn, HarryIntroduzioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Data della prima edizione
Personaggi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Luoghi significativi
Eventi significativi
Film correlati
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali tedesche. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
Andiamo incontro al tempo
come lui viene incontro a noi.
William Shakespeare, Cimbelino
Dedica
Incipit
Se tento di trovare una formula comoda e incisiva per l'epoca che precedette la prima guerra mondiale, il periodo in cui io sono cresciuto, spero di essere quanto più pregnante possibile dicendo: era l'età dell'oro della sicurezza.
Citazioni
Ultime parole
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Lingua originale
DDC/MDS Canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (1)

By the author who inspired Wes Anderson's film, The Grand Budapest Hotel Written as both a recollection of the past and a warning for future generations, The World of Yesterday recalls the golden age of literary Vienna--its seeming permanence, its promise, and its devastating fall. Surrounded by the leading literary lights of the epoch, Stefan Zweig draws a vivid and intimate account of his life and travels through Vienna, Paris, Berlin, and London, touching on the very heart of European culture. His passionate, evocative prose paints a stunning portrait of an era that danced brilliantly on the edge of extinction. This new translation by award-winning Anthea Bell captures the spirit of Zweig's writing in arguably his most revealing work.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Link rapidi

Copertine popolari

Voto

Media: (4.35)
0.5 2
1 1
1.5
2 7
2.5 2
3 27
3.5 16
4 116
4.5 35
5 178

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 160,212,962 libri! | Barra superiore: Sempre visibile