Pagina principaleGruppiConversazioniEsploraStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Purgatory (Modern Library) di Dante
Sto caricando le informazioni...

Purgatory (Modern Library) (edizione 2003)

di Dante (Autore)

Serie: Divina Commedia (2)

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
6,523481,240 (4.14)73
Beginning with Dante's liberation from Hell, Purgatory relates his ascent, accompanied by Virgil, of the Mount of Purgatory - a mountain of nine levels, formed from rock forced upwards when God threw Satan into depths of the earth. As he travels through the first seven levels, Dante observes the sinners who are waiting for their release into Paradise, and through these encounters he is himself transformed into a stronger and better man. For it is only when he has learned from each of these levels that he can ascend to the gateway to Heaven: the Garden of Eden. The second part of one of the greatest epic poems, Purgatory is an enthralling Christian allegory of sin, redemption and ultimate enlightenment.… (altro)
Utente:churtado
Titolo:Purgatory (Modern Library)
Autori:Dante (Autore)
Info:Modern Library (2003), Edition: New edition, 544 pages
Collezioni:La tua biblioteca
Voto:
Etichette:dante

Informazioni sull'opera

Divina Commedia - Purgatorio di Dante Alighieri

Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 73 citazioni

Inglese (39)  Italiano (3)  Catalano (3)  Svedese (1)  Francese (1)  Olandese (1)  Tutte le lingue (48)
Mostra 3 di 3
Il Purgatorio è un mondo posticcio, inventato dalla chiesa di Roma anche e soprattutto per motivi economici. La nebulosità del concetto stesso mette in difficoltà anche il padre Dante, che, superato il cupo dramma dell’Inferno e in attesa dello stupefacente viaggio (verso Dio) del paradiso, è costretto ad inventarsi un tono poetico diverso da quelli che probabilmente gli sgorgarono immediati per le altre due Cantiche. Siccome il nostro non è uomo da poco, costruisce questi trentatre canti come un’unica celebrazione liturgica, in cui l’essere umano Dante si ripulisce dai suoi peccati fino a giungere al rito di passaggio del Paradiso Terrestre, che lo rende puro per la salita al cielo. Il problema è che molte volte questa eccessiva ritualità sfiora a tratti la noia, ed il racconto dell’Eden è uno dei momenti meno interessanti dell’intero poema (a parte il terribile cazziatone tirato da Beatrice al poeta). Per fortuna, tale costruzione teoretica non basta all’autore, che gli affianca il motivo del ricordo e, in parziale connessione a quest’ultimo, quello del ‘dolce stil novo’. Sin dal secondo canto, con l’episodio di Casella, inizia a sentirsi quell’atmosfera di tenerezza nella rievocazione dei rapporti umani che segna poi tutte le pagine migliori del Purgatorio: si può dire che se questa cantica nel complesso non è all’altezza dalle altre, ci sono però momenti di poesia pura di livello altissimo. Indimenticata resta Pia senese, ma ancora più intensi sono i ricordi della gioventù di Dante – sopra a tutti Forese Donati – ed anche il filiale tributo di Stazio a Virgilio. Non mancano gli altri temi cari al poeta, la polemica politica in questo caso soprattutto contro la monarchia francese, ma scivolano come in secondo piano, proprio come se l’interesse fosse focalizzato su altro: forse perché si tratta della sua espiazione, Dante lascia che sia il personale a dominare, si tratti di aspetti positivi e negativi. In questa prospettiva, rientra anche la rievocazione del ‘dolce stil novo’, di cui l’autore, malgrado gli sforzi per dissimulare, si mostra assai orgoglioso. ( )
  catcarlo | Oct 8, 2014 |
Con pagine critiche
a cura di Umberto Bosco e Giovanni Reggio ( )
  Ginny_1807 | Aug 23, 2013 |
Il Purgatorio è la cantica più a misura d'uomo. Qui i paesaggi hanno grande importanza, e sono paesaggi molto simili a quelli della Terra. Anche le indicazioni temporali sono frequentissime: Dante, nel Purgatorio, ci dice di continuo "che ore sono" per sottolineare come, a differenza dell'Inferno e del Paradiso, ci si trovi in una dimensione temporale uguale a quella dei vivi.
Dante stesso si "vede" nel Purgatorio, in qualche modo lo indica come propria destinazione post mortem. Le sette P che vengono incise sulla sua fronte, a indicare i sette peccati capitali da espiare, e che durante le fasi dell'ascesa scompaiono una a una, sono sì un efficace espediente simbolico e narrativo, ma indicano anche una partecipazione di Dante, sulla propria pelle, alla peregrinazione purgatoriale, che le altre cantiche non ci presentano.
E poi nel Purgatorio Dante soffre almeno parzialmente le pene dei vari peccatori in relazione ai vizi che riteneva di avere in misura maggiore: superbia, ira, lussuria (sarà un caso che proprio la P della lussuria non scompaia dalla fronte di Dante, o meglio, che non venga detto della sua scomparsa?).
Insomma, la condizione intermedia è quella che fa scattare nella maggior parte dei lettori un meccanismo di identificazione, e in Dante stesso una più diretta messa in gioco. Questo è il "suo" e il "nostro" luogo, più simile a noi e ai nostri riferimenti, più realistico e meno fantastico.
Luogo medio per eccellenza anche per quanto riguarda la lingua e le disquisizioni dottrinarie, che tanta parte e importanza hanno nella Commedia, è in definitiva il luogo dell'umanità e del suo destino di faticosa redenzione quotidiana. E i personaggi che lo popolano, da Belacqua a Manfredi, da Pia dei Tolomei a Forese Donati, riescono a essere indimenticabili anche senza essere peccatori tremendi e orgogliosi come i loro colleghi dell'Inferno, e senza essere santi come quelli del Paradiso. ( )
  MareMagnum | Mar 20, 2006 |
Mostra 3 di 3
nessuna recensione | aggiungi una recensione

» Aggiungi altri autori (417 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Dante Alighieriautore primariotutte le edizionicalcolato
Sermonti, Vittorioautore principalealcune edizioniconfermato
Barceló, MiquelIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Bellomo, SaverioA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Binyon, LaurenceTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Boeken, H.J.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Bosco, UmbertoA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Botticelli, SandroIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Bremer, FredericaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Brouwer, RobTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Carrai, StefanoA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Cary, Henry FrancisTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Chiavacci Leonardi, A. M.A cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Ciardi, JohnTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Doré, GustaveIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Durling, Robert M.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Esolen, AnthonyTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Hollander, JeanTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Hollander, RobertTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Inglese, GiorgioA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Kirkpatrick, RobinTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Kuenen, Wilhelminaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Longfellow, Henry WadsworthTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Mandelbaum, AllenPrefazioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Mandelbaum, AllenTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
McAllister, Archibald T.Introduzioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Merwin, W.S.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Moser, BarryIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Musa, MarkTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Norton, Charles EliotTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Oelsner, H.A cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Okey, ThomasTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Oldcorn, Anthonyautore secondarioalcune edizioniconfermato
Pasquini, EmilioA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Petrocchi, GiorgioA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Pipping, AlineTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Quaglio, Antonio EnzoA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Reggio, GiovanniA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Ross, Charlesautore secondarioalcune edizioniconfermato
Sagarra, Josep Maria deTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Sayers, Dorothy L.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Scialom, MarcTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Sinclair, John D.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Singleton, Charles S.Traduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Wicksteed, Philip Henryautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Luoghi significativi
Eventi significativi
Film correlati
Premi e riconoscimenti
Epigrafe
Dedica
Incipit
Per correr miglior acque alza le vele omai la navicella del mio ingegno, che lascia dietro a se mar si crudele; e cantero di quel secondo regno dove l'umano spirito si purga e di salire al ciel diventa degno.
Citazioni
Ultime parole
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
A glance at the Editions list for this work show that most entries are of various translations of the poem - some of these contain commentaries and other introductory material but the core of the book is the poem itself. Accurate separation into works which contain the same extraneous text would be a time-consuming task. (LT user
abottthomas, 2016)
Redattore editoriale
Elogi
Lingua originale
DDC/MDS Canonico
LCC canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (3)

Beginning with Dante's liberation from Hell, Purgatory relates his ascent, accompanied by Virgil, of the Mount of Purgatory - a mountain of nine levels, formed from rock forced upwards when God threw Satan into depths of the earth. As he travels through the first seven levels, Dante observes the sinners who are waiting for their release into Paradise, and through these encounters he is himself transformed into a stronger and better man. For it is only when he has learned from each of these levels that he can ascend to the gateway to Heaven: the Garden of Eden. The second part of one of the greatest epic poems, Purgatory is an enthralling Christian allegory of sin, redemption and ultimate enlightenment.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Questa nuova opera dantesca conserva - e consolida - la fortunata idea-forza delle precedenti dello stesso autore: trasparenza e didatticità dei commenti e delle note esplicative, aggiornamento e puntualità degli interventi critici.
Ciascuno dei tre volumi si apre con una introduzione mirata alla struttura fisica e all'ordinamento morale di ciascuna delle tre cantiche. In particolare il volume dedicato all'Inferno reca anche un'introduzione globale su tutto l'oltremondo dantesco.
In ciascuno dei tre volumi compaiono tutti i canti.
Ogni canto, completo nei versi e negli apparati, è preceduto da un'introduzione di sintesi narrativa, di valutazione critica, di inquadramento storico. Ed è concluso da una o due letture critiche su temi focali di Dante e della cultura che fu sua, desunte dalle opere dei maggiori dantisti e medievisti italiani e stranieri; da una ricca bibliografia di approfondimento multidisciplinare; da una batteria di proposte di ricerca.
Spesso, al termine del canto, ricorre la rubrica dei "passi controversi" dove vengono considerati i luoghi cruciali del poema di più complessa interpretazione filologica.
Un dossier di tavole illustrate fuori testo testimonia la fortuna iconografica della Commedia nei secoli, dai primitivi maestri miniatori ai grandi pittori del '900.
Rispetto alle precedenti opere dantesche dello stesso autore è stato accresciuto il numero complessivo delle pagine, è stata notevolmente migliorata la leggibilità, sono state aggiunte nuove letture, sono state rivisitate e ampliate molte proposte di ricerca.
(piopas)
Riassunto haiku

Copertine popolari

Link rapidi

Voto

Media: (4.14)
0.5
1 7
1.5 2
2 24
2.5 9
3 96
3.5 24
4 155
4.5 32
5 265

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

Penguin Australia

4 edizioni di questo libro sono state pubblicate da Penguin Australia.

Edizioni: 0140440461, 0140444424, 0140448969, 0451531426

Indiana University Press

2 edizioni di questo libro sono state pubblicate da Indiana University Press.

Edizioni: 0253179262, 0253336481

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 174,229,531 libri! | Barra superiore: Sempre visibile