Pagina principaleGruppiConversazioniEsploraStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Quando Hitler rubò il coniglio rosa (1971)

di Judith Kerr

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

Serie: Memoirs of Judith Kerr (1)

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
2,449455,057 (3.94)72
Anna è una bambina quando con la sua famiglia deve lasciare la Germania, perché lei è ebrea e nel Paese è arrivato Hitler. Anna dovrà abbandonare la sua casa, la sua scuola, i suoi giochi... E anche il suo amato coniglio rosa. Davanti a lei e alla sua famiglia si apre un futuro incerto, paesi sconosciuti, città nuove. Ma cambiare vita può anche diventare una bella avventura, se si sta tutti insieme. Età di lettura: da 10 anni. Annotation Supplied by Informazioni Editoriali… (altro)
Aggiunto di recente dabiblioteca privata, elsaal, LOLSCWAZ, ERCImport, MissOertel, SCALibrary, ShaarShalomLibrary, HilsC, evee2005
  1. 00
    The Silver Sword di Ian Serraillier (markbarnes)
    markbarnes: Both books tell the story of escape from Nazi Germany, through a child's eyes. Although quite different from one another, both are poignant, and beautifully written.
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 72 citazioni

I've read quite a few memoirs for children by Holocaust survivors, and this would not be my first choice to recommend to others. Some people might criticize the book because the story isn't about hiding (like Anne Frank's) or about concentration camps (like Wiesel's). It's about the family fleeing Germany. But this is her story, her family's story, and it's good that she documented their story. But it's not an engaging read. The book feels a little "stiff," a little "dry," and while that is ok for a document, it's not ok for a book for children to read. Have them read a book like The Upstairs Room by Johanna Reiss instead.
I give it a 3 because of the validity of the subject, but the read felt like a 2. ( )
  LuanneCastle | Mar 5, 2022 |
Brilliant - read it before but didn’t remember it, it didn’t mean so much to me previously I guess. Now going to go straight on and read the others in the trilogy
  MiriamL | Dec 30, 2021 |
Tale of Kerr's own childhood and how her family was forced to flee germany when the Nazi part came to power. It's a kids book but has a couple of quite disturbing parts which is to be expected with Nazi's around. More interesting than entertaining. ( )
  wreade1872 | Nov 28, 2021 |
This is the second time I’m reading “When Hitler Stole Pink Rabbit”. The first time was when it was compulsory reading at school more than 30 years ago. I don’t remember much of my reading experience back then but that I felt with Anna, the protagonist and narrator, who had to leave Pink Rabbit back in Germany when her family emigrated to escape the rising Nazism…

Now, at 45, I’m impressed for different reasons: First moving from Berlin, Germany, to Zurich, Switzerland, then Paris, France and, finally, London, United Kingdom, both Anna and her brother Max are relatively quick to adapt to their new surroundings.
While it’s rarely easy for either of them, their resilience in the face of difficult circumstances and optimism is deeply inspiring.

Nazism always looms in the background; be it through German tourists who prohibit their children to play with Anna and Max for the sole reason of them being Jewish or the Paris concierge.
Both children picture Hitler as personally enjoying the toys they had to leave behind - the eponymous Pink Rabbit and a games compendium - and, thus, make the darkest period in Germany’s history ascertainable.

The book ends abruptly in a cab in London, shortly after Anna thinks...

»“What a pity,” [Anna] thought. “I’ll never be famous at this rate!”«

Dame Anna Judith Gertrud Helene Kerr, Officer of “The Most Excellent Order of the British Empire”, wasn’t too far off the mark: It would take her children’s prodding about her childhood to make her publish this semi-autobiographical novel in 1971. This publication and the two following novels laid the foundation for Kerr’s fame that she had dreamt of as a child.

The Kerr family had escaped Germany just in the nick of time - a day later and they would have been arrested by the Nazis who went on to burn Alfred Kerr’s books.
Alfred Kerr died 1948 by suicide, aided by his wife, shortly after visiting Hamburg, Germany, for the first time after the war. His wife Julia died in 1965. Judith Kerr wrote children’s books and illustrated them, married in 1954 and stayed married for more than 50 years.

Judith Kerr died in 2019 at the age of 95. She had outlived the Nazis who wanted to extinguish the entire family by almost 75 years. Poetic justice.

Five out of five stars.


Blog | Facebook | Twitter | Instagram ( )
  philantrop | Oct 24, 2021 |
The title (which is a wonderful title) is somewhat misleading, as this really isn't a book about World War II, the Holocaust, or even Hitler. This is a largely autobiographical story about a young, Jewish girl in a non-religious family, in Germany, when Hitler comes to power in the early 1930s. Her father, a prominent columnist, wisely gets the family out of Germany immediately. This is the story of the family's time spent first in Swizerland, and then in France, and at the very end of the book, England, as they try to survive in Europe, after leaving their homeland. But the entire book takes place before 1939... before the war even starts.
It is such a heartfelt book, that I have to give it five stars. Less about plot, and more about a child dealing with being a refugee among industrial nations, it is a fine tale. But know from the outset that while Hitler and Nazis are mentioned from time to time, they are merely the catalyst that initiates the story, but not really part of the story itself. ( )
  fingerpost | Oct 8, 2021 |
nessuna recensione | aggiungi una recensione

» Aggiungi altri autori

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Kerr, Judithautore primariotutte le edizioniconfermato
Alonso, Juan RamonIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Balseiro, María LuisaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Böll, AnnemarieTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Blaeser, Toni.autore secondarioalcune edizioniconfermato
Buitoni Duca, Mariaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Dahl, Erhardautore secondarioalcune edizioniconfermato
Faeti, AntonioPostfazioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Leczinsky, Ingegerdautore secondarioalcune edizioniconfermato
Manninen, KerttuTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Martin, HeldSprecherautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Luoghi significativi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Eventi significativi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Film correlati
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
Dedica
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
For my parents Julia and Alfred Kerr
Incipit
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Anna was walking home from school with Elsbeth, a girl in her class.
Citazioni
Ultime parole
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Lingua originale
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
DDC/MDS Canonico
LCC canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (3)

Anna è una bambina quando con la sua famiglia deve lasciare la Germania, perché lei è ebrea e nel Paese è arrivato Hitler. Anna dovrà abbandonare la sua casa, la sua scuola, i suoi giochi... E anche il suo amato coniglio rosa. Davanti a lei e alla sua famiglia si apre un futuro incerto, paesi sconosciuti, città nuove. Ma cambiare vita può anche diventare una bella avventura, se si sta tutti insieme. Età di lettura: da 10 anni. Annotation Supplied by Informazioni Editoriali

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Si può essere felici lontano da casa? Anna e la sua famiglia, braccate dai nazisti, hanno dovuto lasciare Berlino e cambiare città più volte. Adattarsi non è facile. Ma la cosa più importante è restare insieme. Età di lettura: da 10 anni.
Riassunto haiku

Copertine popolari

Link rapidi

Voto

Media: (3.94)
0.5 1
1
1.5
2 17
2.5 1
3 52
3.5 16
4 115
4.5 8
5 79

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 173,637,015 libri! | Barra superiore: Sempre visibile