Pagina principaleGruppiConversazioniAltroStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Le città invisibili

di Italo Calvino

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
7,909175809 (4.15)326
In Kublai Khan's garden, at sunset, the young Marco Polo diverts the aged emperor from his obsession with the impending end of his empire with tales of countless cities past, present, and future.
  1. 180
    Labyrinths di Jorge Luis Borges (WSB7)
    WSB7: Both have wonderfully imaginative but controlled semiotic exercises.
  2. 151
    Finzioni di Jorge Luis Borges (Carnophile)
    Carnophile: Both books are liesurely contemplations of fantastical situations, not plot- or character-driven, but conceptual.
  3. 113
    The City & The City di China Miéville (snarkhunt)
    snarkhunt: Calvino's book is a travelogue of impossible societies while China's book is a sweet little noir stuck in the middle of one.
  4. 30
    Kalpa Imperial: The Greatest Empire That Never Was di Angélica Gorodischer (spiphany)
  5. 52
    Il libro degli esseri immaginari di Jorge Luis Borges (Torikton)
  6. 20
    Tainaron: Mail from Another City di Leena Krohn (ari.joki)
    ari.joki: An allegory of the human condition by revealing one facet at a time through presenting a foreign, strange city with foreign, strange inhabitants.
  7. 20
    Palomar di Italo Calvino (P_S_Patrick)
    P_S_Patrick: Thes two books are in some ways very like each other, and in some ways quite the opposite. In Mr Palomar various locations, things, and thoughts are described precisely with the utmost eloquence and detail, whereas in Invisible Cities, it is one place being described in many different ways, hazy, as if seen through lenses of different qualities, and warping mirrors. But the effect is much the same, both books give you something to think about, make you see things in different ways, and are a pleasure to read. Both books also contain no strong plot, and consist of many small and diverse sections, and in a way, could be dipped into. Where Palomar gets very much into the mind of the protagonist, and his fixed, elaborate, and definite interpretations of reality, Invisible Cities is similar in that the recollections are also told from the point of view of the narrator, but differ each time, none being tied to reality, all of them containing aspects of truth found through how you interpret them. If you enjoyed reading one of these books, you should enjoy the other.… (altro)
  8. 20
    Solution 11-167: The Book of Scotlands di Momus (Kolbkarlsson)
    Kolbkarlsson: Written in the same vein, The Book of Scotlands lists a series of alternative scotlands previously unheard of. Every Scotland is written in it's own style, but with similar wit and daunting imagination.
  9. 10
    Palimpsest di Catherynne Valente (PhoenixFalls)
  10. 10
    Il sesso delle ciliegie di Jeanette Winterson (WSB7)
    WSB7: Each has a partially factual/partially imagined frame.
  11. 10
    Marcovaldo, ovvero Le stagioni in città di Italo Calvino (unctifer)
  12. 10
    The Logogryph: A Bibliography Of Imaginary Books di Thomas Wharton (unctifer)
  13. 10
    Il Milione di Marco Polo (Jannes)
  14. 10
    Paintings di Victor Segalen (defaults)
    defaults: A series of descriptions of imaginary ancient Chinese paintings. Uncannily similar in tone, hieratic and surreal, rabbit-holes inscribed in rabbit-holes... and written several decades earlier.
  15. 32
    Manuale dei luoghi fantastici di Alberto Manguel (VanishedOne)
    VanishedOne: One is systematic and compendious, the other flows freely from one impression to another, but both flit between windows onto imaginary vistas.
  16. 21
    Viriconium: "The Pastel City", "A Storm of Wings", "In Viriconium", "Viriconium Nights" di M. John Harrison (Torikton)
  17. 00
    ˆL'‰alfabeto di Freud di Jonathan Tel (hdcanis)
    hdcanis: A novel starring a historical person (Marco Polo or Sigmund Freud) exploring a city (Venice or London) in fragmentary manner, each fragment handling a different aspect of the city.
  18. 00
    Atlante delle isole remote: cinquanta isole dove non sono mai stata e mai andrò di Judith Schalansky (CGlanovsky)
    CGlanovsky: Little vignettes about places. Calvino's are more fanciful and there's a twist, while Schalansky's are little anecdotes based on actual bizarre and out-of-the-way places.
  19. 00
    Ring (Swiss Literature Series) di Elisabeth Horem (Nickelini)
  20. 11
    Changing Planes di Ursula K. Le Guin (spiphany)

(vedi tutti i 26 consigli)

Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 326 citazioni

Inglese (154)  Portoghese (Portogallo) (5)  Francese (4)  Italiano (3)  Olandese (3)  Spagnolo (2)  Norvegese (1)  Catalano (1)  Ebraico (1)  Greco (1)  Tutte le lingue (175)
Mostra 3 di 3
853.914 CAL
  ScarpaOderzo | Apr 13, 2020 |
A un imperatore melanconico, un viaggiatore visionario racconta di città impossibili. Quello che sta a cuore al mio Marco Polo è scoprire le ragioni segrete che hanno portato gli uomini a vivere nelle città, ragioni che possono valere al di là di tutte le crisi. Le città sono un insieme di tante cose: di memoria, di desideri, di segni d’un linguaggio; le città sono luoghi di scambio, ma questi scambi non sono soltanto scambi di merci, sono scambi di parole, di desideri, di ricordi.» Italo Calvino
  kikka62 | Mar 8, 2020 |
"Che cos'è oggi la città per noi? Penso d'aver scritto qualcosa come un ultimo poema d'amore alle città, nel momento in cui diventa sempre più difficile viverle come città." (Da una conferenza di Calvino tenuta a New York nel 1983) Città reali scomposte e trasformate in chiave onirica, e città diaboliche e surreali che diventano archetipi moderni di un testo narrativo altamente poetico.
Con il suo stile meraviglioso e leggerissimo Calvino descrive una serie di città immaginarie e irreali, immaginando che il giovane Marco Polo, dopo averle visitate, ne faccia un resoconto a Kublai Khan. Le città sono una più bella dell'altra, e rappresentano città mentali, città dell'anima, immaginarie e assurde: sono tutto quello che il lettore vuole che siano. E' uno dei libri più belli e poetici che abbia mai letto.
  Cerberoz | May 15, 2012 |
Mostra 3 di 3
nessuna recensione | aggiungi una recensione

» Aggiungi altri autori (32 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Calvino, Italoautore primariotutte le edizioniconfermato
Baranelli, LucaCollaboratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Kapari, JormaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Nieuwenhuyzen, KeesProgetto della copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Pasolini, Pier PaoloPostfazioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Riedt, HeinzTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Vlot, HennyTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Walsmith, SheltonImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Weaver, WilliamTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Luoghi significativi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Eventi significativi
Film correlati
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
Dedica
Incipit
Non è detto che Kublai Kan creda a tutto quel che dice Marco Polo quando gli descrive le città visitate nelle sue ambascerie, ma certo l'imperatore dei tartari continua ad ascoltare il giovane veneziano con più curiosità e attenzione che ogni suo altro messo o esploratore.
Citazioni
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Cities, like dreams, are made of desires and fears, even if the thread of their discourse is secret,

their rules are absurd, their perspectives deceitful, and everything conceals something else.
Ultime parole
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Lingua originale
DDC/MDS Canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (1)

In Kublai Khan's garden, at sunset, the young Marco Polo diverts the aged emperor from his obsession with the impending end of his empire with tales of countless cities past, present, and future.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Link rapidi

Copertine popolari

Voto

Media: (4.15)
0.5 1
1 15
1.5 5
2 60
2.5 24
3 233
3.5 83
4 508
4.5 81
5 707

Tantor Media

Una edizione di quest'opera è stata pubblicata da Tantor Media.

» Pagina di informazioni sull'editore

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 158,971,916 libri! | Barra superiore: Sempre visibile