Pagina principaleGruppiConversazioniEsploraStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Sapiens : a brief history of humankind

di Yuval Noah Harari

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
9,058319704 (4.19)232
"From a renowned historian comes a groundbreaking narrative of humanity's creation and evolution--a #1 international bestseller--that explores the ways in which biology and history have defined us and enhanced our understanding of what it means to be "human." One hundred thousand years ago, at least six different species of humans inhabited Earth. Yet today there is only one--homo sapiens. What happened to the others? And what may happen to us? Most books about the history of humanity pursue either a historical or a biological approach, but Dr. Yuval Noah Harari breaks the mold with this highly original book that begins about 70,000 years ago with the appearance of modern cognition. From examining the role evolving humans have played in the global ecosystem to charting the rise of empires, Sapiens integrates history and science to reconsider accepted narratives, connect past developments with contemporary concerns, and examine specific events within the context of larger ideas .Dr. Harari also compels us to look ahead, because over the last few decades humans have begun to bend laws of natural selection that have governed life for the past four billion years. We are acquiring the ability to design not only the world around us, but also ourselves. Where is this leading us, and what do we want to become? Featuring 27 photographs, 6 maps, and 25 illustrations/diagrams, this provocative and insightful work is sure to spark debate and is essential reading for aficionados of Jared Diamond, James Gleick, Matt Ridley, Robert Wright, and Sharon Moalem"--… (altro)
  1. 120
    Armi, acciaio e malattie: breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni di Jared Diamond (Percevan)
  2. 10
    A Brief History of Everyone Who Ever Lived: The Human Story Retold Through Our Genes di Adam Rutherford (jigarpatel)
  3. 21
    Debito. I primi 5.000 anni di David Graeber (M_Clark)
    M_Clark: This expands upon Harari's description of the history of money and commerce. It was obviously an influence on Harari.
  4. 10
    Breve storia del mondo di E. H. Gombrich (uitdepolder)
  5. 00
    Origin Story: A Big History of Everything di David Christian (ajagbay)
  6. 00
    The Great Divide: Nature and Human Nature in the Old World and the New di Peter Watson (longway)
  7. 00
    Piccolo è bello. Uno studio di economia come se la gente contasse qualcosa di E. F. Schumacher (pammab)
    pammab: Sapiens' framing of capitalism-as-religion and its implications were done first in Small is Beautiful. Small is Beautiful focuses on one modern aspect of a much larger cultural change rooted in ideas & capabilities explored in Sapiens.
  8. 13
    The Management Myth: Why the Experts Keep Getting it Wrong di Matthew Stewart (amberwitch)
    amberwitch: An interesting and critical look at things that we take for granted, giving the reader new perspectives on everything from strategi to time
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 232 citazioni

Mostra 5 di 5
Molto interessante, specialmente da leggere contemporaneamente a testi di psicologia, da un panorama completamente nuovo e spunti di riflessione molto ricchi ( )
  elisakolodziej | May 18, 2021 |
Saggio estremamente interessante e scorrevole. Da leggere! ( )
  zinf | Sep 26, 2018 |
La tesi che Harari espone in questo suo libro è semplice: L'Homo sapiens ha fatto fuori tutti i suoi concorrenti (e ce n'erano!) perché grazie a chissà quale mutazione ha imparato a "credere a sei cose impossibili prima di colazione". Le religioni sono messe allo stesso piano delle leggi o degli enti giuridici: parlano di cose che non esistono, ma che tutti (o quasi) accettano.
Il punto di vista di Harari è sicuramente spiazzante e quindi ci costringe ad azionare il cervello e ripensare a quanto abbiamo sempre dato per scontato: per esempio il motivo per cui gli europei sono riusciti a dominare è per lui fondamentalmente la loro curiosità e il pensare in grande. L'unica parte che mi ha convinto poco è quella sul presente, dove l'autore è molto ottimista sulla nostra capacità di trovare tutta l'energia che vogliamo. È vero che finora siamo sempre riusciti a trovare qualcosa di nuovo, ma questa è per me soprattutto fortuna.
Nota negativa sulla traduzione di Giuseppe Bernardi. Se in tre pagine io trovo due frasi che evidentemente sono errate vuol dire che c'è qualcosa che non va. ( )
1 vota .mau. | Jun 17, 2018 |
Non posso nascondere la mia delusione nel leggere questo libro. Mi aspettavo un testo più professionale visto che è scritto da un professore universitario di storia. Certo, comprimere circa 2 milioni di anni di storia umana in poco più di 500 pagine non è facile. Poi, se si considera che un terzo del libro sono considerazioni sul futuro dell’Homo sapiens mi viene qualche dubbio sul senso di questo volumetto.

Inizia scrivendo in maniera molto piacevole e scorrevole descrivendo i vari passaggi evoluzionistici dell’umanità che dai primi umanoidi che si sono diffusi dall’Africa nel resto del mondo, scoprendo l’uso del fuoco e cominciando, dopo la rivoluzione cognitiva, a comunicare fra loro e ad unirsi in piccoli gruppi. La comparsa dell’Homo Neanderthal e dell’Homo sapiens, la scomparsa dell’Homo Neanderthal. Prosegue con la descrizione della vita dei primi Homo sapiens raccoglitori-cacciatori.
Ricalca lo stile della Genesi biblica ma, naturalmente, senza creazione bensì bing-bang ed evoluzione.
Tuttavia, ho le prime perplessità quando comincia a descrivere la rivoluzione agricola e da subito la definisce una truffa. Secondo l’autore l’homo sapiens agricoltore ha peggiorato la sua condizione ed è meno felice del suo antenato raccoglitore-cacciatore.
A sostegno di questa sua tesi la teoria che il raccoglitore-cacciatore fosse fisicamente più allenato, si nutrissero in maniera più vario e pertanto fossero più in salute. Avevano più tempo libero da dedicare alla famiglia e alla cura dei bambini.
Al contrario gli agricoltori primitivi, secondo l’autore, nutrendosi dei pochi e sempre gli stessi prodotti erano fisicamente debilitati e più soggetti a malattie, dovevano lavorare più duramente e non avevano tempo libero. Inoltre, sempre secondo il professorone, gli agricoltori primitivi erano meno intelligenti dei raccoglitori-cacciatori perché questi ultimi dovevano sapere più cose sui segreti della natura e sul mondo che li circondava per poter sopravvivere. A riprova di ciò sostiene che i cervelli dei raccoglitori-cacciatori erano più voluminosi di quelli degli agricoltori. Pertanto la vita nomade è da preferire.
Ma, per un inaccettabile scherzo della natura, gli agricoltori hanno più cibo a loro disposizione, si moltiplicano velocemente e si costituiscono in comunità più grandi e più complesse.

Anche qui, l’Homo sapiens ha scelto la monogamia e il nucleo familiare a causa di scelte culturali errati e imposizioni religiose. Nel mondo animale ci sono vari esempi di famiglie allargate in cui i rapporti sessuali avvengono in totale libertà con il pregio che nessuno sa chi è il padre del nascituro per cui tutta la comunità se ne prende cura perché tutto si sentono responsabili. A suo tempo la scelta di questo tipo di rapporto sociale “secondo natura”, quindi, sarebbe stato preferibile. E’ fautore del caos e della dissoluzione della famiglia e naturalmente della massima libertà sessuale. I bambini non devono essere cresciuti in famiglia ma nella comunità (stato, governo mondiale).

È incapace di mascherare la propria visione personale del mondo e cade spesso in contraddizione.
Da una parte l’Homo sapiens è responsabile dell’estinzione di innumerevoli specie di animali e piante definendolo un serial killer ecologico per poi sostenere di non fidarsi di quelli che abbracciano gli alberi e urlano ai quattro venti che stiamo dissipando le risorse naturali perché la situazione non è disperata. La scienza, secondo lui, ha sempre trovato una soluzione, a patto che la lasciano fare.
Tesse le lodi del periodo contemporaneo senza guerre (sigh!) in cui gli Homo Sapiens vivono felici nel lusso e nella prosperità. Non si accorge che noi Homo Sapiens a livello mondiale siamo già schiavi di multinazionali sovranazionali che ci indottrinano al pensiero unico, alla cultura unica, al mercato globale, al gregge unico.
È compiaciuto del fatto che i vari paesi stanno perdendo sovranità nazionale a favore dell’internazionalismo e del sovranazionalismo e si auspica che l’umanità il prima possibile si liberi delle pastoie religiose ei raggiunga un governo mondiale unico.

Le religioni sono costrutti della mente umana pertanto dobbiamo liberarcene perché limitano la scienza nel perseguire il nostro obiettivo di renderci immortali come gli dei.
Ha simpatia solo per la religione Buddhista in quanto il loro obiettivo di eliminare la sofferenza umana è più compatibile al sogno dell’Homo sapiens di conquistare la felicità.
Molto negative le religioni monoteiste maggiori dove il bersaglio principale è la religione cristiana e nello specifico principalmente la religione cattolica e il Papa.
Questo attacco specifico non sorprende ed è in linea con quanto succede da anni a livello planetario. La religione cattolica con il proprio leader indiscusso, il Papa, è uno dei pochi ostacoli rimasti al progetto del governo unico planetario.

Desidera un governo mondiale libero da restrizioni morali ed etici in favore della libertà sessuale. Spera che la scienza faccia evolvere l’uomo a superuomo (concetto molto poco nazista). Si spinge addirittura a sognare l’uomo immortale (progetto Gilgemesh).
La scienza dovrebbe, con il dna disponibile in abbondanza, far rinascere i Neanderthal, intanto per un debito che abbiamo nei loro confronti per essere responsabili della loro estinzione e poi, già che ci siamo, li possiamo far lavorare al posto nostro, uno di loro può tranquillamente sostituire due Homo Sapiens.
Secondo l’autore l’Homo sapiens per il tramite della religione, in maniera deplorevole, ha suddiviso l’umanità in uomini di rango, uomini comuni e schiavi. Tuttavia, ed ecco nuovamente le tre classi, auspica un futuro con robot super intelligenti, cyborg e schiavi (gli Homo sapiens).
Alla scienza non devono essere posti limiti nel creare il Frankenstein del futuro, il quale non è il mostro che tutti pensano, ma il solo che può creare il superuomo del futuro che guarda a noi come noi oggi guardiamo ai Neanderthal.

Capisco che non dev’essere facile vivere a Gerusalemme con il suo rapporto con le religioni e, soprattutto, con i suoi gusti sessuali. Questo malessere è palpabile ovunque nel libro.
Questo libro non è un libro di storia e non è un libro di scienza, secondo me è un manifesto dell’onnipotenza dell’uomo. Secondo me glielo ha commissionato la massoneria. Poveretto. ( )
  Maistrack | May 6, 2018 |
Originale, intelligente, brillante. Israeliano, di solida formazione accademica, dotato di ottima capacità divulgativa, Harari ripercorre con grande vivacità e comunicativa le tappe che hanno portato l'uomo sapiens a diventare il padrone della terra. Non è una storia in senso stetto, ma un itinerario attraverso i mutamenti, le acquisizioni, i progressi e i regressi del genere umano in una prospettiva di lunghissima durata e con lo sguardo puntato sulle possibilità (inquietanti) che si profilano per un futuro forse non molto lontano. Ammirevole la capacità dell'autore di dare organicita a un'immensa quantità di dati e di muoversi con disinvoltura e senza sbavature in ambiti diversissimi: politica, religione, storia, economia, filosofia, biologia cibernetica e molto altto ancora. Lettura consigliatissima purtoppo non in italiano (mal tradotto, pieno di refusi e con brutto titolo, "Da animali a dei") ma in una dello oltre trenta lingue in cui è stato tradotto questo successo planetario. Ottima l'edizione inglese curata dall'autore stesso ( )
  Marghe48 | Sep 28, 2017 |
Mostra 5 di 5
Much of Sapiens is extremely interesting, and it is often well expressed. As one reads on, however, the attractive features of the book are overwhelmed by carelessness, exaggeration and sensationalism.
aggiunto da Jozefus | modificaThe Guardian, Galen Strawson (Sep 11, 2014)
 
Jared Diamond hoort met Simon Schama, Bill Bryson en Charles Mann tot die zeldzame auteurs die inderdaad het grote verhaal vertellen. [...] Zijn recente werk, De wereld tot gisteren, is een brede vergelijking tussen de laatste primitieve samenlevingen, en de eenheidsworst die we nu 'beschaving' noemen. Diamond laat zien hoe 'primitief' we eigenlijk nog zijn, en hoe veel we van die volken kunnen leren. Hij zet aan tot denken. Harari laat de lezer in verwarring achter. [...] Harari beheerst de techniek, maar een 'groot verhaal' komt niet van de grond.
aggiunto da Jozefus | modificade Volkskrant, Marcel Hulspas (Apr 12, 2014)
 

» Aggiungi altri autori (111 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Harari, Yuval Noahautore primariotutte le edizioniconfermato
Dean, SuzanneProgetto della copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Deen, MathijsNarratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Gower, NeilMapsautore secondarioalcune edizioniconfermato
Perkins, DerekNarratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Purcell, JohnTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Watzman, HaimTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Wood, CarolineCollaboratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Luoghi significativi
Eventi significativi
Film correlati
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
Dedica
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
In loving memory of my father, Shlomo Harari
Incipit
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
About 13.5 billion years ago, matter, energy, time, and space came into being in what is known as the Big Bang.
Citazioni
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
We study history not to know the future but to widen our horizons, to understand that our present situation is neither natural nor inevitable, and that we consequently have many more possibilities before us than we imagine.
Ultime parole
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Lingua originale
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
DDC/MDS Canonico
LCC canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (3)

"From a renowned historian comes a groundbreaking narrative of humanity's creation and evolution--a #1 international bestseller--that explores the ways in which biology and history have defined us and enhanced our understanding of what it means to be "human." One hundred thousand years ago, at least six different species of humans inhabited Earth. Yet today there is only one--homo sapiens. What happened to the others? And what may happen to us? Most books about the history of humanity pursue either a historical or a biological approach, but Dr. Yuval Noah Harari breaks the mold with this highly original book that begins about 70,000 years ago with the appearance of modern cognition. From examining the role evolving humans have played in the global ecosystem to charting the rise of empires, Sapiens integrates history and science to reconsider accepted narratives, connect past developments with contemporary concerns, and examine specific events within the context of larger ideas .Dr. Harari also compels us to look ahead, because over the last few decades humans have begun to bend laws of natural selection that have governed life for the past four billion years. We are acquiring the ability to design not only the world around us, but also ourselves. Where is this leading us, and what do we want to become? Featuring 27 photographs, 6 maps, and 25 illustrations/diagrams, this provocative and insightful work is sure to spark debate and is essential reading for aficionados of Jared Diamond, James Gleick, Matt Ridley, Robert Wright, and Sharon Moalem"--

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Copertine popolari

Link rapidi

Voto

Media: (4.19)
0.5 4
1 19
1.5 1
2 71
2.5 18
3 215
3.5 77
4 672
4.5 139
5 803

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

Tantor Media

Una edizione di quest'opera è stata pubblicata da Tantor Media.

» Pagina di informazioni sull'editore

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 171,578,597 libri! | Barra superiore: Sempre visibile