Pagina principaleGruppiConversazioniEsploraStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

Tempi difficili (1854)

di Charles Dickens

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiCitazioni
9,680125592 (3.52)441
An indictment of capitalist exploitation during the Industrial Revolution, the hard lessons wrought by zealous materialism awaken characters to a new philosophy and to hope.
  1. 00
    Nord e Sud di Elizabeth Gaskell (Cecrow)
  2. 00
    Nice Work di David Lodge (KayCliff)
  3. 00
    Il sindaco di Casterbridge di Thomas Hardy (TimForrest65)
  4. 11
    Il professore di Charlotte Brontë (CurrerBell)
    CurrerBell: The Professor and Hard Times don't have all that much in common — and even less so do CB and CD have that much in common — but there's an interesting conversational exchange in The Professor, in the last chapter but one, that reminds me of the "reason vs. sensibility" theme in Hard Times.… (altro)
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Attualmente non vi sono conversazioni su questo libro.

» Vedi le 441 citazioni

Inglese (115)  Spagnolo (5)  Catalano (2)  Olandese (1)  Svedese (1)  Italiano (1)  Tutte le lingue (125)
http://lettureedintorni.blogspot.it/2013/02/tempi-difficili-charles-dickens.html

Finalmente, a un mese dall'inizio dell'anno, sono riuscita a finire di leggere il primo libro del 2013. Sarà che ultimamente ho la testa persa tra altri pensieri, saranno stati gli strascichi delle festività e i malanni che hanno infestato la casa, fatto sta che ho fatto una fatica immane a finire questo romanzo.
Avevo scelto di iniziare l'anno di lettura con una certezza: Dickens. Casualmente mio marito a Natale mi ha regalato Tempi difficili e mi ci sono avvicinata con tranquillità conoscendo l'autore, sebbene il titolo bisogna ammettere che non sia proprio incoraggiante. (L'altro libro scelto da mio marito è Uomini e topi... forse dovrei iniziare a indagare sullo stato d'animo del mio consorte...)
Non avrei mai pensato di ricevere una delusione così cocente da Dickens, davvero! Tutto quello che avevo letto di lui fino ad ora mi era piaciuto, e per me era una salda colonna, un po' come Jane Austen o Shakespeare o Dostoevski.
Dopo aver lottato contro la noia e la pesantezza, ieri mi sono imposta di finire il romanzo. E l'ho fatto, come un compito, controllando sempre il numero di pagine rimanenti e tirando un sospiro di sollievo all'ultima riga. Ma non potevo arrendermi così e allora, alla ricerca di una spiegazione, mi sono letta anche il saggio di George Orwell riportato alla fine del mio volume Einaudi e tratto da Inside the Whale, Secker & Warburg, London 1940 (traduzione di Cristina Scagliotti).
E mi sono un po' consolata perché Orwell scrive che Tempi difficili, insieme a Le due città, sono i romanzi dell'autore considerati "non dickensiani" proprio perché in essi vengono a mancare i temi e i tratti tipici della sua scrittura. "Il tipico romanzo dickensiano" Oliver Twist, per esempio, "ruota sempre intorno al melodramma". Secondo Orwell dove Dickens dà il meglio di sé è nella descrizione dei personaggi ritratti nella loro vita privata e fissati nei loro caratteri immobili e peculiari. Solitamente nei romanzi di Dickens la società rimane sullo sfondo, i suoi personaggi, se lavorano, fanno un lavoro non ben definito e che comunque non è al centro della loro vita quotidiana, eccezion fatta per David Copperfield, dove il protagonista è, guarda caso, uno scrittore. "La verità è che in Dickens il giudizio sulla società è quasi esclusivamente di tipo morale". Quando l'autore attacca un'istituzione lo fa senza mai proporre delle alternative costruttive e non dà nemmeno mostra di voler sovvertire l'ordine costituito, ciò che a lui interessa è la natura umana.
E quindi il suo discorso non si concentra tanto sul fatto che le condizioni di vita degli operai delle fabbriche sono il frutto di un sistema economico sbagliato, quanto piuttosto sulla necessità di migliorarle magari attraverso padroni migliori. Semplificando all'osso: se tutti siamo più buoni, il modo sarà migliore.
Per quanto riguarda questo romanzo in particolare, fin da subito l'ho sentito dissonante con il mondo dickensiano a cui ero avvezza. Tutto questo parlare di fabbriche, ciminiere, operai e sindacati, banche ed elezioni politiche, senza peraltro mai approfondire gli argomenti, ma restando sempre nel vago. E poi i personaggi, così diversi dal solito e così noiosi: un padre di famiglia che decide di allevare i suoi figli nella rigidità delle discipline scientifiche escludendo dalla loro vita qualsiasi fantasia, immaginazione o moto del cuore, dei figli che crescono aridi e confusi, due operai buoni e sfortunati, una ragazza abbandonata da un padre clown. Bounderby, il banchiere "sborone" con la sua vecchia domestica dal naso adunco sono forse i personaggi più ironici e più simili a quanto da Dickens ci si aspetterebbe.
Questa Louisa che dovrebbe essere la chiave di volta del romanzo proprio non mi ha convinta: cresciuta secondo i rigidi dettami del padre "eminentemente pratico" accetta di sposare il vecchio Bounderby, anche se si intravedono già segni di cedimento nell'istituzione creata dal padre. Sarà un insulso seduttore a farla crollare senza però portare il suo gesto alle naturali conseguenze. Il seduttore verrà allontanato e lei si riavvicinerà al padre che di fronte alla miseria della figlia vedrà messo in discussione tutto il suo sistema educativo e di vita e si ricrederà. Pff....
Interessante il suggerimento di mia suocera di provare a leggere la storia come un confronto tra le scienze esatte e quelle umanistiche. Ma non può esserci solo questo in un romanzo di Dickens.
Mi rifarò con un bel drammone, magari francese!
Uomini e topi può aspettare, e non me ne voglia mio marito! ( )
  librivendola | Feb 1, 2013 |
Whimsy, imagination, and sentiment have been banned in the Gradgrinds' upper-class household, but in Coketown, whose working class inhabitants fight for their very survival, the ban becomes a merciless creed. There, all that matters are the grinding wheels of production. Hard Times reflects a harsh world of grueling labor and pitiless relationships. But it is also a story of hope, of something elemental in the human spirit that rises above its bleak surroundings.
 

» Aggiungi altri autori (81 potenziali)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Dickens, Charlesautore primariotutte le edizioniconfermato
Charles KeepingIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Chesterton, G.K.Introduzioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Fildes, LukeImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Foot, DingleIntroduzioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Greiffenhagen, MauriceIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Lesser, AntonNarratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Odden, KarenIntroduzioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Richardson, JoannaPostfazioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Schlicke, PaulA cura diautore secondarioalcune edizioniconfermato
Shapiro, CharlesPostfazioneautore secondarioalcune edizioniconfermato
Sothoron, Karen HenricksonImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Tull, PatrickNarratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Walker, FrederickIllustratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato

È contenuto in

Ha ispirato

Ha come commento al testo

Ha come guida per lo studente

Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Luoghi significativi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Eventi significativi
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Film correlati
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Premi e riconoscimenti
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Epigrafe
Dedica
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
INSCRIBED TO THOMAS CARLYLE
Incipit
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Now, what I want is, Facts.
'I am three parts mad, and the fourth delirious, with perpetual rushing at Hard Times,' wrote Dickens in a letter to his friend and later biographer John Forster on 14 July 1854. (Introduction)
Citazioni
Con grilli per la testa egli intendeva l'immaginazione, ed è senz'altro probabile che la signora ne fosse tanto priva quanto poteva esserlo una creatura umana non ancora giunta alla perfezione dell'idiozia assoluta.
… quando varcò la soglia di casa aveva un'aria tutt'altro che ardimentosa, e comparve alla presenza dell'oggetto delle sue apprensioni con l'aria di un cane consapevole d'essere appena sbucato dalla dispensa.
Ultime parole
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
(Click per vedere. Attenzione: può contenere anticipazioni.)
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Lingua originale
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
DDC/MDS Canonico
LCC canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese

Nessuno

An indictment of capitalist exploitation during the Industrial Revolution, the hard lessons wrought by zealous materialism awaken characters to a new philosophy and to hope.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Copertine popolari

Link rapidi

Voto

Media: (3.52)
0.5 6
1 32
1.5 11
2 131
2.5 35
3 403
3.5 98
4 443
4.5 33
5 214

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

Penguin Australia

4 edizioni di questo libro sono state pubblicate da Penguin Australia.

Edizioni: 014143967X, 0141195207, 0141198346, 0141199563

Urban Romantics

2 edizioni di questo libro sono state pubblicate da Urban Romantics.

Edizioni: 190943888X, 1909438898

Tantor Media

Una edizione di quest'opera è stata pubblicata da Tantor Media.

» Pagina di informazioni sull'editore

Recorded Books

Una edizione di quest'opera è stata pubblicata da Recorded Books.

» Pagina di informazioni sull'editore

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 165,997,304 libri! | Barra superiore: Sempre visibile