Pagina principaleGruppiConversazioniAltroStatistiche
Cerca nel Sito
Questo sito utilizza i cookies per fornire i nostri servizi, per migliorare le prestazioni, per analisi, e (per gli utenti che accedono senza fare login) per la pubblicità. Usando LibraryThing confermi di aver letto e capito le nostre condizioni di servizio e la politica sulla privacy. Il tuo uso del sito e dei servizi è soggetto a tali politiche e condizioni.
Hide this

Risultati da Google Ricerca Libri

Fai clic su di un'immagine per andare a Google Ricerca Libri.

Sto caricando le informazioni...

L'arcobaleno della gravità (1973)

di Thomas Pynchon

Altri autori: Vedi la sezione altri autori.

UtentiRecensioniPopolaritàMedia votiConversazioni / Citazioni
9,393122585 (4.08)1 / 447
Winner of the 1973 National Book Award, Gravity's Rainbow is a postmodern epic, a work as exhaustively significant to the second half of the twentieth century as Joyce's Ulysses was to the first. Its sprawling, encyclopedic narrative and penetrating analysis of the impact of technology on society make it an intellectual tour de force.… (altro)
  1. 80
    Ulisse di James Joyce (Jen7r)
  2. 70
    Infinite Jest di David Foster Wallace (AndySandwich)
    AndySandwich: Books that cause neuroses.
  3. 42
    Casa di foglie di Mark Z. Danielewski (AndySandwich)
    AndySandwich: Gravity's Rainbow = paranoia House of Leaves = claustrophobia
  4. 10
    La stella di Ratner di Don DeLillo (alaskayo)
    alaskayo: Like Pynchon? Like DeLillo? Here we gots DeLillo's enthusiastic and goofy response to his own, favorable experience with Pynchon's most famous monsterwork. Wit, mathematical math and DeLillo dialogue.
  5. 44
    Moby Dick di Herman Melville (ateolf)
  6. 00
    Crash Gordon and the Mysteries of Kingsburg di Derek Swannson (jasbro)
Sto caricando le informazioni...

Iscriviti per consentire a LibraryThing di scoprire se ti piacerà questo libro.

Inglese (120)  Italiano (1)  Finlandese (1)  Tutte le lingue (122)
Non è stata una passeggiata. Lo sapevo prima di cominciare ed è stato vero per tutte le quasi mille pagine di questo non-romanzo ambientato tra la fine della Seconda Guerra Mondiale e i primi mesi di pace. Che inizia con un ufficiale del controspionaggio britannico che, a tempo perso, coltiva banane (in Inghilterra) e con quelle crea sempre nuovi piatti per la colazione dei suoi commilitoni e continua seguendo – pressappoco – le evoluzioni del suo pseudo-protagonista Tyrone Slothrop, ricercatissimo tenente dell’esercito degli Stati Uniti che ha un’erezione ogniqualvolta si trovi accanto al punto di caduta di una V2. Sono solo i primi di oltre quattrocento personaggi che compaiono all’improvviso e che poi, dopo essere stati centrali per pagine e pagine, spariscono di colpo: a volte riemergono a sorpresa, altre svaniscono per sempre. Tutti con nomi stravaganti, quando non comici in modo scoperto: del resto, l’ironia – sovente acre, ma anche diretta, come nel viaggio di Slothrop giù per il cesso - è una delle armi che lo scrittore usa per narrarci la sua negativa visione del mondo, ma anche per alleggerire un intreccio labirintico. Se tante sono le figure che lo abitano, il romanzo sciorina un ancor maggiore numero di percorsi ulteriormente complicati da deviazioni (pseudo-) scientifiche, riflessioni sui massimi sistemi, descrizioni che partono da elementi reali per perdersi nel sogno, nei simboli, nell’allucinazione. Forse non a caso, allora, in queste pagine abbondano le droghe che, assieme a pratiche di sesso non convenzionale descritte con minuzia, raccontano di una corruzione morale e materiale senza ritorno culminante nella crociera dell’Anubis che si può facilmente immaginare filmata dal Pasolini di ‘Salò’: l’oppressione e il degrado dell’essere umano non sono terminati con il nazismo, hanno solo indossato una maschera diversa. Così, in fondo, il vero centro motore del volume è la paranoia, di cui soffrono tutti i personaggi che, più che agire, hanno l’impressione di essere burattini guidati da fili misteriosi: il più burattino di tutti è Slothrop che, tra percorsi assurdi e travestimenti umilianti (incluso un costume da maiale) finisce per disintegrarsi. Destino analogo a quello del romanzo. La quarta parte, destrutturata e saltellante qua e là senza una logica (apparente?), è come la sequenza finale di ‘2001 Odissea nello spazio’: per apprezzarla al meglio, è necessario lasciarsi andare senza la pretesa di capire tutto e neppure di dare un ordine razionale agli stimoli che si ricevono. Regola che poi vale anche per le pagine precedenti, magari là dove si parla dell’ossessione del Razzo (alla cui traiettoria allude il titolo) in cui l’autore riversa le conoscenze tecniche maturate negli anni di lavoro alla Boeing. Non si può negare che, in certi momenti, venga voglia di lanciare il libro contro il muro, ma, a parte la considerazione dei danni che ne conseguirebbero, l’attesa per il successivo pezzo di bravura trattiene la mano. Perché, ad esempio, nel procedere magmatico della storia brillano numerosi racconti dotati di vita propria che, mai banali, sanno raggiungere livelli superlativi come nei brani che narrano di Frans il massacratore di dodi, del tecnico aerospaziale pedofilo Pökler o, forse inarrivabile, di Byron la lampadina. ( )
  catcarlo | Dec 5, 2014 |
There’s a dirty secret tucked away in Thomas Pynchon’s novels, and it’s this: beyond all the postmodernism and paranoia, the anarchism and socialism, the investigations into global power, the forays into labor politics and feminism and critical race theory, the rocket science, the fourth-dimensional mathematics, the philatelic conspiracies, the ’60s radicalism and everything else that has spawned 70 or 80 monographs, probably twice as many dissertations, and hundreds if not thousands of scholarly essays, his novels are full of cheesy love stories.
 
Those who have read Thomas Pynchon’s Gravity’s Rainbow know that those 700+ pages add up to more than just a novel; it’s an experience. The hundreds of characters are difficult to follow, the plot is nonsensical, sex is graphically depicted, drugs are smoked out of a kazoo and a poor light bulb goes through many humiliating experiences. But the brilliance of Gravity’s Rainbow is not in spite of its oddness but because of it.
 
Like one of his main characters, Pynchon in this book seems almost to be "in love, in sexual love, with his own death." His imagination--for all its glorious power and intelligence--is as limited in its way as Céline's or Jonathan Swift's. His novel is in this sense a work of paranoid genius, a magnificent necropolis that will take its place amidst the grand detritus of our culture. Its teetering structure is greater by far than the many surrounding literary shacks and hovels. But we must look to other writers for food and warmth.
 

» Aggiungi altri autori (1 potenziale)

Nome dell'autoreRuoloTipo di autoreOpera?Stato
Pynchon, Thomasautore primariotutte le edizioniconfermato
Bergsma, PeterTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Britto, Paulo HenriquesTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Buckley, PaulProgetto della copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Doury, MichelTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Fučík, ZdeněkTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Gryzunovoĭ, AnastasiiTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Guidall, GeorgeNarratoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Jelinek, ElfriedeTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Koshikawa, YoshiakiTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Kunz, AnitaImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Lindholm, JuhaniTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Miller, FrankImmagine di copertinaautore secondarioalcune edizioniconfermato
Natale, GiuseppeTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Nemt︠s︡ova, MaksimaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Nilsson, Hans-JacobTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Ondráčková, HanaTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Pigrau i Rodríguez, AntoniTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Piltz, ThomasTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Sudół, RobertTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Zabel, IgorTraduttoreautore secondarioalcune edizioniconfermato
Devi effettuare l'accesso per contribuire alle Informazioni generali.
Per maggiori spiegazioni, vedi la pagina di aiuto delle informazioni generali.
Titolo canonico
Titolo originale
Titoli alternativi
Data della prima edizione
Personaggi
Luoghi significativi
Eventi significativi
Film correlati
Premi e riconoscimenti
Epigrafe
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
"Nature does not know extinction; all it knows is transformation. Everything science has taught me, and continues to teach me, strengthens my belief in the continuity of our spiritual existence after death." – Wernher von Braun (Beyond the Zero)
"You will have the tallest, darkest leading man in Hollywood." – Merian C. Cooper to Fay Wray (Un Perm' au Casino Hermann Goering)
"Toto, I have a feeling we're not in Kansas any more...." – Dorothy, arriving in Oz (In the Zone)
"What?" – Richard M. Nixon (The Counterforce)
Dedica
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
For Richard Farina
Incipit
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
A screaming comes across the sky.
Citazioni
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
This classic hustle is still famous, even today, for the cold purity of its execution: bring opium from India, introduce it into China – howdy Fong, this here's opium, opium, this is Fong – ah, so, me eatee! – no-ho-ho, Fong, you smokee, [smokee], see? pretty soon Fong's coming back for more and more, so you create an inelastic demand for the shit, get China to make it illegal, then sucker China into a couple-three disastrous wars over the right of your merchants to sell opium, which by now you are describing as sacred. You win, China loses. Fantastic.
A former self is a fool, an insufferable ass, but he's still human, you'd no more turn him out than you'd turn out any other kind of cripple, would you?
They'll always tell you fathers are 'taken,' but fathers only leave – that's what it really is. The fathers are all covering for each other, that's all.
If they can get you asking the wrong questions, they don’t have to worry about the answer.
Ultime parole
Dati dalle informazioni generali inglesi. Modifica per tradurlo nella tua lingua.
Nota di disambiguazione
Redattore editoriale
Elogi
Lingua originale
DDC/MDS Canonico

Risorse esterne che parlano di questo libro

Wikipedia in inglese (3)

Winner of the 1973 National Book Award, Gravity's Rainbow is a postmodern epic, a work as exhaustively significant to the second half of the twentieth century as Joyce's Ulysses was to the first. Its sprawling, encyclopedic narrative and penetrating analysis of the impact of technology on society make it an intellectual tour de force.

Non sono state trovate descrizioni di biblioteche

Descrizione del libro
Riassunto haiku

Link rapidi

Copertine popolari

Voto

Media: (4.08)
0.5 8
1 52
1.5 7
2 68
2.5 19
3 161
3.5 37
4 322
4.5 67
5 617

Sei tu?

Diventa un autore di LibraryThing.

 

A proposito di | Contatto | LibraryThing.com | Privacy/Condizioni d'uso | Guida/FAQ | Blog | Negozio | APIs | TinyCat | Biblioteche di personaggi celebri | Recensori in anteprima | Informazioni generali | 157,827,969 libri! | Barra superiore: Sempre visibile