Immagine dell'autore.

George Saunders (1) (1958–)

Autore di Lincoln in the Bardo

Per altri autori con il nome George Saunders, vedi la pagina di disambiguazione.

44+ opere 20,976 membri 888 recensioni 95 preferito

Sull'Autore

George Saunders is the author of CivilWarLand in Bad Decline and Pastoralia. (Publisher Provided) George Saunders was born in Amarillo, Texas on December 2, 1958. He received a bachelor's degree in geophysical engineering and a master's degree in creative writing from Syracuse University. He is a mostra altro professor at Syracuse University and a writer of short stories, essays, novellas, and children's books. He won the National Magazine Award for fiction in 1994, 1996, 2000, and 2004 His books include CivilWarLand in Bad Decline, Pastoralia, The Very Persistent Gappers of Frip, The Brief and Frightening Reign of Phil, In Persuasion Nation, and Tenth of December: Stories, which won the inaugural Folio Prize in 2014. His debut novel, Lincoln in the Bardo, received the Man Booker Prize in 2017. (Bowker Author Biography) mostra meno

Opere di George Saunders

Lincoln in the Bardo (2017) 5,946 copie, 340 recensioni
Dieci dicembre (2013) 3,892 copie, 185 recensioni
Pastoralia (2000) 2,404 copie, 55 recensioni
CivilWarLand in Bad Decline (1996) 2,050 copie, 76 recensioni
Nel paese della persuasione (2006) 1,110 copie, 34 recensioni
The Brief and Frightening Reign of Phil (2005) 909 copie, 28 recensioni
The Very Persistent Gappers of Frip (2000) 803 copie, 29 recensioni
Fox 8 {story} (2013) 626 copie, 33 recensioni
Liberation Day: Stories (2022) 545 copie, 24 recensioni
L'egoismo è inutile. Elogio della gentilezza (2014) 413 copie, 21 recensioni

Opere correlate

The Collected Stories (1994) — Introduzione, alcune edizioni959 copie, 14 recensioni
My Mistress's Sparrow Is Dead (2008) — Collaboratore — 771 copie, 20 recensioni
The Best American Nonrequired Reading 2006 (2006) — Collaboratore — 759 copie, 10 recensioni
The Book of Other People (2008) — Collaboratore — 750 copie, 14 recensioni
The Best American Short Stories 2005 (2005) — Collaboratore — 700 copie, 6 recensioni
The Best American Nonrequired Reading 2005 (2005) — Collaboratore — 618 copie, 5 recensioni
The Best American Short Stories 2008 (2008) — Collaboratore — 576 copie, 8 recensioni
The Best American Nonrequired Reading 2008 (2008) — Collaboratore — 468 copie, 9 recensioni
The Best American Short Stories 2012 (2012) — Collaboratore — 365 copie, 7 recensioni
The Best American Short Stories 2011 (2011) — Collaboratore — 350 copie, 7 recensioni
Feeling Very Strange: The Slipstream Anthology (2006) — Collaboratore — 313 copie, 16 recensioni
The Best American Nonrequired Reading 2010 (2010) — Collaboratore — 306 copie, 8 recensioni
100 Years of the Best American Short Stories (2015) — Collaboratore — 294 copie, 3 recensioni
The Best American Short Stories 2013 (2013) — Collaboratore — 281 copie, 6 recensioni
American Fantastic Tales: Terror and the Uncanny from the 1940s to Now (2009) — Collaboratore — 268 copie, 5 recensioni
The Anchor Book of New American Short Stories (2004) — Collaboratore — 267 copie, 8 recensioni
The Year's Best Fantasy and Horror: Seventeenth Annual Collection (2004) — Collaboratore — 235 copie, 9 recensioni
The New Granta Book of the American Short Story (2007) — Collaboratore — 214 copie, 1 recensione
The Best American Travel Writing 2006 (2006) — Collaboratore — 206 copie, 1 recensione
The Best American Nonrequired Reading 2012 (2012) — Collaboratore — 199 copie, 7 recensioni
The Secret History of Science Fiction (2009) — Collaboratore — 198 copie, 6 recensioni
Fight of the Century: Writers Reflect on 100 Years of Landmark ACLU Cases (2020) — Collaboratore — 190 copie, 4 recensioni
McSweeney's Issue 4: Trying, Trying, Trying, Trying, Trying (2010) — Collaboratore — 163 copie, 3 recensioni
The Best American Travel Writing 2007 (2007) — Collaboratore — 159 copie
Granta 108: Chicago (2009) — Collaboratore — 145 copie, 1 recensione
The Best of McSweeney's {complete} (2013) — Collaboratore — 145 copie, 1 recensione
McSweeney's Issue 33 (McSweeney's Quarterly Concern): The San Francisco Panorama (2009) — Collaboratore — 139 copie, 3 recensioni
An American Album: One Hundred and Fifty Years of Harper's Magazine (2000) — Collaboratore — 134 copie, 1 recensione
The Best American Short Stories 2021 (2021) — Collaboratore — 129 copie, 3 recensioni
The Ecco Anthology of Contemporary American Short Fiction (2008) — Collaboratore — 126 copie, 1 recensione
Prize Stories 2001: The O. Henry Awards (2001) — Collaboratore — 124 copie, 1 recensione
Burned Children of America (2001) — Collaboratore — 123 copie, 1 recensione
Science Fiction: The Best of 2003 (2004) — Collaboratore — 119 copie, 5 recensioni
Invaders: 22 Tales from the Outer Limits of Literature (2016) — Collaboratore — 109 copie, 4 recensioni
Prize Stories 1997: The O. Henry Awards (1997) — Collaboratore — 101 copie, 2 recensioni
American Fantastic Tales: Boxed Set (2009) — Collaboratore — 92 copie, 2 recensioni
Fantasy: The Best of the Year, 2006 Edition (2006) — Collaboratore — 89 copie, 1 recensione
The Best American Nonrequired Reading 2017 (2017) — Collaboratore — 86 copie, 1 recensione
The Best American Magazine Writing 2004 (2004) — Collaboratore — 82 copie, 1 recensione
The Year's Best Science Fiction & Fantasy, 2012 Edition (2013) — Collaboratore — 71 copie, 1 recensione
The Penguin Book of the Modern American Short Story (2021) — Collaboratore — 62 copie
Extreme Fiction: Fabulists and Formalists (2003) — Collaboratore — 51 copie
The Best American Magazine Writing 2000 (2000) — Collaboratore — 26 copie
Escape: Stories of Getting Away (2002) — Collaboratore — 25 copie
The Best American Magazine Writing 2017 (2017) — Collaboratore — 24 copie, 2 recensioni
A Manner of Being: Writers on Their Mentors (2015) — Collaboratore — 12 copie

Etichette

2017 (99) Abramo Lincoln (134) Americano (268) Antologia (1,167) Audiolibro (111) Best American Series (126) collezione (177) da leggere (2,515) EBook (176) Fantascienza (243) Fantasma (152) Fantasy (301) firmato (161) Guerra civile (114) Horror (110) kindle (181) Letteratura (296) Letteratura americana (359) letto (300) Lutto (106) McSweeney's (136) Morte (121) Narrativa (3,218) narrativa letteraria (118) non letto (223) posseduto (130) racconti (2,919) Racconto (121) Romanzi brevi (168) Romanzo (109) romanzo storico (310) saggi (468) Saggistica (408) Satira (201) Scrittura (110) Stati Uniti d'America (141) storie (208) Umorismo (359) Viaggio (116) XXI secolo (155)

Informazioni generali

Data di nascita
1958-12-02
Sesso
male
Nazionalità
USA
Luogo di nascita
Amarillo, Texas, USA
Luogo di residenza
Amarillo, Texas, USA
Golden, Colorado, USA
Syracuse, New York, USA
Chicago, Illinois, USA
Rochester, New York, USA
Istruzione
Colorado School of Mines (B.S.|Geophysical Engineering)
Syracuse University (M.A.|Creative Writing)
Attività lavorative
geophysical engineer
technical writer
Organizzazioni
Harvard Lampoon, Honorary Membership
Premi e riconoscimenti
MacArthur Fellowship (2006)
Guggenheim Fellowship (2006)
Harvard Lampoon Good American Satirist Award (2002)
Lannen Foundation Fellowship (2002)
Syracuse University Fellow (1986-1988)
O. Henry Award, Third Prize (1999) (for "Sea Oak", The New Yorker, December 28, 1998 & January 4, 1999) (mostra tutto 11)
O. Henry Award, Third Prize (1998) (for "Winky", The New Yorker, July 28, 1997)
O. Henry Award, Second Prize (1997) (for "The Falls", The New Yorker, January 22, 1996)
Syracuse University Graduate Teaching Award (2000)
Lannan Literary Fellowship (2001)
American Academy of Arts and Letters Academy Award (Literature, 2009)
Breve biografia
George Saunders (born December 2, 1958) is an American writer of short stories, essays, novellas, children's books, and novels. His writing has appeared in The New Yorker, Harper's, McSweeney's, and GQ. He also contributed a weekly column, American Psyche, to the weekend magazine of The Guardian between 2006 and 2008.

A professor at Syracuse University, Saunders won the National Magazine Award for fiction in 1994, 1996, 2000, and 2004, and second prize in the O. Henry Awards in 1997. His first story collection, CivilWarLand in Bad Decline, was a finalist for the 1996 PEN/Hemingway Award. In 2006 Saunders received a MacArthur Fellowship. In 2006 he won the World Fantasy Award for his short story "CommComm".

His story collection In Persuasion Nation was a finalist for the Story Prize in 2007. In 2013, he won the PEN/Malamud Award and was a finalist for the National Book Award. Saunders's Tenth of December: Stories won the 2013 Story Prize for short-story collections and the inaugural (2014) Folio Prize. His novel Lincoln in the Bardo (Bloomsbury Publishing) won the 2017 Man Booker Prize.

Utenti

Discussioni

Happy sea creatures cling to fence singing at goats in Name that Book (Settembre 2014)

Recensioni

Assurdismo capitalista
Se c’è una cosa della letteratura statunitense che mi ha sempre affascinato, è che molto spesso gli scrittori più profondi e riconosciuti della nazione hanno dato una grande importanza al tema della critica al proprio stile di vita e al cosiddetto “sogno americano”. Oggigiorno, dove anche in Europa la critica alla mentalità statunitense è all’ordine del giorno, la cosa non dovrebbe certo stupire più di tanto.

E, se da una parte questo fenomeno dell’autocritica ci fa piacere, perché ci fa capire che non tutti gli statunitensi vivono in un film della Disney, dove però soffre chi è fuori dai riflettori, non possiamo sempre avere il lusso di sentirci diversi e superiori, nonostante la mancanza di alcuni problemi tipicamente statunitensi.

E le motivazioni sono molte, un docente di storia o di economia potrebbe fare una grande disamina di quanto gli Stati Uniti ci abbiano influenzati nel corso del tempo, ma ciò su cui mi interessava porre l’accento è la prospettiva che questa grande raccolta di racconti, pubblicata nel 2006, ci porta.

In questa piccola raccolta di frecciatine verso la patria, quest’ultima svolge quasi il ruolo di essere un po’ l’archetipo, l’estremizzazione di un sistema socio-economico, di fenomeni mediatici e persino estetici che agiscono anche nel resto del mondo, come si può evincere dalle brevi introduzioni ai quattro blocchi di racconti, che sembrano un po’ dei pezzi di un discorso politico a titolo “manuale per la nuova nazione”, che non pone come soggetto gli Stati Uniti e di conseguenza potrebbe alludere ad ogni luogo. In altre parole, c’è una dialettica singolare-universale che potenzia lo spettro della critica di George Saunders.

Tra di loro, i racconti differiscono molto nei generi. Alcuni, come “Natale” e “le Polacche” sono realistici e legati alla vita quotidiana, altri sono sovrannaturali, come l’omonimo “Nel Paese della Persuasione”, altri ancora come “Parlo anche io!” e “Jon” sono a tema fantascientifico. Nonostante questo apparente ecletticismo, la raccolta stupisce per la sua grande coesione, risultando un’eccellente lezione su come racconti di generi diversi possano sembrare molto simili tra di loro anche più di racconti di generi simili, fintanto che ci siano in comune un certo approccio e alcuni messaggi di fondo.

Le fantasie di Saunders sono in prevalenza caricaturali e legate ai prodotti industriali, attraverso cui vuole mostrare l’alienazione a cui porta il capitalismo. L’approccio non è però reattivo e rivoluzionario alla maniera Marxista, ma è di caricatura satirica, in una sorta di pop art in chiave letteraria. Il metodo di Saunders è infatti quello di replicare, come in un filtro deformante, gli stilemi e l’estetica del capitalismo, anche nello stile di scrittura, dove riesce a rendere semplicità e sperimentazione sinonimi.

Per fare degli esempi, “Parlo anche io!” è un racconto epistolare, dove il narratore è un impiegato di un marchio che vende un’invenzione che permette ad un neonato di simulare la parlata di un adulto, in modo da evitare balbettii e disturbi, ma disumanizzando il bambino e rendendolo un mero oggetto di divertimento anche per il contrasto tra un parlare forbito e i movimenti irrealistici del viso con la natura del pupo. Si tratta di uno dei racconti più surreali e comici della raccolta e si caratterizza non solo per la trovata buffa e di livello domestico (dopotutto un’invenzione del genere non suona grandiosa e non risolve grandi problematiche, a differenza della norma fantascientifica), ma per il linguaggio del racconto, che vuole imitare la parlata carismatica e falsamente appassionata che caratterizza le pubblicità e l’approccio dei venditori.

E’ ne “Il mio estroso nipotino” che figura una frase perfetta un po’ a riassumere tutto il messaggio della raccolta e del suo titolo stesso: “L’America, per me, dovrebbe essere un vocio continuo, un sacco di voci che strillano, quasi sempre cose sbagliate, anche assurde a volte, ma per favore, non una voce monotona che t’incanta parlando in modo ragionevole”.

“Jon” ci mostra una sorta di distopia edonista, dove è possibile modificare in linea temporanea lo stato d’animo per fuggire dal dolore e indurre un artefatto stato di gioia (traducendo in chiave letterale ed estremizzata le esigenze che molti tossici hanno quando, nella vita reale, si drogano). E’ la divergenza tra chi è affetto dalla droga e chi è lucido a mostrarci l'altro lato della medaglia di una simile condizione. A livello stilistico e strutturale, il racconto eccelle anche per la sovrabbondanza di product placement, numeri e formalismi da ufficio, che aumentano l’effetto alienante del racconto, che nell’ultima parte arriva a toccare tematiche a-la Philip K. Dick.

Ma è probabilmente l’omonimo racconto: “Nel paese della persuasione” il vero capolavoro della raccolta e il vertice del suo assurdismo e della sua genialità. Qui siamo in una sorta di “multiverso pubblicitario”, dove tanti personaggi e prodotti viventi (come nonne, barrette, arance, orsi, pacchetti di Doritos) vengono costretti a ricreare continuamente le scenette pubblicitarie e un personaggio finisce per acquisire coscienza delle dinamiche manipolative del proprio mondo. Anche lo stile qui si fa semplice, quasi privo di descrizioni e con ripetizioni cadenzate come in una favola, risultando quindi perfetto sia per la coerenza forma-contenuto che per la ripresa e manipolazione dell’immaginario commerciale e popolare, nonché per la scelta pungente e grottesca di creare un doppio livello di alienazione tra il nostro mondo e un piano di realtà che non esiste.

Ma, d’altra parte, Saunders non si limita a mostrarci le derive del capitalismo, ma compie anche discorsi di critica alla mentalità contemporanea comune, cosa che si vede soprattutto nei racconti realistici come “il mio emendamento”: uno dei racconti più comici e pungenti della raccolta dove il narratore fittizio crea il concetto di “para-omosessualità” per definire e punire i comportamenti al di fuori degli stereotipi di genere che potrebbero, secondo il narratore, rappresentare un desiderio omosessuale represso, come il non avere un comportamento volitivo per i maschi o l’essere “maschiacci” per le femmine e crea un sistema per misurare il tasso di para-omosessualità delle persone e agire in ambito civile sui legami delle coppie e sulla rieducazione. In questo racconto, Saunders adopera una critica non per invettiva personale ma per antitesi, immedesimandosi nel soggetto della critica, ovvero il narratore che nell’esplicare la sua teoria così estrema risulta auto-evidente nella sua assurdità e nella sua esagerazione, suscitando il riso e allo stesso tempo la riflessione sull’argomento dei ruoli che la società contemporanea richiede in noi.

In conclusione, molte delle tematiche trattate in questa raccolta sono, per molti aspetti, diventate più attuali oggi che nel 2006 e anche per questo si tratta di uno dei libri più belli e unici del nuovo millennio, una raccolta lungimirante che, sebbene talvolta altalenante (come spesso succede nelle antologie, ma anche nei momenti morti e di transizione dei romanzi), resta un capolavoro della narrativa breve che sicuramente ricorderemo in futuro.
… (altro)
½
 
Segnalato
Dreamweaver99 | 33 altre recensioni | Aug 2, 2022 |
Spietato e preveggente, immerso in uno humour straniato, questo libro dà voce al lato oscuro del sogno americano: una società che unisce libertà sfrenata e barbarie, tecnologia e povertà, diritti civili e pena di morte, sceriffi e profeti di strada, liberazione sessuale e ipocrisia moralistica.
 
Segnalato
kikka62 | 75 altre recensioni | Feb 4, 2020 |

Liste

2021 (1)
Reiny (1)
to get (1)
Ghosts (1)

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

Statistiche

Opere
44
Opere correlate
53
Utenti
20,976
Popolarità
#1,033
Voto
3.9
Recensioni
888
ISBN
289
Lingue
20
Preferito da
95

Grafici & Tabelle