Immagine dell'autore.

Per altri autori con il nome John Green, vedi la pagina di disambiguazione.

28+ opere 96,182 membri 4,074 recensioni 535 preferito

Sull'Autore

John Green was born in Indianapolis, Indiana on August 24, 1977. He graduated from Kenyon College in 2000 with a double major in English and religious studies. Before becoming a writer, he was a publishing assistant and production editor for Booklist, which is a book review journal. His first mostra altro novel, Looking for Alaska, was published in 2005 and won the Michael L. Printz Award for excellence in Young Adult literature in 2006. His other works include An Abundance of Katherines, a 2007 Michael L. Printz Award Honor Book; Paper Towns, which won the 2009 Edgar Award for Best Young Adult Novel and the 2010 Corine Literature Prize; and The Fault in Our Stars, which was a New York Times Best Seller. He is also the co-author, with David Levithan, of Will Grayson, Will Grayson. Two of John Green's titles, The Fault in Our Stars and Paper Towns, have been made into major motion pictures. His title, An Abundance of Katherines, made the New York Times Best Seller List. Paper Towns made The New Zealand Best Seller List 2015. (Bowker Author Biography) mostra meno
Fonte dell'immagine: Photo by Christopher Meerdo

Serie

Opere di John Green

Looking for Alaska (2005) 19,468 copie, 754 recensioni
Città di carta (2008) 16,159 copie, 564 recensioni
Teorema Catherine (2006) 11,738 copie, 395 recensioni
Will ti presento Will (2010) 7,576 copie, 341 recensioni
Turtles All the Way Down (2017) 6,942 copie, 233 recensioni
Let it Snow: Three Holiday Romances (2008) — Collaboratore — 3,648 copie, 128 recensioni
Zombicorns (2011) 150 copie, 13 recensioni
Scatterbrained (2006) — A cura di — 125 copie, 3 recensioni
Paper Towns [2015 film] (2015) — Autore — 85 copie, 1 recensione
The War for Banks Island 42 copie, 1 recensione

Opere correlate

Geektastic: Stories from the Nerd Herd (2009) — Collaboratore — 1,152 copie, 64 recensioni
This Star Won't Go Out: The Life and Words of Esther Grace Earl (2014) — Introduzione — 800 copie, 29 recensioni
The Fault in Our Stars [2014 film] (2014) — Original book — 414 copie, 3 recensioni
21 Proms (2007) — Collaboratore — 305 copie, 10 recensioni
Who Done It? (2013) — Collaboratore — 135 copie, 5 recensioni
Twice Told: Original Stories Inspired by Original Artwork (2006) — Collaboratore — 112 copie, 4 recensioni
What You Wish For: A Book for Darfur (2011) — Collaboratore — 71 copie

Etichette

2012 (250) 2013 (242) 2014 (199) adolescenti (559) Amicizia (1,208) Amore (773) Amsterdam (251) Cancro (978) Collegio scolastico (451) contemporaneo (640) da leggere (4,042) EBook (320) favoriti (353) firmato (407) Goodreads (206) John Green (394) kindle (277) letto (730) Lutto (240) Matematica (245) Mistero (470) Morte (951) Narrativa (3,885) narrativa contemporanea (203) narrativa realistica (808) passaggio all'età adulta (951) posseduto (342) relazioni (542) road trip (500) Romanzo (350) Romanzo (1,535) romanzo young adult (688) Saggistica (196) Scuola secondaria di secondo grado in Italia (511) Suicidio (251) teen fiction (198) teens (196) Umorismo (450) YA (3,886) YA (2,803)

Informazioni generali

Utenti

Discussioni

John Green? in Read YA Lit (Febbraio 2014)

Recensioni

Penso che John Green dovrebbe prendere seriamente in considerazione l'idea di diventare un aforista di professione. Non credo che lo farà, dato il consenso quasi universale dei suoi romanzi (e tutti i bei soldini sonanti che ne saranno derivati), ma la vendita di certi cioccolatini ne avrebbe tratto grande giovamento.

Colpa delle stelle non mi è piaciuto. Avevo già preparato i fazzoletti per piangere amaramente sulle ingiustizie della vita, ma sono rimasti inutilizzati. Almeno sarò pronta per il prossimo raffreddore.

Il fatto è che detesto i romanzi scritti a colpi di aforismi. Trovo inutile piazzare un bella frase a effetto in un mare di nulla: annega. Ecco quello che mi è successo leggendo Colpa delle stelle: mi sono ritrovata una specie di esercizio di stile. “Vediamo quante frasi a effetto riesco a piazzare in un solo romanzo”. Hai vinto il primo premio, Green.

Capisco che per rendere universale il messaggio che vuole trasmettere principalmente a un pubblico adolescente un autore calchi un po' la mano, facendo dire ai suoi personaggi le parole giuste al momento giusto. Posso capire anche una certa leggerezza nella caratterizzazione dei personaggi per gli stessi motivi. Ma un tema così importante, così doloroso, ha bisogno di una prosa potente, una di quelle prose che straziano il lettore e lo lasciano farfugliante in un turbinio di emozioni.

Green, invece, ha scritto un romanzo troppo letterario per poter avere un effetto devastante sulla mia sensibilità. Datemi della stronza cinica, del cuore di pietra e via dicendo, ma, mentre leggevo, mi sembrava quasi di veder lavorare gli ingranaggi nella mente di Green, affinché il romanzo assumesse la sua forma finale. La qual cosa non ha fatto che rafforzare in me la sensazione di avere tra le mani un freddo e calcolato sfoggio di abilità da aforista.
… (altro)
 
Segnalato
lasiepedimore | 1,555 altre recensioni | Aug 30, 2023 |
Io odio i libri sul cancro, li detesto con tutto il cuore! Con questo non mi riferisco a tutte le millanta biografie di persone più o meno famose che raccontano la loro esperienza, quei tipi di libri per quanto possano stufare sono autentici e con vere emozioni perché raccontano delle esperienze di vita vissuta sulla propria pelle e possono anche essere di stimolo per tutte quelle persone che si ritrovano tutti i giorni a dover lottare per la propria vita, odio invece quelle storie che per dare un tocco di drammaticità devono per forza ficcare a forza il cancro e un protagonista o personaggio malato. Quando sono venuta quindi a conoscenza di "Colpa delle stelle" ammetto che non ero particolarmente entusiasta, non solo c'era l'odiato stratagemma del protagonista con il cancro ma tutto era raddoppiato! Due protagonisti con il cancro? Roba da matti! E' stato per questo che ho rimandato per più di un anno la lettura del romanzo, trovavo forzata e odiosa una storia che aveva a mio avviso il solo scopo di sfruttare una malattia del genere per fare soldi, disprezzavo il libro e mal sopportavo tutte quelle frasi sdolcinate e quegli "Okay Okay" che tanto facevano rimbambire tutti. E' solo dopo più di un anno e con l'uscita del film nei cinema che mi sono decisa, ho preso il toro per le corna, sono andata a vedere il film al cinema e ho letto in pochissimi giorni il libro dandomi dell'idiota per i prosciutti che mi sono portata davanti agli occhi per tanto tempo.

"Colpa delle stelle "racconta la storia di Hazel Grace una ragazza che dall'età di tredici anni convive con il cancro, Hazel ha sedici anni e una vita piuttosto tranquilla divisa tra il college e il gruppo di sostegno della sua città (gruppo formato da ragazzi con le sue stesse problematiche e con il cancro), la giovane piuttosto riservata e costretta a portarsi costantemente una bombola d'ossigeno non ama molto socializzare, preferisce passare le sue giornate in casa a leggere e guardare la televisione, un giorno mentre si reca all'ennesima riunione del gruppetto incontra Augustus Gus Waters, diciottenne, ex giocatore di basket a cui tempo prima per colpa del cancro era stata amputata una gamba e Isaac amico di Gus, anch'esso con il cancro e destinato a diventare cieco.

Hazel e Gus iniziano fin da subito a parlarsi e a passare molto tempo insieme, i giovani condivideranno esperienze e passioni che li porteranno ad innamorarsi ma si sa il destino non sempre è favorevole e ben presto la vita della coppia è destinata a cambiare per sempre.

Che dire? WOW nonostante la trama banalotta, lei ama lui e lui ama lei e bla bla bla il risultato è davvero ottimo, il testo è molto scorrevole e si viene catturati tanto da leggere in fretta e furia per arrivare all'ahimè tristissimo finale. Devo dire che John Green è riuscito perfettamente non solo a scrivere una bellissima storia ma anche a rendere perfetti i personaggi. Hazel e Augustus sono molto ben sviluppati tanto da sembrare personaggi veri, durante la lettura mi sembrava quasi di sentirli vivi e (complice il film) mi pareva di vederli davanti a me. Solitamente odio almeno uno dei protagonisti, è più forte di me ma in questo caso non posso dire nulla contro nessuno dei personaggi presenti, sono tutti perfetti (anche se con qualche difettuccio ovvio, mica sono degli alieni, sono umani anche loro!)!

Haziel nonostante i discorsoni senza senso tra cui il famoso "teorema" delle uova strapazzate a colazione che mi ha fatto cadere le braccia, è molto simile a me, una ragazza timida, terrorizzata di ferire qualcuno (sentendosi un po' come una granata) tanto da decidere e cercare di allontanare tutti per evitare dolore e sofferenze, una giovane sensibile e amante della lettura che riesce a cogliere le sfumature della vita nonostante il pessimismo, insomma un personaggio bellissimo e complicato con il quale si riesce facilmente ad entrare in contatto

Augustus è decisamente diventato l'uomo della mia vita... se mai dovessi trovare un ragazzo lo voglio come lui (possibilmente senza cancro ovvio, va bene senza una gamba però anche con il cancro sarebbe una bella sfiga eh?) è simpaticissimo, spigliato, romantico, generoso, pazzo e chi più ne ha più ne metta. Gus al contrario di Haziel è positivo, vede il lato positivo di tutto, anche del cancro e mi ha fatto sorridere. Con quella sua sigaretta in bocca e il suo sorriso mi ha conquistata. Sembrerà stupido ma credo sia uno dei personaggi letterari più belli che mi sia mai capitato di conoscere, è l'incarnazione del "principe azzurro" ma non per questo troppo legato alle favole, il classico bravo ragazzo che tutte vorrebbero e che tutti i genitori sognano per le loro figlie, potrei stare ore a descrivere tutto quello che mi piace di lui ma non sarebbe il caso visto che le mie recensioni sono già dispersive senza bisogno di arricchirle ulteriormente di chiacchiere

Isaac nonostante sia un personaggio per così dire secondario mi ha divertito, mi è molto dispiaciuto il mancato happy ending con Monica, mi sarebbe molto piaciuto vedere un minimo "favoletta" con un ricongiungimento e un "pentimento" di Monica... sarebbe stato carino almeno per questa volta vedere trionfare l'amore invece no e nonostante il mio lato da fan girl bimbominchiosa ho ugualmente apprezzato il personaggio che forse avrebbe dovuto avere un ruolo un po' più attivo

Peter Van Houten come non amare quest'uomo?! Il classico scrittore che scrive bene e razzola male ma non per cattiveria quanto per le sue vicende personali che l'hanno ferito?! Neanche per un secondo mi è passato per la testa di odiarlo anzi, il suo modo di fare mi ha conquistata, nonostante non sia uno dei protagonisti e nonostante non si conosca molto della sua vita John Green è riuscito a creare un personaggio ben caratterizzato che dimostra come non sempre sapere i mille affari e miracoli di un personaggio sia necessario per conoscerlo davvero a fondo. In poche scene e battute Van Houten si mette a nudo e riesce a farsi amare per quello che è, un uomo che come tutti gli uomini ha debolezze e una storia e dei ricordi che lo hanno reso cinico, freddo e palesemente alcolizzato, un personaggio che non sono riuscita a vedere come negativo nonostante il comportamento... che dire? Un applauso al super John!!

E proprio a proposito di Peter Van Houten come non si fa ad inserire nei pro proprio il romanzo "Un'imperiale afflizione"? Un romanzo così vissuto da desiderare di leggerlo! Io e tanti altri abbiamo cercato un riferimento sul web per poi scoprire che non esiste! John Green non ha solo scritto un libro ma dentro il suo libro ne ha creato un altro che spero con tutto il cuore John Green deciderà prima o poi di regalarci scrivendolo per davvero. Già solo la genialità di riuscire a creare un finto romanzo nel romanzo dimostra la bravura di questo scrittore perchè spingere dei lettori ad amare e desiderare un libro che nella realtà neanche esiste non è certo un'impresa da tutti!

Insomma questo libro è bello, forse non realistico come altri, forse a tratti troppo sdolcinato ma BELLO. Consiglio la lettura a tutti quelli che cercano:

una lettura che non sia troppo impegnativa (nonostante il tema trattato la storia infatti non è particolarmente ingarbugliata o complicata)
- una storia romantica
- una storia strappalacrime
- un buon libro

Sconsigliato per chi:
- Non è romantico (potrebbe vomitare arcobaleni leggendolo)
- Non crede troppo nell'amore
- Ama il lieto fine (niente da fare per voi, purtroppo)

Come ogni libro che si rispetti anche da "Colpa delle stelle" è stato tratto un film che si intitola con moltissima originalità "Colpa delle stelle", titolo che renderà felici tutti i puristi che si lamentano dei titoli orrendi che vengono appioppati non solo ai film ma anche ai libri.

Su questo film non c'è molto da dire se non che per una BENEDETTA VOLTA tutto va come deve andare! Se in tantissimi e sottolineo tantissimi casi il povero lettore deve strapparsi i capelli piangendo davanti allo scempio e alle mille modifiche introdotte dai grandi "creativi" in questo caso fortunatamente si può tirare un sospiro di sollievo perché tutto è come deve essere. Tralasciando la scelta degli attori che a quanto ho potuto sentire non è piaciuta a tutti (anche se non nel mio caso) la trama e lo sviluppo della storia è identica al libro, non ci sono scene in più, aggiunte alla cavolo ma quelle del libro così come il finale. Vengono riportati fedelmente dialoghi, vicende dal volume e gli autori riescono a fare il resto.... almeno nella versione completa. Purtroppo infatti come spesso succede i film subiscono vere e proprie mutilazioni dall'uscita originale alla trasposizione e questo è simpaticamente avvenuto nella versione cinematografica in cui mancano alcune scene tra cui quella della famosa altalena (chi ha letto il libro sicuramente si ricorderà quella parte), scena simpaticissima e divertente misteriosamente scomparsa al cinema e che sono riuscita a vedere solo in uno streaming in lingua, oltre a quella manca ad esempio un dialogo tra madre e figlia sarebbe stato bello vedere per rendere meglio giustizia al rapporto tra Hazel e la madre, insomma non essendo esperta di cinema non posso certo esprimermi su inquadrature, sceneggiatura o altro, posso solo dire che la scelta degli attori è stata perfetta e azzeccata, ho avuto un primo shock vedendo Ansel Elgort interprete di Gus che da brava lettrice avevo immaginato molto diverso ma la sua bravura e naturalezza mi ha conquistata togliendomi ogni dubbio e riuscendo a coinvolgermi, altro shock ma in positivo per Willem Dafoe (
… (altro)
 
Segnalato
GiadaLexy | 1,555 altre recensioni | Sep 27, 2020 |
Romanzo giovanilista, scritto abbastanza bene, spesso comico, buono e originale lo spunto. Però il tutto svolto in maniera molto superficiale.
Mi meraviglio del successo dell'autore.
 
Segnalato
jcumani | 394 altre recensioni | Aug 24, 2017 |
Molto commovente e ricco di colpi di scena
 
Segnalato
Claudy73 | 1,555 altre recensioni | Mar 11, 2015 |

Liste

Premi e riconoscimenti

Potrebbero anche piacerti

Autori correlati

Statistiche

Opere
28
Opere correlate
7
Utenti
96,182
Popolarità
#95
Voto
4.0
Recensioni
4,074
ISBN
1,055
Lingue
34
Preferito da
535

Grafici & Tabelle